home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.375.985 visualizzazioni ]
18/06/2014 17.17.36 - Articolo letto 4735 volte

LUPI NELLE CAMPAGNE TRA MONTESCAGLIOSO, POMARICO E MIGLIONICO

Lupo ripreso nelle ore notturne nel Materano Lupo ripreso nelle ore notturne nel Materano
Media voti: LUPI NELLE CAMPAGNE TRA MONTESCAGLIOSO, POMARICO E MIGLIONICO - Voti: 0
"non vi sono notizie storiche di aggressioni da parte di lupi ad esseri umani nel Materano"
Matera e provincia Il giorno 30 Marzo 2014, un cittadino di Pomarico segnalava al numero di emergenza ambientale del Corpo Forestale dello Stato che aveva rinvenuto tre carcasse di lupo in un’area limitrofa alla Strada Comunale Pomarico – Montescaglioso, in località Santa Croce, nei pressi di Pomarico.
Dopo alcuni minuti e precisamente alle ore 13.40 una pattuglia del Corpo Forestale dello Stato raggiungeva il luogo ove erano state segnalate le carcasse di lupo.
Gli agenti forestali intervenuti costatavano che effettivamente in adiacenza alla strada giacevano tre carcasse di lupo, un maschio e due femmine.
Le carcasse dei lupi erano allineate, dalle fauci degli animali fuoriusciva sangue non coagulato e la muscolatura facciale appariva contratta configurando la tipica espressione detta “riso sardonico”. Sugli animali non vi erano ferite d’arma da fuoco. Lo stato degli animali faceva ipotizzare un possibile avvelenamento da rodenticida.
Il posizionamento dei lupi ritrovati allineati ed esposti alla vista degli utenti della strada adiacente, facevano ipotizzare un gesto dimostrativo eclatante posto in essere da soggetti che non accettano la presenza in zona dell’animale. Questi soggetti, facendo ritrovare le carcasse, potrebbero aver voluto dimostrare all’opinione pubblica e alle Autorità preposte alla tutela della fauna che se non saranno presi provvedimenti per allontanare i lupi dalla zona provvederanno autonomamente a liberarsene.
Il personale del Comando Stazione Forestale di Montescaglioso, unitamente ai veterinari dell’Azienda Sanitaria Locale di Matera e al personale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e Basilicata (IZP) sede di Matera, in questo periodo proseguono gli accertamenti finalizzati a poter individuare le cause e gli eventuali autori dei decessi.
 
Contestualmente alle predette attività, il personale del Comando Stazione Forestale di Montescaglioso, con la collaborazione del sig. Matteo Visceglia, responsabile del Centro Recupero Fauna Selvatica di Matera (CRAS), sta effettuando monitoraggi nelle campagne di Montescaglioso, Pomarico e Miglionico per individuare tracce che confermino la presenza del predatore nella zona.
Durante tali ricerche il gruppo di lavoro ha rinvenuto in loc. Difesa San Biagio, in agro di Montescaglioso, feci fusiformi contenenti consistenti quantitativi di peli di capra e orme che fanno ritenere che in zona vi sia l’effettiva presenza di lupi. Sempre in loc. Difesa San Biagio gli allevatori hanno segnalato reiterati danni al proprio bestiame provocato dai lupi. Per tali motivi In questa zona sono state istallate fototrappole all’infrarosso nelle vicinanze di carnai (carne e scarti di macelleria depositati sul suolo utili ad attirare l’animale nei pressi della fototrappola). In agro di Montescaglioso tali apparecchi hanno ripreso nibbi, faine, volpi e cani randagi non confermando la presenza dei lupi.
Le fototrappole istallate tra le campagne di Pomarico e Miglionico, di contro, hanno dato riscontri positivi ritraendo nelle ore notturne lupi che percorrono le piste armentizie seguendo l’odore lasciato dalle greggi.
In ogni caso bisogna rassicurare i cittadini di Montescaglioso, Miglionico, Pomarico e degli altri comuni del materano, in quanto non vi sono notizie storiche di aggressioni da parte di lupi ad esseri umani. Ben più preoccupante, di contro, è la situazione dei cani inselvatichiti e randagi presenti in provincia poiché sono stati documentati numerosi casi di aggressioni da parte di questi a esseri umani.
Per quanto riguarda, invece, le greggi che pascolano allo stato brado si potrebbero consigliare agli allevatori accorgimenti atti a limitare gli attacchi dei predatori ai propri animali fra i quali: l’utilizzo di cani pastore adeguatamente addestrati e muniti di idonei collari; non abbandonare senza pastori le greggi al pascolo; nelle ore notturne ricoverare le greggi in recinti idonei; durante il rientro serale nei recinti far seguire il gregge dai pastori non lasciando incustoditi gli animali che si attardano. Tali semplici accortezze dovrebbero essere idonee a scoraggiare i lupi che non trovando prede facili tra le greggi si dovrebbero nutrire di ungulati e in particolare i cinghiali, loro prede naturali presenti in natura, esercitando una auspicabile azione di contenimento della specie e di selezione naturale.
 
In Basilicata si stanno attuando analoghe attività di monitoraggio a quella posta in essere dalla Forestale con l’ausilio del CRAS, tra queste il progetto “Convivere con il Lupo, conoscere per preservare”, che i Parchi Nazionali dell’Appennino Lucano e del Pollino stanno realizzando insieme ad altri parchi del Sud Italia nell’ambito dei progetti finanziati dal Ministero dell’Ambiente in seguito all’emanazione della Direttiva per la conservazione della Biodiversità. Anche l’Osservatorio faunistico della Regione Basilicata effettua un monitoraggio dei lupi nella regione.
 
Il Corpo Forestale dello Stato fa sapere che il lupo è una specie particolarmente protetta e che le uccisioni di esemplari dello stesso sono sanzionate penalmente ed elenca le disposizioni che negli anni hanno posto sotto tutela l’animale.
- Il Decreto Ministeriale (Natali) del 1971, escluse il lupo dall’elenco degli animali “nocivi”, ne proibì la caccia e vietò l’uso dei bocconi avvelenati, questo Decreto fu rinnovato per gli anni successivi. Successivamente con il Decreto Ministeriale (Marcora) nel 1976 fu sancita definitivamente la protezione del lupo che divenne specie protetta.
- La Legge n. 968 del 1977 (Principi generali e disposizioni per la protezione e la tutela della fauna e la disciplina della caccia) per la prima volta ricomprende il lupo tra le specie particolarmente protette.
- Anche la vigente Legge n. 157 del 1992 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) considera il lupo specie particolarmente protetta prevedendo per chi abbatte, cattura o detiene un esemplare dello stesso l'arresto da due a otto mesi o l'ammenda.
 
Anche grazie alla protezione della specie si è potuto assistere ad un costante incremento della popolazione dei lupi anche in provincia di Matera.
Con il censimento eseguito da Boitani e Zimen nel 1972 si stimò che su tutto il territorio nazionale vi erano circa 100 lupi. Negli anno ’70, la popolazione dei lupi raggiunse il minimo assoluto.
Una stima riferita alla fine degli anni ‘90 indicò una consistenza di 400-500 capi.
Attualmente non si dispone di sufficienti informazioni per quantificare con ragionevole attendibilità la consistenza della popolazione nazionale, secondo alcuni esperti la popolazione dovrebbe aggirarsi sui circa 1000 capi.
 
Nella Regione Basilicata la Legge Regionale n. 23 del 2000 prevede rimborsi per i danni alla zootecnia provocati da lupi e da altra fauna selvatica. Questa norma prevede il risarcimento dei danni causati alle produzioni zootecniche dalla fauna selvatica o inselvatichita. Quindi, prevede risarcimenti per le predazioni dei lupi ma anche per quelle dei cani inselvatichiti in danno degli animali d’allevamento. E’ importante fare questa precisazione in quanto molti allevatori cercano di attribuire i danni subiti ai lupi ritenendo erroneamente che quelli provocati dai cani inselvatichiti non sono indennizzabili. La norma regionale prevede indennizzi per danni causati agli allevamenti bovini, ovicaprini ed equini condotti allo stato brado o semibrado. I danni sono risarcibili all'80% del valore degli animali uccisi. Per provare l’uccisione dei propri animali l’allevatore deve mostrare la carcassa dell’animale ucciso, non sono rimborsabili danni ad animali d’allevamento predati al pascolo e dei quali non si rinvengono i resti.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi