home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 91.219.444 visualizzazioni ]
28/03/2011 21.06.55 - Articolo letto 4106 volte

Piano casa: riflessione della CGIL

CGIL CGIL
Media voti: Piano casa: riflessione della CGIL - Voti: 1
Politiche abitative rispettose dell’ambiente, rispettose del piano regolatore
Matera "Lascia stupefatti - sostiene Manuele Taratufolo della CGIL - la reazione provocata dalla posizione espressa dalla CGIL sul piano casa.
 
Se si chiede un  confronto, bisogna portare a valore e a sintesi i contributi che si ricevono da ciascuno dei soggetti sociali coinvolti.
Se invece questi contributi vengono scartati o liquidati con qualche battuta perché contrari a posizioni che, a questo punto, sono già definite e che non ammettono repliche, il confronto e' inutile.
 
La cosa che più rammarica è che quanto espresso dalla CGIL non sia stato interpretato come valore aggiunto ad una discussione che ha dimenticato un punto di partenza fondamentale, per il sindacato:
 
  1. la gente comune, che ha bisogno di una casa;
  2. l’universalita';
  3. la necessita' di dare alla città di MATERA un volto nuovo attraverso un progetto moderno di riqualificazione e gestione urbanistica, che la renda più vivibile per tutti.
 
La posizione della CGIL è obiettiva, non mira a difendere o tutelare lobby o fazioni di partito, ed è una posizione già sostenuta in tempi non sospetti, circa due anni fa, il 18 novembre 2009, in occasione di un’iniziativa pubblica organizzata dalla CGIL in ricordo del primo sciopero sul diritto alla casa (19 novembre 1969). Uno sciopero che segnò una fase importante nello stesso sindacato confederale di CGIL CISL UIL.
 
La protesta e la rivendicazione sindacale, nel ’69, erano nutrite di temi legati anche alle condizioni di vita nella città e nel territorio e non riguardavano solo le questioni dei salari e dei contratti nelle fabbriche o le condizioni di lavoro nelle campagne.
 
Questo rese il sindacato confederale molto responsabile in quanto i problemi degli operai, dei braccianti, dei lavoratori erano visti non isolatamente rispetto al contesto in cui vivevano. Si affrontarono così, unitariamente e convintamente, i temi della città che divennero oggetto di una grande vertenza che riguardava il problema dei trasporti pubblici, della casa, dei servizi sociali e che si concluse con il grande sciopero unitario del 19 novembre 1969.
 
Quello sciopero rappresentò il conseguimento di grandi conquiste legislative e sociali (sviluppo dell’edilizia residenziale pubblica, piani di edilizia economica e popolare, edilizia agevolata in cooperativa – legge 167 – equo canone) che consentirono a milioni di lavoratori di accedere al bene casa.
 
Ecco: la CGIL ha espresso una posizione di coerenza col suo ruolo di sindacato confederale, memore di quelle antiche battaglie che sono molto attuali anche oggi in cui abbiamo un Governo centrale che nega diritti e bisogni della gente rendendo complicato garantire quanto previsto dalla Costituzione e cioè l’uguaglianza dei cittadini.
 
Al Sindaco, al quale si deve rispetto come persona e come primo cittadino, la CGIL chiede di non guardare con sospetto o addirittura disprezzo alla posizione espressa, ma di averne rispetto e di coglierne spunti positivi e propositivi per colmare quelle lacune che, purtroppo, attualmente, il Piano Casa ha.
 
A chi poi incautamente si è avventurato in un attacco insensato verso l'Organizzazione, la CGIL manda a dire che egli non è degno di utilizzare quei termini cinici e inopportuni verso una Confederazione di lavoratori che vanta una rispettabilissima ultracentenaria storia di conquiste e lotte fatte nell’interesse generale della gente.  Chi fa politica dovrebbe perseguire l’interesse generale in maniera disinteressata. Ma questo concetto è troppo ostico per chi cambia facilmente casacca a seconda di interessi personali da gestire.
 
La posizione della CGIL è coerente col ruolo in 100 anni di storia e sarebbe stata una scellerata mancanza non far presente all’Amm.ne comunale che un Piano Casa è tale se è aderente alla realtà e se contribuisce a realizzare un progetto che porti politiche abitative inclusive, rispettose dell’ambiente, rispettose dell’esistente piano regolatore, miranti a realizzare un equilibrio tra invenduto sfitto e nuove e ulteriori costruzioni ma soprattutto a consentire di trovare case a costi compatibili coi risicati redditi imperanti nella ns. comunità."



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi