home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 84.742.862 visualizzazioni ]
08/04/2014 17.56.34 - Articolo letto 1384 volte

Riforma Titolo V, Consiglio regionale approva risoluzione

Consiglio regionale Consiglio regionale
Media voti: Riforma Titolo V, Consiglio regionale approva risoluzione - Voti: 0
Con il documento si dà pieno mandato al presidente della Giunta regionale perché si faccia portavoce con i vertici istituzionali dello Stato di quanto emerso nel dibattito in particolare in relazione alla materia ambientale
Basilicata Il Consiglio regionale della Basilicata, riunitosi in contemporanea con gli altri Consigli regionali il 2 aprile scorso per discutere della riforma del Titolo V della Costituzione al termine del dibattito, conclusosi oggi, ha approvato a maggioranza (con la sola astensione del M5s) un documento proposto da tutti i capigruppo tranne quello del Movimento 5 stelle  con il quale “sì dà mandato al Presidente della Giunta, perché si faccia portavoce con i vertici istituzionali dello Stato di quanto emerso nel corso del Consiglio regionale della Basilicata dedicato al tema delle riforme costituzionali, in particolare in relazione alla materia ambientale, determinante in questa regione e contenuta nel DDL di riforma del Titolo V”.
 
“Un dibattito intenso e ricco di spunti – si legge nel documento -, dal quale è emersa una complessiva condivisione sulla necessità di una riforma che tenga in debita considerazione le posizioni emerse. Il Consiglio regionale ritiene che la riforma costituzionale non può prescindere da una revisione profonda del Titolo V della Costituzione che definisca, una volta per tutte, le competenze precise dei vari organi dello Stato, senza dannose sovrapposizioni, per offrire nuove opportunità di sviluppo e di investimento in un quadro definito di fabbisogni, costi standard e strumenti di perequazione; ritiene, quanto alla proposta di riforma del Senato, che essa debba essere organica ad un assetto istituzionale che tenga conto delle esigenze di maggiore efficienza, di maggiore governabilità e anche delle istanze di riduzione dei costi della politica; ritiene, inoltre, necessario il rafforzamento della cooperazione interregionale mantenendo invariati i confini amministrativi; ritiene necessario, nell’ipotesi in cui la materia energetica sia attribuita allo Stato,  che l’attività estrattiva non risponda a meri automatismi, bensì a un nuovo negoziato che definisca parametri di sostenibilità ambientale, sanitaria, sociale ed economica, previa discussione in Consiglio regionale; ritiene altresì, sulla scorta della consolidata giurisprudenza in tema di individuazione delle materie di competenza dei diversi livelli di governo, di mantenere tra quelle concorrenti l’ambiente ed il governo del territorio”.

Riforma Titolo V, Pittella uniamo le nostre intelligenze per la Basilicata
Bisogna governare il tempo dei cambiamenti per non essere stritolati dalla storia

“Le riforme istituzionali e costituzionali devono rappresentare l’occasione per sciogliere alcuni nodi dell’agenda politica della Basilicata e per dimostrare la nostra capacità di saper alzare la testa e riprendere il cammino. Quella che stiamo attraversando è una stagione complessa, non solo per la crisi economico finanziaria, ma anche per le forti spinte all’individualità e all’egoismo. Istituzioni e partiti fanno ormai fatica a fungere da collante con i cittadini. Per questo motivo è necessario affrontare il tema del riassetto istituzionale con giusto piglio e lungimiranza”.
Lo ha dichiarato il presidente Marcello Pittella chiudendo il dibattito in Consiglio Regionale sulla proposta di riforma del bicameralismo e del Titolo V della Costituzione.
“La relazione del presidente Lacorazza – ha detto Pittella -  analizza con obiettività il corto circuito che si è determinato nell’organizzazione dei poteri tra Regione, Autonomie locali e Governo centrale.  L’assenza di una riforma di sistema, che manca da almeno un ventennio, ha alterato il confine della funzione di ognuno. Questa situazione è ormai esplosa sotto la scure della crisi politica, e dei partiti che negli ultimi anni ha impaludato il processo di riforma, dando ragione a un diffuso sentimento antieuropeo. Ma noi non posiamo pensare di essere competitivi senza prender parte attiva all’Europa. Dobbiamo credere in una Europa che non sia soltanto unione monetaria ma che possa svolgere il ruolo di vera entità politica, occupandosi di affari esteri, giustizia, diritti umani e civili. Anche per questo motivo l’Italia deve recuperare agibilità e snellezza nella sua articolazione strutturale. Le Regioni devono aprirsi alla sfida del futuro e guardare all’Europa come ad una opportunità per ridefinire, con sana autocritica, funzioni e missione, rivendicando una sorta di prerogativa nel dialogo col Governo sulle prospettive di sviluppo. Spesso – ha detto ancora Pittella – ci siamo sostituiti ad altri organismi, siamo diventati pervasivi ed abbiamo assunto responsabilità non proprie, anche nei confronto delle Autonomie locali. Questa tendenza deve essere invertita. Le Regioni poi, senza perdere la loro autonomia,  possono svolgere funzioni importanti nell’individuazione, a livello centrale, di più precisi ambiti di sviluppo, ciò  anche alla luce del processo di ridefinizione della Province. Se non governiamo questo tempo di grandi cambiamenti nei rapporti con lo Stato, rischiamo di essere stritolati dalla storia.  Sono consapevole che abbracciare la strada delle riforme non porta consenso, ma se teniamo alla nostra Basilicata dobbiamo abbracciare questo nuovo corso.  Nel dibattito in corso la posizione della Conferenza delle Regioni deve essere quella di abbracciare l’idea di una riforma, senza però far venir meno il ruolo delle stesse. L’adesione alle riforme proposte dal Presidente Renzi non equivale ad una cambiale in bianco, significa invece la precisa volontà delle Regioni di ritagliarsi un ruolo importante nel processo di riforma, rivendicando anche potere legislativo e precisi confini per le materie concorrenti. La Basilicata che concorre al 15% del fabbisogno energetico nazionale non può non avere una propria griglia normativa in tema di energia e salvaguardia del territorio.
Rispetto alle nostre competenze in materia di autorizzazioni ambientali dobbiamo tentare di mettere dei paletti per evitare un esproprio di competenze e il possibile conseguente uso del territorio. Su questa materia come Regione stiamo provando ad offrire anche spunti ai nostri parlamentari. Io non sono contrario all’utilizzo virtuoso del petrolio. E’ una risorsa del nostro territorio dalla quale, se bene utilizzata e nel rispetto di salute e ambiente, dobbiamo ottenere le migliori condizioni di occupazione e imprenditoria. Il clima di esasperazione su questo tema che proviene dal territorio è anche frutto degli errori che tutti noi abbiamo commesso in passato. Non dobbiamo sottrarci al dialogo e dobbiamo fare virtù di ogni spunto costruttivo. Solo unendo le nostre intelligenze possiamo far fare un passo in avanti alla nostra Basilicata”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi