home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 87.528.876 visualizzazioni ]
14/02/2014 16.37.27 - Articolo letto 3527 volte

Miasmi insopportabili a Borgo Venusio. Il sit-in di protesta dei residenti

Sit-in davanti a Ila Valdadige - 14 febbraio 2014 (foto SassiLand) Sit-in davanti a Ila Valdadige - 14 febbraio 2014 (foto SassiLand)
Gli scarichi di Ila Valdadige a Matera - 14 febbraio 2014 (foto SassiLand) Gli scarichi di Ila Valdadige a Matera - 14 febbraio 2014 (foto SassiLand)
Media voti: Miasmi insopportabili a Borgo Venusio. Il sit-in di protesta dei residenti - Voti: 0
Secondo i manifestanti che da stamane sono all'ingresso dell'Ila Valdadige i cattivi odori sono dovuti all'utilizzo di Pet Coke
di GIANNI CELLURA
Matera Ieri sera un cattivissimo odore, stamane la protesta dei cittadini. Verso le 23 di ieri i miasmi insopportabili prodotti dagli scarichi del vicino stabilimento della Valdadige hanno inondato le vie del borgo Venusio e da stamane i cittadini del borgo hanno organizzato un sit-in di protesta davanti ai cancelli dell'azienda che si trova sulla strada statale 96 Matera-Altamura, perchè venga sospeso al più presto l'utilizzo del Petcoke come combustibile. Infatti, a seguito dell'autorizzazione regionale AIA (autorizzazione integrale ambientale) del 2010, la Valdadige ha iniziato a bruciare, seppure in modo discontinuo, il carbone distillato dal petrolio causando odori nauseabondi avvertiti su tutta l'area del borgo materano. I residenti chiedono quindi di avviare un monitoraggio preventivo all'interno della struttura per garantire la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini, i quali - precisano - portano avanti la battaglia senza colori politici e interessati esclusivamente a difendere il diritto alla salute. Nel frattempo, Tommaso Perniola, residente nel borgo e consigliere comunale di minoranza, ha impugnato la protesta che andrà avanti fintanto che ce ne sarà bisogno; "Il direttore dello stabilimento - informa Perniola -  ha comunicato che lo stabilimento ha smesso di bruciare petcoke alle 14:00 di oggi e in effetti i fumi di scarico appaiono più "chiari" ma non abbiamo alcuna garanzia che lo stop sarà mantenuto anche nelle prossime ore". "Ciò che più di tutto fa discutere - dicono alcuni manifestanti - è come sia possibile ottenere un'autorizzazione AIA dalla Regione se l'abitato di Venusio dista solo 600 metri dallo stabilimento invece che un chilometro soprattutto se si considera che nelle vicinanze della Valdadige sono presenti anche prese idriche destinate al consumo umano, zone agricole e fabbricati rurali"

Gianni Cellura

La nota di Adriano Pedicini

"Ritengo doveroso intervenire e precisare alcune sostanziali questioni che riguardano la polemica inerente le emissioni della Valdadige, per la combustione di Petcoke, ottenute con AIA dell’agosto 2010. Alle puntuali dichiarazioni dell’assessore all'Ambiente, Rocco Rivelli, vi sono da aggiungere alcune attente valutazioni che devono chiarire esattamente quanto accaduto, perchè la Regione Basilicata, così come dettano le norme in materia, anteriormente alla concessione di  autorizzazione ha opportunamente chiesto il parere del Comune di Matera. Quest’ultimo ente nel luglio del 2010 celermente invia la sua risposta, offrendo senza indugio parere totalmente positivo alla combustione di petcoke. Da tale documento ciò che maggiormente si rileva discordante è che la risposta viene elaborata dall’allora dirigente al settore Urbanistica e non dal dirigente del settore Ambiente; alcuno viene informato di tale pratica e, né informative a consiglieri, né convocazione di commissione vengono proposte. Oggi le questioni se non valutate dall’analisi da tale antefatto risulterebbero prive di senso, il Comune di Matera era ben consapevole che la Valdadige avrebbe bruciato Petcoke, aveva concorso a tale autorizzazione, ne era ufficialmente informato ed è inutile ricordare che nell’estate del 2010 sulla poltrona di via Aldo Moro sedeva il sindaco Adduce, lo stesso che oggi corre ai ripari interessando la sua maggioranza e chiedendo alla Regione di recedere da ciò che oltre 3 anni fa aveva liquidato in silenzio. Credo che oggi per spiegare tutto ciò il sindaco e la giunta, prima di ogni altra questione dovrebbero dar conto di tanta superficialità e illustrare alla città ed al consiglio, le motivazioni che hanno indotto ad una decisione così grossolana e frettolosa; per qual motivo, quando si doveva, alcuna comunicazione ai rappresentanti della città si è data?
Ciò che si è posto in campo oggi come al solito giunge tardivo, anche la stessa decisione dell’assessore al ramo di invitare il dirigente dell'ufficio comunale Urbanistica, ad effettuare una verifica sulla contestata distanza fra lo stabilimento e l'abitato di Venusio, è oltremodo tardiva e inconcludente soprattutto perché in virtù di una regolare autorizzazione concessa, con il benestare di chi oggi la rinnega, la Valdadige brucia Petcoke.
Adriano Pedicini Capogruppo PDL"




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi