home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 90.830.998 visualizzazioni ]
02/09/2010 13.19.23 - Articolo letto 8829 volte

RIAPRIRE LA VICENDA DEL PARCO DI SERRA VENERDI’

Area di degrado a Serra Venerdì Area di degrado a Serra Venerdì
Giochi nel quartiere di Serra Venerdì Giochi nel quartiere di Serra Venerdì
LA FONTANA DI SERRA VENERDI´ LA FONTANA DI SERRA VENERDI´
LA FONTANA DI SERRA VENERDI´ COME ESEMPIO DI ARCHITETTURA LA FONTANA DI SERRA VENERDI´ COME ESEMPIO DI ARCHITETTURA
Media voti: RIAPRIRE LA VICENDA DEL PARCO DI SERRA VENERDI’ - Voti: 1
Lettera aperta del progettista dell’opera, il professor Carlo Pozzi, al Sindaco di Matera.
di GIOVANNI MARTEMUCCI
Matera Di seguito la sintesi della missiva inviata al primo cittadino di Matera
 
 
Ill. mo sig. Sindaco di Matera, caro Adduce,
 
sono passati molti anni da quando ho progettato e diretto con l’architetto Rocco Tosti e il Prof. Arch. Antonio Conte, quest’ultimo in qualità di consulente,la realizzazione del Parco di Serra Venerdì sulla collina che dal quartiere omonimo discende verso la strada sottostante - quasi una circonvallazione interna della città - e verso il paesaggio.
Il progetto è stato realizzato speditamente e correttamente da imprese locali, ma successivamente alla realizzazione è mancata, da parte dell’Amministrazione realizzatrice e ancor più da quelle successive, la capacità di assegnarne la gestione a qualsivoglia cooperativa locale (di giovani, di anziani) che sapesse cogliere l’occasione per mantenere in vita questa importante struttura nel centro della città.
Alla conclusione dei lavori fu organizzato l’evento “Fiabe al Parco” con la partecipazione di artisti di strada e attori napoletani ed il concorso di una parte cospicua della popolazione; l’occasione dimostrò la versatilità delle strutture appena ultimate: tendendo un telo tra le colonne di tufo si poteva realizzare in pochi minuti una insospettabile quinta teatrale.
Poco tempo dopo la struttura fu collaudata da una terna significativa, presieduta dal prof. Vittorio De Feo che pronunciò lusinghiere parole di congratulazione per l’esito progettuale e la qualità insediativa raggiunti. 
Il progetto ha da allora vissuto una specie di divaricazione:
-da un lato il degrado dovuto all’abbandono e alla mancata custodia;
-dall’altro la “celebrazione” in numerose pubblicazioni di architettura internazionale
 
Recentemente il “parco abbandonato” ha destato ancora l’interesse di una rivista locale “Il Lucano” che nel numero di aprile 2009 ha pubblicato l’articolo “C’era una volta il Parco di Serra Venerdì” (a firma Giovanni Martemucci e Paola Pisciotta) con una interessante documentazione fotografica che metteva in triste comparazione lo stato delle opere alla conclusione dei lavori e quello degradato di oggi.
L’articolo ha avuto il ruolo di rimettere il “dito nella piaga”, almeno per quanto mi riguarda prevenendo la demenziale idea proposta dalla amministrazione che ti ha preceduto (e che non ha avuto il tempo per metterla in pratica) di “seppellire” la fontana nel quartiere perché troppo costoso mantenerla (!): ne è seguito un dibattito interessante con la presa di posizione contraria al “seppellimento” dell’Ordine degli Architetti e di singole personalità.
 
Conoscendo da sempre il tuo interesse per le dinamiche urbane, ti chiedo di riaprire in qualche maniera questa vicenda, anche alla luce della recente tua iniziativa relativa al
laboratorio di progettazione e sperimentazione “Matera, città dei bambini” che partirà dal quartiere Serrà Venerdì
Mi metto in tal senso a tua disposizione disinteressatamente per una eventuale consulenza, mosso solo da sentimenti di dedizione verso una città che mi è particolarmente cara - disponibilità e dedizione totalmente condivisi con l’architetto Tosti - come credo di aver dimostrato più volte ed ultimamente con la redazione della voce “Matera” dell’Enciclopedia Italiana Treccani (XXI secolo settima appendice), Roma 2007.
 
Distinti saluti                                                                                                 
 
Carlo Pozzi Architetto                                                                                                                                                        
Professore Ordinario di Progettazione Architettonica                                                                  
Facoltà di Architettura di Pescara                                                                           
Università “G. D’Annunzio” di Chieti   

Rocco Tosti Architetto
Via Torraca, 31
Matera
 
Pescara, 2 settembre 2010
 
 
 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




Passi in Avanti, è Più che l'Ora!
Il 02/09/2010, cribergamini ha scritto :
Da straniera che vive da 8 anni in questa (naturalmente) bella città mi piacerebbe dire che, oltre al fatto che non ha sviluppo che possa esistere in una città che non offre le condizioni minime di benessere ai suoi cittadini, e qui potrei parlare tanto (anch'io pago le tasse!), anche i cittadini stessi  dovrebbero imparare qualche lezioni di civismo, sinceramente.

Non voglio entrare nei dettagli, ma andare alla Villa Comunale a portare il mio piccolo figlio lì mi rattrista il cuore, oltre al fatto di vedere tutti quei piccoli che si travolgono gli uni agli altri una volta che lo spazio è assurdamente ridotto, vedere anche il degrado di quel luogo, trascurato, sporco, con i giocchi rotti e abbandonati è veramente un dispiacere (e una Villa Comunale dovrebbe rappresentare il "benvenuto" la "faccia" di una città, o mi sbaglio?!).

Matera è una città piena di possibilità di crescita, piena di potenzialità, ma, finchè TUTTI, parlo di politici e di cittadini non cambierano veramente mentalità penso che tutto continuerà uguale: un passo avanti, due indietro.

Assolutamente non generalizzo, so che qui c'è molta gente interessata veramente nel costruire una città migliore, sia nel suo piccolo che grande, ma, la maggior parte ne ha bisogno di partecipare ad una campagna (come già lo sapete, tanti comuni fanno delle campagne pubblicitarie di scopo civico ai suoi cittadini, anche nel mio Paese tra l'altro) di conscientizzazione su come collaborare -nel loro piccolo- per una vita -IN COMUNE- migliore.

C'è lavoro da fare...ma la meta è chiara: una vita sociale migliore.

Non mi allargherò più sulle mancanze di alternative di intrattenimento di questa città, facciamo come dite qui: un passo alla volta; però, facciamogli questi passi!

Un saluto,

Cristina Bergamini


 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi