home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.335.083 visualizzazioni ]
06/04/2011 11.27.20 - Articolo letto 5206 volte

PETROLIO e GAS energie da e per la nostra terra

Estrazione del petrolio Estrazione del petrolio
Media voti: PETROLIO e GAS energie da e per la  nostra terra - Voti: 1
Risorse a disposizione dell’ITALIA solo se sono una vera occasione di rilancio dell’economia della nostra Basilicata
Basilicata La richiesta del Governo Nazionale e dell’ENI, - afferma Luca Braia Consigliere Regionale PD - la maggiore compagnia Italiana impegnata nelle attività di estrazione del Petrolio in Val D’Agri da oltre un decennio, di voler ridefinire con la Regione Basilicata i termini di una nuova intesa utile ad aumentare, nella medesima area,  di altri 25.000 barili  la produzione giornaliera di greggio attraverso l’utilizzo di un numero inferiore dei 62 pozzi già autorizzati e di effettuare una trasformazione delle tecnologie in uso per abbattere anche l’impatto ambientale, unite alla richiesta di altri player internazionali di stoccare ed utilizzare al meglio un’altra straordinaria risorsa rappresentata dal gas, sono una straordinaria occasione per ricontrattare i termini per un reale rilancio economico ed occupazionale della nostra Regione.
La crisi geopolitica e militare scoppiata in tutti i paesi del nord africa, maggiori produttori al mondo di petrolio e la tragedia determinata dallo tsunami in Giappone, che oltre a fare migliaia di morti ha anche provocato danni irreparabili alle centrali nucleari di Fukujma, hanno condannato definitivamente a morte, almeno per ora, l’opzione del nucleare (la Regione Basilicata lo aveva fatto già da tempo) ed hanno riportato alla ribalta del mondo ancora un volta il tema della energia in generale, dell’importanza ma non autosufficienza delle energie rinnovabili (tanto che non si chiamano più alternative), della sostenibilità ambientale e dell’insostituibilità, ancora per molto tempo, dell’energia fossile per eccellenza rappresentata dal petrolio.
La crisi economica mondiale, una disoccupazione in Italia all’ 8% e quella giovanile al 28 %, il costo del petrolio volato ad oltre 110 euro al barile,  dei carburanti  e del gas domestico che nell’ultimo anno salgono del quasi 20%,  il tema introdotto dal governo centrale del federalismoche  speriamo arrivi presto anche a quello “delle risorse”, sono oggi fenomeni che si consumano all’interno di una società che diventa sempre più consumistica e divoratrice di energia.
I due eventi tanto straordinari quanto inaspettati, di cui sopra, succedutisi negli ultimi 2 mesi, hanno stravolto le situazioni di contesto sopra accennate, in cui questa trattativa tra governo italiano, compagnie petrolifere  e Regione Basilicata si incardina, aumentando l’importanza in maniera esponenziale del “tesoro”nascosto nelle nostre viscere che potrebbe produrre nei prossimi anni ben 175.000 barili al giorno di petrolio, quasi il 10 % del fabbisogno energetico nazionale.
In tale scenario, diventa fondamentale e strategica il compito che ieri il Consiglio Regionale ha dato al governatore De Filippo, quello di una delega piena a “trattare”  con tutti gli “attori”la partita più importante della storia lucana.
Una partita da giocare con tutte le “carte”disponibili che vanno dal petrolio al pas con le sue ipotesi di stoccaggio su suolo lucano, per elevare quanto più possibile la richiesta di una contropartita che non potrà più essere solo economica (tale trattativa è aggiuntiva alle Royalities) ma che debba riguardare soprattutto la prevenzione, la difesa e la tutela della salute e dell’ ambiente fondamentale per supportare il definitivo rilancio del settore del turismo e dell’agricoltura, ed un nuovo impulso al sistema economico regionale attraverso poderosi investimenti in formazione e ricercae nella realizzazione in Basilicata di un “Polo dell’Energia”,del polo sulla “chimica verde”e definitivo lancio del “Polo Spaziale e dell’OT” per una “nuovaBASILICATA”.
Fondamentale sarà, per rendere possibile il rilancio, connettere la Basilicata al resto del mondo,  attraverso investimenti che ci consentono di collegarci facilmente ai “corridoi di trasporto nazionali ed internazionali” tra i quali non dovràrimanere esclusa il completamento ed il definitivo decollo dell’aeroporto “Pista Mattei” di Pisticci, per consentire alla nostra Regione di svolgere un ruolo importante come “porta dell’Europa e del Mediterraneo” che una strategica posizione geografica ci assegna naturalmente .
Dal consiglio di ieri sono stati consegnati al Presidentealtri obbiettivi, difficili ma molto importanti da raggiungere, il primo è la possibilità di far considerare dal governo nazionale le misure da contrattare fuori dalla mannaia del “Patto di stabilita”che rende impossibili gli investimenti, il secondo è che la sede delle societàche estraggono ed operano con le nostre risorse petrolio e gas, sia in Basilicata, per determinare il pagamento delle tasse e dell’iva nella nostra regione, una operazione non da poco in vista di quel “federalismo fiscale”che vuole che le Regioni paghino i propri servizi con i tributi versati dai propri cittadini e dalle imprese sul territorio operano.
La centralità del Consiglio Regionale rimarrà fondamentale, per la verifica della congruità degli accordi che saranno oggetto della trattativa ma soprattutto per la puntuale e sistematica verifica delle modalità in cui gli investimenti saranno realizzati e dei risultati, che ora , differenza di quanto successo nel passato, dovranno essere assolutamente raggiunti .
 Per noi lucani , per la la Basilicata e per De Filippo potrebbe valere una citazione che ritengo in questo caso quanto mai appropriata :
     "Non esiste la fortuna, esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione". (LUCIO Anneo Seneca)



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi