home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 92.850.749 visualizzazioni ]
29/12/2014 11.26.01 - Articolo letto 1518 volte

UIL BASILICATA: ANCHE A NOVEMBRE INCREMENTO CIG

Carmine Vaccaro Carmine Vaccaro
Media voti: UIL BASILICATA: ANCHE A NOVEMBRE INCREMENTO CIG - Voti: 0
Le province di Potenza con 187.317 ore e di Matera con 280.217 ore sono tra le prime dieci province con gli aumenti più alti
Basilicata Da ottobre a novembre 2014 in Basilicata le ore di cassa integrazione guadagni registrano un incremento del 181% con un ammontare complessivo di 476.534 ore; sempre nel raffronto mensile l’aumento di lavoratori interessati è pari a 1.772 unità (per un totale di 2.750 unità). Le province di Potenza con 187.317 ore e di Matera con 280.217 ore sono tra le prime dieci province con gli aumenti più alti (con incrementi rispettivamente del 221,3% per Potenza e del 159,6% per Matera). Sono i dati dell’undicesimo rapporto della UIL sulla cig che riferisce che con il mese di novembre, il numero complessivo delle ore richieste di cassa integrazione dalle aziende in Italia ha superato 1 miliardo di ore. 
Tra gli altri dati più significativi del Rapporto: 1 persona su 3 in età lavorativa ha conosciuto forme di sofferenza e insicurezza occupazionale. Nell’insieme di questi 6 anni di crisi, è sparito 1 milione di posti di lavoro, di cui più della metà riguarda l’occupazione dipendente; il tasso di disoccupazione passa dal 6,7% del 2008 al 12,2% nel 2013, quello giovanile dal 21,3% del 2008 al 40% nel 2013 (quasi raddoppiato).
La sofferenza, tuttavia, non si misura soltanto con la quantità ma, anche, con la qualità del lavoro e delle retribuzioni. Anche il reddito medio da lavoro dipendente e assimilato segna il passo in questo periodo, ed è un ulteriore parametro indicativo dello stato di salute del nostro sistema produttivo.
Occorre dare merito al principale ammortizzatore sociale – evidenzia Carmine Vaccaro segretario regionale della Uil - di essere riuscito a mantenere in vita molte imprese che sarebbero state altrimenti destinate alla chiusura, soprattutto quelle oggetto di cassa integrazione straordinaria; così come di aver arginato un forte calo del tessuto occupazionale evitando l’apertura di procedure di licenziamento e l’ulteriore innalzamento del tasso di disoccupazione. Sarebbe saggio da parte del Governo, nel momento in cui si accinge a scrivere il decreto legislativo sugli Ammortizzatori sociali, evitare di depotenziare uno strumento, quello della cassa Integrazione, che ha garantito non solo reddito a centinaia di migliaia di persone ma anche aiutato a risolvere importanti vertenze aziendali. Mantenere siti produttivi con i lavoratori in attività è interesse di tutti e pensare di risolvere il tutto con un presunto allungamento della indennità di disoccupazione (Nuova Aspi) non è utile ne risolutivo sia per  lavoratori che per il nostro sistema produttivo.
Questi dati confermano la necessità vitale del saper costruire sistemi di promozione al lavoro aderente a ciò che esprime il mercato del lavoro locale. La UIL crede fortemente che un “buon cambiamento” non possa prescindere da due fattori fondamentali: il lavoro e l’inclusione sociale.  Lavoro per il maggior numero di persone, lavoro di qualità e che garantisca certezza di reddito e inclusione sociale, come condizione per evitare che il cambiamento “lasci per strada” i più deboli. Per questo insistiamo: è necessario rileggere e riscrivere la Basilicata, aiutarla a ritrovare una sua fisionomia consapevole, a ritrovarsi in una narrazione condivisa, a proiettare in una nuova prospettiva la sua identità orgogliosa.  E’ assai arduo ma possibile. E lo sarà tanto più se le componenti fondamentali della società regionale, le forze produttive e i ceti professionali, insomma le classi dirigenti, decideranno  di dare di più. La Basilicata, si sa, è una scommessa della geografia e della storia: piccoli numeri in uno spazio non piccolo, una collocazione problematica in un Paese a struttura longitudinale, una sfida permanente alle leggi della statistica economica. Ricordate la metafora del calabrone che, a dispetto delle ali troppo piccole rispetto al corpo troppo grande, riesce miracolosamente a volare? Come il calabrone questa piccola regione – conclude Vaccaro -  è chiamata quotidianamente a compiere un miracolo di vitalità e di efficienza.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi