home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 84.755.330 visualizzazioni ]
30/04/2015 12:55:55 - Articolo letto 1439 volte

VERSO EXPO: INCONTRO CIA A FERRANDINA

Incontro CIA a Ferrandina Incontro CIA a Ferrandina
Media voti: VERSO EXPO: INCONTRO CIA A FERRANDINA - Voti: 0
Presentato anche il volume "BIORESISTENZE - CITTADINI PER IL TERRITORIO: L'AGRICOLTURA RESPONSABILE"
Ferrandina A scongiurare il rischio, alla vigilia dell'apertura dell'Expo, che gli agricoltori, i veri protagonisti della sfida del millennio "Nutrire il pianeta, Energia per la vita", finiscano in secondo piano, corre ai ripari la Cia con un incontro a Ferrandina sul tema “CIA Basilicata … verso EXPO 2015”:“IL TERRITORIO COME DESTINO: l'agricoltura sostenibile e la biodiversità”. Tra gli interventi quelli di Rocco Zito (Assessore Agricoltura del Comune di Ferrandina), Nicola Serio (Vicepresidente Vicario CIA Basilicata), Rudy Marranchelli (Presidente AGIA Basilicata), Donato Distefano (Direttore CIA Basilicata), Pancrazio Toscano (Associazione Basilicata Rurale).
Inoltre è stato  presentato il volume "BIORESISTENZE - CITTADINI PER IL TERRITORIO: L'AGRICOLTURA RESPONSABILE" a cura di Guido Taurus.
Per Nicola Serio: "parlare di agricoltura sostenibile significa riconoscere il ruolo di presidio, di sentinella e manutentore ambientale dell'agricoltore. Non vorremmo che la portata dell'evento Expo e un eccesso di esposizione mediatica non già sui temi delle risorse alimentari, ma dell'enogastronomia, faccia dimenticare che senza il lavoro dei campi non si può nutrire il pianeta né generare energie per la vita. La Cia – ha sottolineato- ha intenzione di utilizzare l'Expo per mettere al centro tutto ciò che costituisce agricoltura: dalle tradizioni alla tecnologia, dalla cooperazione internazionale -che in campo agricolo va letta oggi quasi come un'azione di ‘peacekeeping'- alla difesa e valorizzazione della biodiversità e di creare su questi temi veri e propri protocolli di azione comune con tutti gli agricoltori del mondo. Convinti come siamo che è la difesa e la promozione del lavoro agricolo che consentirà all'Expo di segnare una svolta epocale per il mondo. L'Italia, del resto, ha posto il proprio modello agricolo basato sulla biodiversità, sulla qualità, sul valore culturale e antropologico del produrre in agricoltura, sullo sviluppo sostenibile che nasce dalla pratica agricola come primo pilastro dell'Expo e questo dobbiamo riversare nella Carta di Milano. Questo è il nostro impegno".
Secondo Donato Distefano “ Territorio come destino " e Carta di Milano richiamano tutti a una gestione responsabile del suolo, a una lotta allo spreco, per garantire un diritto al cibo e un futuro sostenibile alle generazioni future. Agricoltura sostenibile è un processo che persegue una serie di obiettivi che devono sottostare a tre principi fondamentali: Sostenibilità Ambientale, Sociale, Economica. Oggi l'agricoltura è chiamata in prima linea, non solo nella battaglia del diritto al cibo, con una popolazione mondiale in continua crescita e risorse sempre meno disponibili, ma anche per  produrre in modo da preservare le risorse naturali, salvaguardare il suolo e l'acqua, contribuire alla sfida della riduzione di emissioni CO2 e alla lotta al cambiamento climatico. La biodiversità parte sicuramente dalla tutela del patrimonio genetico, ma passa anche dalla valorizzazione dei trasformati, frutto di saperi e tecniche tradizionali, importante patrimonio delle comunità locali”.
Per la Cia lucana "il contributo di Cia alla Carta di Milano - precisa Rudy Marranchelli, presidente Agia - è riassunto dal lavoro che abbiamo fatto con ‘Il territorio come destino'. Nel nuovo documento "di idee" per la costruzione di un modello economico, sociale e produttivo sostenibile, come nell’intuizione avuta con la “Carta di Matera” insistiamo che di fronte alle sfide del futuro, risulta determinante il valore multifunzionale del settore agricolo, che innesca processi sempre più integrati con l'ambiente, il turismo, la cultura, il welfare. Usare meno risorse per produrre di più con il supporto di ricerca e innovazione; accostare alle filiere dei grandi numeri reti "a maglie strette" adattate ai territori; rovesciare il rapporto città-campagna assumendo una dimensione "multi-ideale". E' stata una ricognizione profonda del mondo agricolo dalla quale abbiamo fatto emergere quattro punti di forza: il primo è il ruolo dell'agricoltura multifunzionale che diventa non solo produzione di cibo ma tutela della biodiversità e dell'ambiente, conservazione e promozione della cultura rurale, rovesciamento del rapporto città-campagna assegnando all'ambiente rurale il primato d'elaborazione di stili di vita e di modelli produttivi sostenibili; il secondo  la costruzione di filiere corte in cui la catena del valore sia totalmente agricola; il terzo il ruolo dell'agricoltura come attivatore di ricerca e innovazione ma in quadro di sostenibilità; il quarto il ruolo dell'agricoltura e dunque dell'imprenditore agricolo come protagonista di una società più equa e di un mondo dove qualità della vita e qualità dell'ambiente siano inscindibili".



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi