home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 92.281.181 visualizzazioni ]
10/11/2015 13:19:14 - Articolo letto 1229 volte

Autocostruzione, autorecupero e stop al consumo di suolo: proposta di legge del M5S Basilicata

Cantiere, impalcature (foto SassiLand) Cantiere, impalcature (foto SassiLand)
Media voti: Autocostruzione, autorecupero e stop al consumo di suolo: proposta di legge del M5S Basilicata - Voti: 0
Perrino: "Introdurli anche in Basilicata, sulla scia degli esempi di altre regioni italiane"
Basilicata Quello del diritto alla casa è un diritto sacrosanto riconosciuto a livello nazionale ed internazionale. Eppure l’accesso ad un alloggio dignitoso è negato ad una fascia sempre più ampia di popolazione. In Basilicata, proprio coloro che sono istituzionalmente preposti alla realizzazione del diritto alla casa, le Aziende Territoriali di Edilizia Residenziale (ATER PZ e MT) in primis ma anche gli altri enti locali, appaiono paralizzati dalle nefaste conseguenze di decenni di malapolitica e di dilapidazione sistematica del denaro pubblico (si pensi solo all’uso smodato di collaborazioni esterne praticato dall’ATER di Matera, sul quale abbiamo chiamato Pittella a rispondere in Aula).
Il M5S Basilicata, anche per soddisfare le richieste esternate dall’attuale amministratore, dell’ATER Matera, Vito Lupo, ha presentato una proposta di legge in materia di autocostruzione e autorecupero, che contempla anche uno “stop” deciso al consumo di suolo.
La proposta di legge intende introdurre anche in Basilicata, sulla scia degli esempi di altre regioni italiane (in particolare la Toscana e il Lazio), il ricorso all’autocostruzione o all’autorecupero della propria casa con l’aiuto di amici e parenti: il M5S Basilicata crede fermamente che tali strumenti possano rappresentare un’ottima misura integrativa del cosidetto “housing sociale”, contribuendo a dare una risposta concreta e immediata al disagio abitativo. L’obiettivo è superare l’impasse dell’edilizia popolare, cercando di garantire un’abitazione alle categorie sociali più deboli e svantaggiate: giovani coppie, famiglie e/o anziani che decidono di andare a vivere insieme (cohousing). Anche dal punto di vista paesaggistico e ambientale, l’autorecupero dimostra tutte le sue potenzialità: riutilizzare e riqualificare a fini abitativi un patrimonio (soprattutto pubblico) originariamente destinato ad altre finalità; tanto, senza dover consumare suolo e, spesso, recuperando e migliorando luoghi, come i centri storici o periferie, talvolta abbandonati o degradati. Appaiono anche apprezzabili gli effetti determinati dal coinvolgimento diretto di più individui, appartenenti a nuclei familiari diversi, nella costruzione e/o ristrutturazione delle proprie case: maggiore integrazione coesione sociale, solidarietà e consapevolezza dei vantaggi di metodi costruttivi  condivisi e rispettosi dell’ambiente.
Nelle città, ma anche, sempre più spesso, nei centri lucani meno grandi, afflitti da un progressivo spopolamento, ci troviamo in presenza di un numero crescente di “gente senza casa e di case senza gente”. Gli edifici vuoti si moltiplicano: scuole dismesse, uffici abbandonati, palazzi e interi immobili in disuso, frutto della frenesia edificatoria e della speculazione edilizia. Talvolta, si tratta di veri e propri stabili fatiscenti. In questo senso, anche sulle aree e centri periferici, l’autorecupero si concretizza in un’ azione partecipata di riqualificazione del territorio. La proposta viene anche incontro alle amministrazioni che possono intervenire, con tempestività  e  con  costi  molto ridotti,  a  risolvere gravi  problemi  sociali  quali quelli  derivanti dalla  domanda di abitazioni da parte di quelle categorie  sociali  che, ormai, non trovano risposta dall’edilizia residenziale pubblica tradizionale: tanto per la carenza di alloggi che per l’inadeguatezza e l’inefficienza con cui vengono spesi i finanziamenti pubblici.
Approvare una proposta di questo genere sarebbe un bel segnale per questa Regione ed un ottimo viatico in vista del 2019, quando Matera sarà capitale europea della cultura. Nella visione di cultura propria del M5S Basilicata rientrano a pieno titolo l’integrazione sociale, la sostenibilità ambientale e il rispetto del prezioso patrimonio paesaggistico proprio della nostra regione.
La proposta di legge sarà in discussione sul Portale Lex - Sistema operativo M5S fino al 28 dicembre 2015 per gli iscritti certificati del M5S; tuttavia anche chi non può accedere al portale può mandarci contributi all’indirizzo segreteria@basilicata5stelle.it.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi