home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.313.498 visualizzazioni ]
02/03/2011 15.00.42 - Articolo letto 4179 volte

Una task force ambientale per affrontare le emergenze

LUCA BRAIA LUCA BRAIA
Media voti: Una task force ambientale per affrontare le emergenze - Voti: 0
E' quanto propone Luca Braia
Basilicata Oramai non fa più notizia, ogni qual volta, nella nostra provincia, ci sono 24 o 48 ore di pioggia, il nostro territorio emette delle enormi grida di dolore, si lacera pericolosamente, lanciandoci avvertimenti inequivocabili per una serie notevoli di criticità sin da troppo tempo note e mai totalmente e adeguatamente affrontate.
La nostra azione di consiglieri e quella del governo regionale  non può più esaurirsi con l’emissione di un comunicato stampa,  la presentazione di una interrogazione o lo stanziamento di poche centinaia di migliaia di euro utili forse a ripristinare una paratia, pulire 100 metri di fiume o costruire una palizzata per correggere il corso di un fiume che in 30 anni ha totalmente cambiato il suo piano di scorrimento. 
Ancora una volta il nostro territorio si mostra in tutta la sua fragilità  e per questo credo che sia giunto  il momento di  invertire totalmente l’approccio al tema, tanto da considerare investimento ciò che sino ad oggi è stato considerato spesa”e praticando azioni sempre meno dal carattere dell’emergenza  e sempre più da quello della  prevenzione, del monitoraggio, della  manutenzione e della tutela”  
E’ giunta l’ora che l’unica Regione italiana in cui insistono contemporaneamente l’A.S.I. (unica Agenzia Italiana che si occupa di Spazio a livello mondiale), le migliori PMI e grandi  imprese  del settore dell’Osservazione della Terra e del Remote Sensing a livello italiano ed europeo ed il più importante Centro Nazionale di Ricerca specializzato nel monitoraggio ambientale, in collaborazione con la protezione civile italiana, lanci un grande programma di investimento finalizzato alla :
-         realizzazione immediata di una serie di lavori ed opere infrastrutturali importanti per la pulizia, la manutenzione continua e la regimentazione di tutti i fiumi della nostra regione, prima vera emergenza da affrontare in maniera improcrastinabile a salvaguardia del nostro sistema viario ed urbano oltre che a tutela delle colture e più in generale del sistema agricolo regionale e delle nostre coste;
-         la costituzione di una task  force  ambientale”  di cui “l’osservatorio” già esistente ne è solo una componente, in grado di individuare e mappare tutte le criticità ambientali presenti nel nostro territorio e di affrontare in maniera continua e costante tutte le iniziative da mettere in campo per salvare il nostro straordinario ma fragilissimo e complesso ecosistema caratterizzato da problemi in alcune aree di erosione, in altre di tipo idrogeologico, in altre di tipo sismico ed in altre ancora interessato da fenomeni alluvionali e di stabilità in generale;
-         istituzione di un “centro di monitoraggio ambientale integrato” magari nella costruenda “Cittadella dello Spazio nella città di Matera” in grado di rappresentare il luogo anche fisico dove concentrare tutto il know how privato ed istituzionale esistente nella nostra Regione, in grado di operare e sperimentare tecniche anche innovative finalizzate alla prevenzione, al monitoraggio ed alla tutela dell’ambiente e del territorio, tali da poter rappresentare l’eccellenza in campo nazionale ed internazionale, tanto da poter essere esportate rappresentandone così anche una enorme opportunità di business per le nostre imprese  ed  una enorme opportunità di crescita occupazionale per la Basilicata.
 
 
 
 
Alla realizzazione di questo  ambizioso ma ormai irrinunciabile programma di investimenti necessario nel nostro territorio dovranno essere chiamati dalla Regione Basilicata, il governo nazionale, il governo europeo attraverso il cofinanziamento di progetti mirati nel settore e le compagnie petrolifere che estraggono in Basilicata. A tal proposito una prima importantissima occasione di confronto può essere  la prima conferenza "Petrolioeambiente" che si terra domani 3 e venerdi 4 marzo a Matera e sabato 5 a Viggiano.
Altra importante opportunità di finanziamento, proiettabile nel tempo, dovrà essere quella riveniente, a partire dai prossimi mesi,  da tutte le imprese e grandi multinazionali dell’energia che  investiranno sul nostro territorio  quasi 5 miliardi di Euro per l’installazione di impianti di produzione e/o gestione di energia alternativa a vario titolo  o di Gas.
Credo sia assolutamente arrivato il momento, che una quota aggiuntiva delle cosiddette “compensazioni ambientali”, possa essere esclusivamente utilizzato in maniera sistematica per le attività di manutenzione e monitoraggio del nostro territorio”.
Sono convinto che, in questo progetto di autentico “salvataggio ambientale”, che con un po’ slancio internazionale chiamerei “LAND AID Basilicata” oltre al pieno coinvolgimento del sistema delle Imprese piccole o medio grandi che lavorano e fanno già da decenni occupazione nella nostra regione nel settore del monitoraggio ambientale,  sia opportuno immaginare ad un ruolo strategico ed importante da far svolgere alle migliaia di operai  impegnati da anni a vario titolo in progetti legati ad attività di tutela del patrimonio boschivo  o manutenzione stradali, la cui enorme spesa credo che, a determinate condizioni, si possa e si debba assolutamente qualificare, magari anche incrementandola ma facendola diventare finalmente “efficiente” a vantaggio di tutti e soprattutto della nostra“Basilicata da salvare”.
 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi