home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.349.857 visualizzazioni ]
17/11/2010 19.39.33 - Articolo letto 7164 volte

I supermercati GS chiudono a Matera - lavoratori in difficoltà

Ipercoop Ipercoop
Media voti: I supermercati GS chiudono a Matera - lavoratori in difficoltà - Voti: 2
Le considerazioni del consigliere Pedicini
di ADRIANO PEDICINI
Matera In attesa di cosa farà la politica nazionale, qui da noi non ci si entusiasma più di tanto, del resto siamo nella regione dove la politica dell’alternanza non ha alcun senso, ogni governo territoriale è certo di esser rinnovato qualunque sia stata e sarà la sua politica. Tutto ciò comporta un vero e proprio disinteresse ad occuparsi delle emergenze. Riflettiamo un attimo: credo che ognuno di noi possa individuare nelle politiche del lavoro il vero dramma della nostra città. Penso che il tasso di disoccupazione attuale non ha pari con alcun periodo precedente, se poi a questo dato, aggiungiamo anche i lavoratori che, disoccupati non sono, collocati sull’orlo del baratro dove, alcuna possibilità di inserimento nel mondo del lavoro possono fantasticare, (mi riferisco ai cassintegrati del polo del salotto), scopriremo che siamo alla catastrofe. Tutti si aspettavano momenti di mobilitazione, invece, a tutt’oggi, non c’è stato neanche lontanamente, il benché minimo accenno di protesta. Questo lascia senza parole. I lavoratori sono rassegnati al peggio? o sono strasicuri di essere ricollocati? cosa che ci auguriamo tutti, ma con aziende fallite, afferriamo bene quali possano essere i risultati. Ed in questo scenario la politica cosa fa? si disinteressa del problema, come se non gli appartenesse tant’è vero che la commissione “Politiche attive per il lavoro e lo sviluppo”, commissione alla quale appartengo, non si accorge del grave momento e si pone in disparte; mai convocata, mai accennata, buio totale sulle politiche del lavoro. L’unica politica pensata è quella dell’incertezza, corsi di formazione del nulla, capaci di soddisfare le esigenze dei docenti, che un lavoro già ce l’hanno, di deludere chi lo cerca. Quando si perdono unità lavorative nel settore della grande distribuzione, l’allarme diviene altissimo, il centro commerciale “IL CIRCO” nato sotto i migliori auspici, ha chiuso il sipario. I lavoratori dei supermercati GS, di quel plesso e di via La Martella, vedono addensarsi giornate grigie nel loro futuro. Le conseguenze del passaggio di proprietà tra Carrefour–GS al gruppo COOP, possono essere valutate oggi: i due GS ceduti da Carrefour alla Megamark, a meno di un anno di gestione, vengono ancora venduti ad altra società, perchè come spesso accade, Matera, città delle meraviglie, patrimonio UNESCO, candidata a capitale europea della cultura, per il mondo economico non è interessante. La nuova società acquirente, ovviamente non mantiene i due punti vendita ma solo uno, riduce il personale e le ore lavorative. Ai giovani e coraggiosi lavoratori non rimane altro da fare che chiedere, per conservare il posto di lavoro, il trasferimento in altre sedi della Puglia del gruppo Megamark e questa città perde sempre più pezzi. Anche la situazione COOP non è delle più rosee, un anno fa i lavoratori in quell’azienda erano 134, oggi questo numero è stato drasticamente ridotto: dimissioni volontarie, mobilità, cassa integrazione,  eliminazione di alcuni settori, trasferimento in altre sedi, a dirla in breve una perdita della forza lavoro notevole. Pochi conoscono le cifre investite dalla regione Basilicata nella formazione in 10 anni di vita del centro commerciale Venusio, forse qualcuno dovrebbe incominciare ad interessarsi, perché appare che questo denaro pubblico sia stato speso invano.  A molti sfugge che le politiche economiche e del lavoro sono una grande sfida, non può essere vinta solo con alchimie economiche, o col trasferimento di cervelli e braccia, ma soprattutto col creare le condizioni di crescita per competere nel territorio circostante, dobbiamo svegliarci un po’ tutti, mettere da parte le fantasie, le abitudini consolidate, guardare in faccia la realtà ritrovare determinazione.
Adriano Pedicini Consigliere del PDL



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




Eccomi qui...
Il 19/11/2010, dolphinofpleasure ha scritto :
Eccomi qui, mi chiamo Monica e sono amica di Cristina (la ragazza che vi ha scritto ieri). Ho 38 anni e nonostante non sia di Matera, mi sento in parte Materana dato che vivo qui ormai da più di sei anni e proprio qui ho concepito e dato alla luce ai miei due figli.
Questa è una città favolosa e proprio per questo motivo, quando mi succedono certe cose, mi arrabbio tantissimo.
Un pomeriggio di pochi giorni fa, decido di portare per la prima volta in biblioteca mia figlia essenzialmente per due motivi: prima di tutto per spiegarle che cos'è una biblioteca e secondariamente per il puro piacere di poter sfogliare e guardare dei libri diversi dai tanti che già abbiamo. Ero veramente entusiasta e a mia figlia ho fatto una bellissima premessa su quello che stavamo per fare.
Entrata in biblioteca, ho subito constatato che la zona con i libri per bambini era chiusa. Tutto spento, con un bel cartello attaccato alla porta che vietava l'ingresso a coloro che non avessero l'autorizzazione della Direzione.
Volendo seguire le regole (e non sapendo dove si potessero accendere le luci) ho chiesto al personale. Mi hanno detto che loro non sapevo e che avrei dovuto recarmi al secondo piano e chiedere lì. Al mio sorriso, uno dei due addetti si è recato al secondo piano e da giù sentivo il tono della risposta dell'impiegata che non sembrava molto contenta della mia “audace” richiesta. A questo punto, la seconda persona rimasta giù con me ad attendere il responso, forse influenzata dal disappunto che si intravedeva sulla mia faccia, decide di farmi entrare nella “saletta proibita” di sua spontanea volontà. Forse anche lui come me ha pensato che tutto ciò fosse assurdo.
Entrati nella stanza, mia figlia era veramente contenta ed ha iniziato a guardare i libri. Passati a dir tanto cinque minuti ecco apparire un’impiegata, molto probabilmente la stessa che avevo sentito brontolare.
Visto che le liste vanno molto di moda ultimamente nei programmi televisivi, ecco la lista delle cose che mi sono state dette:
- Entrando:  “lei non può stare qui, i caloriferi non sono accesi e io sono malata”
- Facendole notare che non c’era poi così tanto freddo: “lei non può stare qui da sola senza supervisione”; “c’è carenza di personale”
-Dicendole che mi sarei assunta tutta la responsabilità del caso: “in passato i bambini hanno fatto molti danni e quindi lei qui non può stare da sola, prenda due libri e venga su al secondo piano”
-Chiedendole come avrei potuto scegliere in quattro e quattr’otto due libri da “portare su” senza avere il tempo di consultarli: “ne scelga due che lei pensa possano piacere alla bambina”
-Rifiutandomi di adeguarmi e decidendo di andare a casa: “abbia pazienza io sono malata e non posso stare qua, poi c’è anche un’altra signora che ha preso dei libri ed è venuta su al secondo piano e non vorrei farle un torto”
-Incredula ed indignata e chiedendo come potesse essere possibile tutto ciò: “non c’è abbastanza personale, deve prendersela con il comune, se fosse venuta qui ieri, non ci sarebbe nemmeno entrata in questa stanza”
Me ne sono andata molto, ma molto amareggiata e triste. Triste che tutto ciò fosse avvenuto a discapito di mia figlia che tanto era entusiasta della possibile esperienza. Mi sono chiesta, ma è normale tutto questo? Cosa ci riserva il futuro?
Distinti saluti,
Norelli Monica


è dando che si riceve....
Il 18/11/2010, cristina ha scritto :
Scusate ancora degli errori in italiano (non è la mia lingua madre), in ogni modo, cercherò di esprimermi, per quanto per me sia possibile, riguardo l'argomento in questione.

Credo che questo problema non deve essere guardato soltanto dall'ottica del disinteresse economico su questa zona e per conseguenza della mancanza di lavoro alle persone.

Matera ha bisogno svegliarsi.

Non ci sarano nuove imprese e la città non crescerà finchè LA POPOLAZIONE non avrà un vero ed impegnato interesse che ciò avvenga.

I giovani qui, senza generalizzare ma parlando della maggior parte, non vogliono più studiare e imparare, usano la "scusa" della mancanza di oportunità per continuare a fare i "figlioli" sempre dipendenti dai genitori e senza avere quel essenziale "lucicare degli occhi" giovanile che gli può portare avanti nel mondo moderno e permetergli magari di auspicare volo in futuro una volta che chi non molla e anzichè lamentarsi (molte volte purtroppo contano anche con il "coro" dei genitori) viene sempre ricompensato.

Smettiamo di pensare piccolo, pensiamo GRANDE.

Un argomento enorme questo, non riesco nemmeno a riassumerlo, ma ciò che succede alla Coop, che è successo al GS/Carrefour , ecc, continuerà a succedere ancora se il LIVELLO della cultura di questo posto non migliorerà.

Non so se pubblicherette questo mio commento, ma lo dovevo dire, purtroppo in poche parole una volta che sull'argomento ci sarebbe moltìssimo da dire.

PS: L'altro ieri un'amica ha portato sua figlia di 4 anni alla Bibblioteca in Piazza V. Veneto. L'hanno in pocche parole cacciata via.
La signora che "si prende cura" del reparto ha detto che era malatta e che i termossifoni non erano accesi e che perciò non poteva stare lì a "sorvegliare" il settore bimbi. La mia amica volendo, ha detto la signora, poteva "sciegliersene 2 libri "così" e venire nella sua sala a farglieli vedere alla figlia.
Questa signora ha anche detto che c'è poco personale lì e che pertanto non poteva (e non ne aveva voglia) di stare lì a sorvegliare la sezzione bambini della Biblioteca Comunale. 
Ha anche riferito il fatto che alcun tempo fa erano venuti dei ragazzi a fare casino lì dentro, giustificando ancora il suo atteggiamento.

Non ho bisogno di dire altro penso. Oppure siamo noi "forestieri" gli unici che si stupiscono con questi atteggiamenti di qui?! Per non parlare la figura che fa il Comune materano per non mettere a disposizione suficciente personale nella sua Bibblioteca, e , peggio ancora, STIMOLARNE anzicchè SOFFOCARNE il suo uttilizzo.

Non si può pretendere di "avere" (sviluppo) così....

Distinti saluti,

Cristina Nogueira, da 7 anni a Matera.





 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi