home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 97.204.411 visualizzazioni ]
21/06/2010 20.13.14 - Articolo letto 9379 volte

DATACONTACT SPIEGA LE RAGIONI DEL LICENZIAMENTO DI 19 OPERATORI

Call Center Call Center
Media voti: DATACONTACT SPIEGA LE RAGIONI DEL LICENZIAMENTO DI 19 OPERATORI - Voti: 0
Le unità non sono idonee alla gestione dei servizi, non compatibili con i livelli di servizio previsti contrattualmente dal bando.
di GIOVANNI MARTEMUCCI
Matera
A seguito della fuorviante comunicazione della stampa e di alcuni esponenti politici regionali, relativamente alla situazione occupazionale sulle commesse svolte per conto della Regione Basilicata, le società Datacontact e Lucana Sistemi, aggiudicatarie del bando di gara Soluzioni e servizi avanzati a supporto dei processi di innovazione regionale, per il periodo 2009-2013 , ritengono doveroso esporre, con chiarezza, le motivazioni che hanno indotto le aziende a procedere, in data 16 giugno, all invio delle lettere di mancato superamento del periodo di prova per un numero complessivo di unità pari a 19 persone. Come previsto dal bando di gara della Regione Basilicata e dal progetto tecnico presentato dalle due aziende aggiudicatarie, la modalità innovativa con cui i servizi di Cup e Contact Center Regionale e quelli di supporto all innovazione regionale devono essere gestiti, impongono una misura costante e puntuale di parametri di valutazione quali-quantitativa dell operato delle aziende. Come si legge nell allegato D1 del Capitolato di gara, infatti, l amministrazione regionale, privilegiando il processo di esternalizzazione dei
servizi, si prefigge di acquisire livelli di qualità e di costo dei servizi di Call Center con un deciso orientamento al risultato finale (out come) ed alla governance dell intero processo. Tale volontà dell Amministrazione, è confermata dalla presenza di precise misurazioni dei livelli di servizio relativamente all efficienza della gestione, che si traducono in un sistema di penalità nel caso in cui i livelli previsti non siano raggiunti.
Proprio in considerazione di queste richieste dell Amministrazione, il progetto tecnico presentato dalle due aziende prevedeva di individuare tra la platea dei lavoratori ex Agile, quelle risorse che, per profilo, competenze ed attitudine misurata dalle aziende, potessero consentire di raggiungere tali obiettivi. LATI, in sede di presentazione delle offerte, aveva già dichiarato di voler procedere ad una valutazione del personale al fine di individuare coloro che risultassero idonei a tale scopo, integrando nuove figure in caso di una valutazione negativa delle risorse esistenti.
Le vicissitudini legate al ricorso presentato da Agile ed alla trattativa sindacale condotta sul tavolo regionale, hanno portato alla sigla dell accordo sindacale in extremis, a distanza di due giorni dal previsto avvio dei servizi del bando, con la conseguente impossibilità per le aziende, nota a tutti gli interlocutori della trattativa, di poter operare una valutazione adeguata del personale, nella consapevolezza che l'accordo siglato con le organizzazioni sindacali prevedeva l applicazione per tutti i lavoratori del periodo di
prova contrattualmente previsto nella misura di tre mesi dall avvio del rapporto lavorativo. Durante questo periodo, come indicato dalla normativa, entrambe le parti (datore di lavoro e lavoratore), possono procedere all interruzione del contratto stesso, senza contravvenire ad alcun obbligo. Questo aspetto, discusso anche in sede di trattativa sindacale, era ben noto a CGIL, CISL e UIL oltre che all Ente Regione.
La volontà delle aziende di interrompere il rapporto di lavoro con alcune unità non considerate idonee alla gestione di questi servizi, a fronte di specifiche analisi effettuate sui risultati delle risorse stesse, inoltre, era nota già da alcune settimane sia alle organizzazioni sindacali che all Ente Regione che, proprio per correttezza di rapporti, erano stati preventivamente informati dalle due aziende delle scelte operate. In quella sede, infatti, Datacontact ha esposto con chiarezza la situazione delle singole risorse dei servizi CUP e Contact Center, evidenziando che i dati riscontrati nei primi mesi di gestione del servizio non erano compatibili con i livelli di servizio previsti contrattualmente dal bando. Delle unità allocate sui servizi di contact center solo 26 dei 62 lavoratori presentano delle performance che, con un adeguato supporto di formazione ed affiancamento, potranno diventare compatibili con gli impegni contrattuali delle aziende.
Nonostante questi dati, e proprio nel tentativo di accogliere le richieste delle organizzazioni sindacali e dell Ente Regione, Datacontact aveva assunto l impegno di limitare ai soli 12 meno performanti i provvedimenti di mancato superamento del periodo di prova o mancata proroga del contratto a tempo determinato, facendosi carico di ulteriori azioni volte al miglioramento individuale delle performance, risultato di una sfida difficile da gestire ma che si sarebbe potuta raggiungere con un clima positivo di
collaborazione e di obiettivo comune da raggiungere.
Alla misurazione qualitativa dei servizi di contact center svolti si aggiunge anche la variabilità del volume di attività previste dal bando, in funzione dell attivazione di alcune linee solo in presenza di apposite delibere e allocazioni di fondi. Proprio l assenza, alla data del 16 giugno, di alcune di queste garanzie, ha portato alla comunicazione di mancato superamento del periodo di prova anche da parte della società Lucana Sistemi.
Nella giornata del 17 giugno era prevista un assemblea sindacale presso la sede di Potenza di Datacontact, indetta da CGIL, CISL e UIL, proprio per discutere di questo tema, ma già dalla mattina, senza alcun preavviso e con i conseguenti disagi arrecati agli utenti dei servizi di contact center gestiti, è stata indetta un assemblea permanente presso la sede della Regione Basilicata. Questa decisione improvvisa non ha consentito all azienda di continuare a gestire i servizi telefonici fino al pomeriggio, quando è stata prontamente attivata la procedura di back up, prevista dal progetto tecnico presentato dalle aziende, con la risposta alle chiamate degli utenti dalla sede di Matera con operatori formati a tale scopo. Il servizio, quindi, dalla mattina successiva è stato regolarmente gestito, con la possibilità di effettuare le prenotazioni
sanitarie richieste dagli utenti, e continuerà ad esserlo anche in presenza dell agitazione sindacale in corso. Da giovedì 17 giugno è stato prontamente avviato un tavolo presso gli uffici della Giunta Regionale, al fine di individuare con tutti gli interlocutori delle soluzioni che, pur nel rispetto delle prerogative di qualità ed efficienza del bando di gara, consentissero di garantire una continuità lavorativa a tutti i lavoratori assunti a fine marzo. Nella tarda serata di venerdì le aziende, le organizzazioni sindacali e l Ente Regione si erano congedate con un ipotesi di accordo da discutere sabato mattina nell assemblea con i lavoratori. L ipotesi, condivisa e formalizzata questa mattina con i segretari regionali di CGIL (Antonio Pepe), CISL (Nino
Falotico) e UIL (Carmine Vaccaro), il direttore generale della Presidenza della Giunta regionale (dott. Angelo Nardozza) ed il dirigente dell ufficio SI (ing. Vincenzo Fiore), è stata portata in discussione all assemblea dei lavoratori. Tale ipotesi contempla una soluzione che garantisce la continuità di tutti i
lavoratori, dal 23 giugno 2010, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, attraverso un impegno formale dell Ente Regione ad attivare nuovi progetti in linea con il contenuto del bando di gara. Come già annunciato nell incontro di questa mattina, in mancanza di un rasserenamento del clima, e della scadenza
dei termini per procedere alle comunicazioni agli enti competenti della cessazione del rapporto di lavoro, la società Datacontact si è vista costretta a procedere al licenziamento di ulteriori 24 unità, in ragione dell esigenza di ottemperare agli obblighi contrattualmente sottoscritti con l Ente Regione, ed in conseguenza del protrarsi dell agitazione sindacale che, nonostante la pronta attivazione della procedura di back up, non consente di gestire al meglio i servizi di CUP e Contact Center Regionale.
Gli utenti dei servizi regionali, che pagano con i propri contributi la corretta gestione dei servizi oggetto di analisi, possono essere garantiti dalla professionalità e capacità delle aziende aggiudicatarie di trovare
rapidamente soluzioni che consentano di minimizzare, e se possibile azzerare, l impatto delle decisioni di chi vuole strumentalizzare politicamente una commessa e dei servizi che, per volontà regionale, hanno cambiato assetto rispetto alle precedenti modalità operative, puntando sulla qualità ed efficienza
gestionale, ma senza derogare al valore di pubblica utilità per gli utenti dei servizi regionali. Datacontact e Lucana Sistemi, che hanno assunto l impegno con l Ente Regione di migliorare ed innovare positivamente i servizi aggiudicati, continueranno a lavorare nel rispetto di quanto previsto dal contratto
siglato con l ente, dal contratto di lavoro sottoscritto con i dipendenti delle due aziende e dagli accordi sindacali. Si invitano tutti coloro che sono interessati, a qualunque titolo, ad analizzare o approfondire la vicenda, a prendere visione del bando di gara, pubblicato sul sito della Regione Basilicata, ed al contratto sottoscritto dall Ente con le aziende. Non potranno essere accettate forzature ed interpretazioni diverse
dalla realtà dei fatti, ed ingerenze del mondo politico che interpreta in maniera impropria e strumentale la complessa situazione che le aziende si trovano a gestire. 
 
 
Datacontact S.r.l. Lucana Sistemi S.r.l.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




Commento
Il 22/06/2010, Aldo85 ha scritto :
Quante cose sono cambiate dopo le elezioni. Fra licenziamenti e tv non più tanto "di servizio" pare che qualcuno si sia esaltato troppo in periodo elettorale. Il comunicato mi pare più fializzato a sfiancare il lettore che a motivare certi atti.

 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi