home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 90.489.686 visualizzazioni ]
14/04/2011 0.07.42 - Articolo letto 5861 volte

Incontro con il neo presidente del Parco della Murgia Materana

Vandalismo dintorni cripta di Cristo La Selva Vandalismo dintorni cripta di Cristo La Selva
Cava di tufo adibita a discarica Cava di tufo adibita a discarica
Vandalismo dintorni grotta pipistrelli Vandalismo dintorni grotta pipistrelli
Discarica abusiva nel Parco Discarica abusiva nel Parco
Media voti: Incontro con il neo presidente del Parco della Murgia Materana - Voti: 0
Si è parlato dei molteplici problemi che affliggono l'area protetta e delle possibili soluzioni
Matera Si comunica che giovedì 7 aprile 2011 alle 16.30 una delegazione di rappresentanti di associazioni e operatori turistici materani (MATERAZIONE – Gruppo di Azione Civica per Matera, ass.  B.R.I.O. - sezione di Matera, SassieMurgia, Basilicata Tour, Ferula Viaggi, e due note strutture ricettive del Sasso Barisano) hanno incontrato il neo presidente dell’Ente di gestione del Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese rupestri del Materano, ing. Pellecchia, insediatosi appena qualche giorno prima.  
L’incontro, tenutosi per circa due ore presso la sede dell’Ente in via Sette Dolori, 10 in un clima di grande ascolto reciproco e cordialità, ha avuto come oggetto i seguenti temi: i numerosi atti vandalici a danno di importanti siti rupestri, gli abbandoni incessanti di rifiuti di ogni tipo, specie nell’area di Murgia Timone, lo stato tristemente noto e mai risolto di grave inquinamento in cui langue da qualche decennio il torrente Gravina e, infine, il caso eclatante dello stato di incuria in cui versa da troppi anni la stupenda Chiesa rupestre S. Maria della Vaglia. Per ogni tema sono state dibattute le possibili proposte di risoluzione.
Per gli atti vandalici, consistenti in gravi imbrattamenti e incisioni a danno di molti importanti siti rupestri, puntualmente documentati anche in servizi televisivi (tra i più  clamorosi l’ovile secentesco in contrada S.Angelo, nei pressi di Agna Le Piane, la paleolitica Grotta dei Pipistrelli, S. Maria degli Angeli), i rappresentanti della società civile hanno fatto presente la loro preoccupazione per il danno arrecato ai luoghi, impunemente violentati nel loro valore storico-artistico da persone senza consapevolezza delle gravità dei loro gesti. I loro graffiti, infatti, hanno di fatto danneggiato dei luoghi simbolo dell’arte rupestre, precludendone la fruizione ai vari visitatori, essendo le guide turistiche ed escursionistiche costrette ad evitarle, per non presentare loro spettacoli così indegni.
Posto che non è possibile né auspicabile recintare l’intero perimetro dell’area protetta e considerato che molti dei siti minacciati da incuria e vandalismo rientrano in aree di proprietà privata, si è pensato di procedere alla chiusura di quei siti che ricadono nel demanio statale; per quelli rientranti in aree di proprietà private invece si può solo cercare di sensibilizzare i rispettivi proprietari al problema, cercando di trovare accordi per il ripristino, sempre tenendo conto della disponibilità finanziaria dell’Ente oppure rivolgendosi a sponsor privati o pubblici(es. Pisus). Di pari passo, certamente si dovranno attuare campagne informative e di sensibilizzazione nelle scuole, spot, cortometraggi, etc.
Per quanto riguarda gli abbandoni dei rifiuti nel Parco, problema noto da tempo e che appanna l’immagine soprattutto dell’area di Murgia Timone, la più visitata dai turisti, si può intervenire con la pulizia periodica (magari una volta a settimana) affidata ad operatori del CEA (Centro di Educazione Ambientale) previo accordo con gli stessi; parallelamente si può pensare ad una chiusura sperimentale alle autovetture dell’accesso dell’area all’altezza dell’ingresso monumentale dalla SS. 7, limitatamente alle ore notturne, dato che è in questo spazio di tempo che si concentrano maggiormente gli abbandoni di ogni genere di rifiuti (compresi ingombranti e speciali). C’è da dire, a questo proposito, che ha avuto effetti benefici, quanto a salvaguardia dei luoghi, lo sbarramento alle auto di un sentiero trasversale al piazzale del Belvedere. Per un discorso di lungo termine invece si può pensare a specifiche campagne si sensibilizzazione nelle scuole, sia primarie che secondarie, e tramite i media locali (incluso messaggi durante la proiezione di film al cinema). Venendo all’inquinamento del Torrente Gravina si è registrata da entrambe le parti rabbia e sconcerto per un problema che si trascina da diversi lustri in un rimpallo assurdo di responsabilità e che ha visto anche esposti alla procura della Repubblica di Matera. E’ un problema che ferisce profondamente il Parco e la città di Matera tutta e che appare grottesco se si pensa al carattere protetto dell’area e al Patrocinio UNESCO. Avendo constatato l’infruttuosità della pressione sulla città di Altamura ad intervenire sul funzionamento dei suoi depuratori, è ormai chiaro che bisogna agire primariamente a livello locale implementando il sistema di depurazione esistente e filtrando chimicamente l’acqua inquinata proveniente dal Torrente Jesce, in cui è stata riscontrata anche la presenza di azoto. Non è più rinviabile inoltre l’eliminazione di tutti gli scarichi abusivi presenti nella stessa città dei Sassi (in via Casalnuovo per esempio) e su questo occorrerà un monitoraggio puntuale e sanzioni ai trasgressori.
L’ultimo, ma non meno importante, punto affrontato riguarda l’incredibile stato di incuria e abbandono in cui giace la splendida chiesa rupestre S. Maria della Valle, detta anche alla Vaglia, addirittura risalente all’VIII secolo d.C. Questa cattedrale rupestre (la più grande tra le chiese rupestri), dopo che è stata chiusa per lavori di restauro qualche anno fa, pare sia  precipitata nella più totale dimenticanza delle istituzioni preposte alla sua tutela, malgrado il suo inestimabile valore artistico. Alla sua preclusione al pubblico si aggiunge la seria minaccia al suo apparato di affreschi, dovuta agli escrementi corrosivi prodotti dai piccioni, entrati  al suo interno da un’apertura nella rete di protezione superiore. Quindi si è ribadita la necessità di un rapido intervento volto a rimuovere il materiale deposto ed i volatili, provvedendo alla riparazione della rete di copertura presso il soffitto della Chiesa. Una volta completati gli interventi di restauro a cura della Sovrintendenza al Beni Storico-Artistici di Matera, si può pensare ad un progetto più ampio di valorizzazione e fruizione turistica dell’importante monumento rupestre; infatti, considerando la buona facilità di accesso allo stesso (a differenza di altri complessi rupestri) si possono concepire itinerari appositi che includano questo sito, posto proprio all’ingresso della città.
In conclusione si è posto l’accento sul valore della fattiva collaborazione del mondo associativo con l’Ente Parco per tutte le situazioni su cui si è dibattuto e in quest’ottica si è avanzata la proposta di impiegare personale volontario, provvisto di decreto provinciale di guardia guardia giurata venatorio-ambientale, a supporto della vigilanza nelle aree sensibili e previa specifica convenzione con le associazioni ambientaliste più sensibili.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi