home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.657.272 visualizzazioni ]
10/01/2011 23.45.42 - Articolo letto 4574 volte

QUALE FUTURO PER LA FERROSUD?

Stabilimento della Ferrosud SpA (foto SassiLand) Stabilimento della Ferrosud SpA (foto SassiLand)
Media voti: QUALE FUTURO PER LA FERROSUD? - Voti: 0
Lo chiede la CGIL
Matera Altri 144 posti di lavoro a rischio. Ancora famiglie sul lastrico, nel cuore di una crisi che non sembra avviarsi verso una soluzione.
Questa volta tocca allo stabilimento della Ferrosud che, da oltre 40 anni, produce a Matera carrozze ferroviarie.
 
8 anni fa, con l'acquisizione da parte del Gruppo Mancini, inizia l'agonia, poi la progressiva riduzione della commessa Ansaldo Breda, la conseguente cassa integrazione, fino alla richiesta di concordato preventivo.
 
Il 12 gennaio p.v. il tribunale si pronuncerà ed a quel punto si apriranno nuovi scenari, negativi per i 144 lavoratori coinvolti, positivi per la proprietà, che, nel caso di omologazione del concordato, potrà alzare il prezzo di vendita del sito.
 
Un clichè già noto al territorio: dopo aver ricevuto danaro pubblico per investimenti, il Gruppo Mancini cerca il miglior acquirente per il sito Ferrosud.
Un ottimo affare economico per un’azienda, che ha avuto la capacità di disintegrare in pochi anni la capacità produttiva di una fabbrica che da oltre 40 anni produceva carrozze ferroviarie per Trenitalia.
 
CGIL CISL UIL, insieme alle categorie dei metalmeccanici, non permetteranno che si consumi questa nuova chiusura, nè che si sottragga alla città di Matera questa importante attività produttiva.
 
Dopo la chiusura dello stabilimento Barilla e l'agonia della produzione di imbottiti, il territorio non può subire una nuova perdita di posti di lavoro e di produzione.
 
Per questo, è necessario che la politica istituzionale si impegni fino in fondo per difendere i 144 posti di lavoro e per mantenere a Matera la produzione di carrozze ferroviarie, evitando di considerare positive proposte imprenditoriali che non potrebbero garantire un futuro occupazionale durevole.
 
Riconvertire l’azienda, infatti, significherebbe abbandonare una produzione garantita da un mercato in espansione a livello globale, per un’incerta e nuova esperienza imprenditoriale.
 
Nei prossimi giorni, sarà necessario mettere in campo una mobilitazione straordinaria di istituzioni e parti sociali per difendere il futuro e gli interessi dei 144 lavoratori, per scongiurare una nuova depredazione del territorio, per garantire continuità lavorativa e occupazionale in tale stabilimento di cui bisogna conservare sue caratteristiche storiche peculiari.
 
Il sindacato confederale e di categoria non farà mancare la sua forza e supporto acchè nel territorio non si consumi l’ennesima iattura contro l’ economia materana e contro i suoi lavoratori. Tale obiettivo resta per CGIL CISL UIL primario e imprescindibile.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi