home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.285.604 visualizzazioni ]
09/12/2013 13.15.24 - Articolo letto 1540 volte

AGROALIMENTARE LUCANO, BENEDETTO: NON E’ PIU’ TEMPO DI INIZIATIVE ESTEMPORANEE

Nicola Benedetto e Piergiorgio Quarto Nicola Benedetto e Piergiorgio Quarto
Media voti: AGROALIMENTARE LUCANO, BENEDETTO: NON E’ PIU’ TEMPO DI INIZIATIVE ESTEMPORANEE - Voti: 0
"la nuova legislatura regionale segnerà una svolta nella gestione delle risorse petrolifere"
Basilicata “Come testimoniano gli imprenditori agricoli lucani della Coldiretti che hanno partecipato al presidio al valico del Brennero per difendere l’agroalimentare italiano dalle contraffazioni  ed aiutare, in concreto, produttori e pmi di trasformazione e commercializzazione a reggere crisi e competizione di mercati interni ed internazionali, non è più tempo di iniziative estemporanee, tanto più se scollegate con i soggetti istituzionali e sociali che si occupano di agro-alimentare. E’ il caso dell’incontro promosso venerdì a Matera della Total che vede tra gli assenti il Dipartimento Agricoltura e il mondo agricolo lucano”.
E’ quanto dichiara l’Assessore Regionale all’Agricoltura Nicola Benedetto, che  sottolinea il lavoro svolto, sia pure in pochi mesi, sul fronte dell’agroalimentare lucano per il quale si è reso necessario un Tavolo specifico che – ricorda – “ho insediato per allargare ad altre categorie produttive che operano nell’agro-alimentare e in stretta sinergia con il mondo agricolo. Inoltre, il Dipartimento sta dispiegando il massimo impegno per accelerare i programmi PIF e con essi la spesa del Psr 2007-2013.
Ma – aggiunge – evidentemente la Total ignora tutto questo e le vere problematiche che stiamo affrontando e preferisce promuovere l’ennesima passerella autocelebrativa forse per tacitare la propria coscienza sul cosiddetto “impegno sociale” della compagnia petrolifera nel territorio dove punta ad estrarre petrolio e con esso ad incrementare i profitti. Se pensa di poter rispondere alle legittime richieste delle nostre comunità con le briciole la Total – dice l’assessore – si sbaglia di grosso perché la nuova legislatura regionale segnerà una svolta nella gestione delle risorse petrolifere per benefici ben più consistenti delle attuali. Anche sull’occupazione il programma Total, ribadito nell’incontro di Matera, non può soddisfarci perché si limita ancora a qualche decina di posti di lavoro.
Quanto alle problematiche dell’export da affrontare, se si vuole realmente supportare le pmi lucane, sono ben altre e ben più complesse di qualche relazione teorica o della presentazione di qualche pur interessante esperienza imprenditoriale. Intanto il Made in Italy agroalimentare e con esso il made in Basilicata hanno un grande potenziale: esso conquista l'estero e nel 2013 l'Italia segnerà un record nel valore delle esportazioni agroalimentari a 34 miliardi di euro per effetto dell'aumento del 7 per cento delle esportazioni. Il prodotto piu' esportato è il vino che nel 2013 fa segnare il record storico con un valore delle vendite che raggiunge per la prima volta i 5 miliardi di euro per effetto di un aumento del 9 per cento degli acquisti oltre confine. Dunque tradizione ed innovazione possono rappresentare la chiave di svolta per il rilancio del comparto agroalimentare lucano che per l’export continua a dare segnali incoraggianti: oltre 16 milioni di euro al terzo trimestre 2012 e più 2,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente sono una buona base di partenza. Abbiamo un potenziale enorme – non a caso indicato dal Rapporto Censis come “energia positiva” - tenuto conto che la quota dell’export alimentare del “made in Basilicata” è appena dello 0,1% dell’ammontare complessivo delle Regioni del Sud e che la tendenza del “mangiare italiano”, nonostante la crisi dei consumi, è comunque positiva con 25 miliardi di fatturato nel 2012. Tanto più che l’unica del “made in Basilicata” che tira rispetto ad auto (Fiat) e salotti.
Per questa ragione – continua -  non si possono sprecare occasioni e tempo alla ricerca di strategie di export mentre altri sono da tempo attrezzati per vendere di più nei mercati e si devono individuare gli strumenti e le azioni concrete per sostenere produttori e pmi. La Total e le altre società petrolifere possono dimostrare il proprio impegno non limitandosi alla convegnistica ma finanziando alcune di queste azioni che intendiamo mettere in campo. Infine – conclude – mi pare strano che il neo Governatore Pittella abbia delegato a farsi rappresentare l’Assessore alle Infrastrutture Braia pur in presenza dell’assessore tuttora in carica all’Agricoltura”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi