home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 92.867.498 visualizzazioni ]
09/03/2014 11.41.28 - Articolo letto 2428 volte

Matera, solidarietà per attentato a Sala Ricevimenti

I Giardini della Corte - Matera (foto SassiLand) I Giardini della Corte - Matera (foto SassiLand)
Media voti: Matera, solidarietà per attentato a Sala Ricevimenti - Voti: 0
Nota di Associazione “Famiglia e Sussidiarietà”, Rete Imprese Italia e Adriano Pedicini
Matera Il Presidente dell’Associazione antiracket e antiusura “Famiglia e Sussidiarietà” esprime solidarietà, ed è pronta a dare tutto il suo sostegno, ai titolari della struttura alberghiera “I Giardini della corte” per il grave attentato intimidatorio subito nella notte scorsa con l’esplosione di una bomba collocata nella struttura ricettiva.
 
Angelo Festa – Presidente dell’Associazione – ritiene che occorre fare chiarezza sull’accaduto e scongiurare il pericolo, sempre crescente in un periodo di crisi economica e sociale, del dilagare della piaga del racket e dell’usura, con una adeguata risposta da parte dei cittadini, delle istituzioni e delle forze di polizia.
 
Solo con una larga partecipazione – ha continuato Festa – e una attività di informazione e di prevenzione è possibile arginare l’illegalità del racket e dell’usura che minaccia la nostra economia e la convivenza di una collettività.

Rete Imprese Italia su episodio criminoso a Matera
L'ordigno fatto esplodere la scorsa notte presso una sala ricevimenti in C.da Rondinelle a Matera incute preoccupazione e sdegno ai titolari di attività commerciali rappresentati dalle associazioni aderenti a Rete Imprese per l'Italia del Materano.
Già in passato alcune Associazioni avevano manifestato la propria preoccupazione per episodi vandalici che si verificavano nelle ore notturne, ma l'atto intimidatorio della scorsa notte turba gli animi di quanti ricordano esperienze di un passato non troppo lontano.
Certi dell'ottimo lavoro che le forze di polizia sapranno mettere in atto e che auspichiamo faccia risalire agli autori del gesto criminale dell'altra notte,  invitiamo tutti gli operatori commerciali ed artigianali presenti sul nostro territorio a tenere alta la guardia affinchè simili episodi non abbiano a ripetersi.

Nota di Adriano Pedicini
Non sono le istituzioni, ma i cittadini divengono i beneficiari della sicurezza, manifestandosi questa costruita come ordinamento giuridico di chi vive e lavora in una comunità, specie se questa società cresce e si sviluppa intorno ad una idea che attrae passioni ed interessi economici. Quanto accaduto la scorsa notte alle porte di Matera, allorchè un ordigno ha svegliato la città e fatto saltare una sala ricevimento, non deve passare nella naturale e sterile rappresentazione di un accadimento isolato e di poco conto, bensì fatto di gravità assoluta e di grande meditazione istituzionale per chi è preposto all’ordine e sicurezza pubblica.  Fatti del genere che giungono dopo altri episodi sui quali non si è fatta ancora chiarezza, come quello avvenuto lo scorso settembre, dell’incendio doloso di una pizzeria appena aperta in via La Martella, devono imporre una allerta massima nella nostra città per arginare prontamente il nascere di qualunque turbamento dell’ordine pubblico, garantendo ad ogni cittadino il diritto di essere tutelato e difeso nella persona e nel patrimonio, in particolar modo quando da questo derivano fonti di reddito e posti di lavoro. Questa minaccia oggi non deve compromettere o cambiare le strategie ed abitudini di questa città nell’accoglienza né, cosa peggiore, allontanare investimenti, alla vigilia dell’appuntamento culturale con l’Europa; in un delicato momento di crescita economica di alcuni settori come quello turistico alberghiero. Progresso certamente un tantino enfatizzato, ma non può negarsi che in questo momento di crisi il settore genera economia e flussi di denaro che non passano inosservati alla organizzata criminalità del circondario. La percezione di sicurezza del vissuto della città ha sino ad oggi funzionato, sia per i cittadini che per chi li governa, come collettore di ansie e problemi. Di qui in poi c’è bisogno che continui a funzionare ancor meglio, non ci si può distrarre o abbassar la guardia, per far ciò c’è bisogno di consapevolezza da parte dei cittadini in ordine alla titolarità di responsabilità collaborativa nell’interesse sociale, per concepire la sicurezza come un bene comune. Di riflesso non può non rivolgersi a chi a livello istituzionale è preposto al contrasto alla criminalità affinchè non trascuri nulla nella contesa ai fenomeni criminali del territorio materano.
 
Adriano Pedicini
Delegato alla Sicurezza nel Direttivo Regionale FI 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi