home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.320.396 visualizzazioni ]
04/08/2014 18.26.58 - Articolo letto 1480 volte

"La striscia di Gaza quanto la Fascia Jonica"

Profughi (foto Gaetano Plasmati) Profughi (foto Gaetano Plasmati)
Media voti: "La striscia di Gaza quanto la Fascia Jonica" - Voti: 0
Riflessioni di Vincenzo Maida sulla guerra in corso in Israele: "è come se oggi venissero dei greci del Peloponneso a cacciare dalle loro case gli abitanti del metapontino"
Montalbano Jonico "La striscia di Gaza è lunga quaranta chilometri e larga circa dieci. In essa vi sono ammassate oltre due milioni di persone. La fascia jonica dal confine con la Puglia a quello con la Calabria ha la stessa lunghezza e risalendo dieci  chilometri all’interno non si arriva neanche a Montalbano Jonico, che dista dal mare quindici chilometri. Nel periodo delle vacanze, cioè durante la stagione estiva, la popolazione del metapontino sfiora duecentomila presenze come media giornaliera e ci sembra sovraffollata con alcuni servizi pubblici, come il pronto soccorso dell’ospedale che va in affanno. Immaginiamo  cosa succederebbe se fossimo due milioni ed in più venissimo bombardati e dovessimo contare più di 1800 morti, tra cui tante donne, bambini e anziani, e quasi 10.000 feriti. Israele ha avuto, in quella che è ormai una vera e propria guerra, poco più di 30 soldati morti e una marea di razzi lanciati dai palestinesi senza fare quasi nessun danno o essere intercettati e neutralizzati dagli israeliani. Emblematiche alcune scene di ragazzi palestinesi  che combattevano con le pietre contro i fucili dei soldati israeliani. Mi ha ricordato un episodio che si narra nel mio paese. Un blasonato del posto mandò un suo servitore a prendere alcune medicine in farmacia e scrisse di suo pugno il nome dei farmaci richiesti. Il farmacista letto il biglietto commentò: “chi è questo porco ha scritto il biglietto? Ritorna indietro e digli si scrivere con più chiarezza”. Tra i due vi era già una vecchia ruggine e il signore blasonato sentendosi offeso sfidò il farmacista a singolar tenzone con le modalità che lui riteneva più opportune. Il farmacista accettò la sfida e stabilì che il signore blasonato avrebbe dovuto presentarsi all’alba sotto casa sua con tanto di sciabola ed avrebbe dovuto combattere contro di lui posizionato sul balcone di casa e “armato” di pietre. Ovviamente finì in risate e non se ne fece nulla. La guerra tra Israele e Palestina è assolutamente impari nei mezzi dei due contendenti e si può quindi definire una aggressione criminale e spietata dei primi contro i secondi. Eppure i media nazionali continuano a parlare di guerra e lo spazio dedicato alla cattura di un soldato israeliano da parte dei palestinesi ha avuto uno spazio incredibile ed è stato definito “un rapimento”, ma se si tratta di guerra il termine corretto è “cattura”. Si è preferita la prima definizione perché essa presuppone che dall’altra parte vi siano delinquenti e terroristi. Israele ha fondato uno Stato nel 1948 sulla terra altrui, sostenendo che lì duemila anni prima ci stavano loro, è come se oggi venissero dei greci del Peloponneso a cacciare dalle loro case gli abitanti del metapontino sostenendo che oltre duemila anni fa lì vivevano i loro antenati. La comunità internazionale ha riconosciuto lo Stato di Israele e nel 1988 anche l’OLP di Yasser Arafat, ma dal 1967 Israele occupa terra non sua, sostenendo più volte che essa le serve per negoziare la pace ed invece a cadenza periodica conquista nuovi spazi e indietreggia annettendo un pezzo di territorio per volta e insediando nuovi coloni. Il suo obiettivo è quello di sfiancare la resistenza palestinese e viene foraggiato dall’alleato statunitense di armi e mezzi militari. E’ nota la presenza degli Ebrei in molti ruoli chiave negli Stati Uniti. L’Europa non ha una politica internazionale e l’Italia di Renzi, che non ha alcun spessore internazionale, né forse la maturità culturale per appassionarsi al tema, è completamente assente.  Viene quasi nostalgia dei Craxi e degli Andreotti la cui politica filo-araba e nel caso del primo il suo socialismo nazionale, come quando a Sigonella schierò i carabinieri  contro gli americani, l’hanno pagata a caro prezzo. Secondo molti analisti, infatti, nelle loro disgrazie giudiziarie potrebbe esserci la manina degli yankee, inferociti nei loro confronti proprio perché sensibili alle ragioni di quei popoli martoriati.  
 
Vincenzo Maida
Centro Studi Jonico DRUS"



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi