home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.994.579 visualizzazioni ]
30/10/2010 23.45.13 - Articolo letto 6811 volte

L’intervento della Cripta del Peccato Originale conquista gli esperti internazionali

Raffaello De Ruggieri Raffaello De Ruggieri
Interno della Cripta del Peccato Originale Interno della Cripta del Peccato Originale
Media voti: L’intervento della Cripta del Peccato Originale conquista gli esperti internazionali - Voti: 0
Zétema ospite domenica 31 ottobre – ore 12 Antica chiesa Madonna delle Grazie Palagianello (Taranto)
di SISSI RUGGI
Matera E’ un caso di studio a livello internazionale, l’intervento conservativo della Cripta del Peccato originale di Matera. Dopo aver conquistato l’attenzione e il plauso al “Ravello Lab – colloqui internazionali”, il laboratorio europeo di idee, analisi e proposte sul rapporto che lega cultura e sviluppo dei territoride, la Cripta del Peccato originale torna al centro dell’attenzione dei maggiori esperti del settore. La Fondazione Zétema è stata invitata a intervenire nell’ambito delle “Giornate internazionali di studio in terra jonica” organizzate dall’Archeogruppo “Espedito Jacovelli” di Massafra in collaborazione con il Dipartimento di Progettazione dell'Architettura dell’Università degli studi di Firenze.
Nella mattina di domani - domenica 31 ottobre -, nell’Antica chiesa Madonna delle Grazie a Palagianello, Raffaello de Ruggieri presidente di Zétema e il progettista e direttore dei lavori di restauro della cripta Sante Lomurno chiuderanno il  convegno “L’Habitat Rupestre nell’Area Mediterranea”. Il restauro voluto e realizzato da Zétema, utilizzando un gruppo interdisciplinare formato, fra gli altri dall’Istituto centrale di Restauro di Roma e da professionalità materane, sarà trattato nella sezione del convegno dedicata a “Le buone pratiche e le nuove prospettive”.
Il coordinatore e responsabile del convegno, l’archeologo Roberto Caparra ha scelto il “caso Matera” come terminale del convegno a testimonianza e a modello di un esempio positivo di restauro, capace di divenire codice di pratica per tutti gli altri interventi di conservazione e valorizzazione del patrimonio rupestre nazionale e internazionale. Ancora una volta Matera diviene fecondo laboratorio e di buone pratiche per il restauro del patrimonio culturale.

La Criptadel Peccato Originale
 
La grotta del Peccato Originale è da molti considerata la Cappella Sistina degli insediamenti rupestri. Fu affrescata tra la fine dell' VIII secolo e gli inizi del IX secolo sulle pareti di una piccola chiesa scavata da monaci benedettini.
Il restauro ha permesso di scoprire alcuni particolari inediti oltre ad aver ridato sostanza e vita alle celebri sembianze di Adamo ed Eva cacciati dal Paradiso, alla figura imponente del Cristo giunto sulla terra per collegare Vecchio e Nuovo Testamento, alle personificazioni della Luce e delle Tenebre e sulla parete laterale alla Madre Regina accompagnata da una lunga ed allegra teoria di santi.
Le scene rappresentate nella Cripta del Peccato Originale sono complesse, quasi come se fossero una "Bibbia dei poveri".
La chiesa rupestre del Peccato Originale fu scoperta il 1 maggio 1963. Sino a tale data essa era totalmente sconosciuta. In quel periodo i soci del Circolo culturale ‘La Scaletta’ di Matera, erano impegnati nella ricognizione del patrimonio storico-artistico-naturale di Matera con un’attenzione particolare al fenomeno inesplorato della civiltà rupestre. L'obiettivo era quello di recuperare e valorizzare l’identità storico-culturale di Matera, violentata da un demagogico vuoto di memoria collettiva che l’aveva bollata come la “città dei trogloditi” e come vergogna e infamia nazionale. Nel pomeriggio del l maggio 1963 quattro soci del circolo ‘La Scaletta’, Carlo Scalcione, Teresa de Ruggieri, Maria Sinatra e Raffaello de Ruggieri, riuscirono a individuare la grotta dei ‘Cento Santi’, com’era nota nella memoria popolare. Grotta che fu poi ribattezzata ‘Cripta del Peccato Originale’ per l’esistenza di uno straordinario ciclo pittorico con la scena della creazione dei progenitori e del peccato originale.
I1 monumento ipogeo fu considerato come la più importante scoperta di archeologia cristiana degli ultimi anni ed il Circolo La Scaletta, in data 2 giugno 1967, ricevette, dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat e dal Ministro della Pubblica Istruzione Luigi Gui, il Diploma di Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte per l’attività di ricerca e documentazione sugli insediamenti rupestri del Materano.




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi