home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.009.958 visualizzazioni ]
15/07/2013 17.58.50 - Articolo letto 2378 volte

Ferrosud. FILM FIOM UILM proclamano stato di agitazione. Interviene UGL Basilicata

Stabilimento della Ferrosud SpA (foto SassiLand) Stabilimento della Ferrosud SpA (foto SassiLand)
Media voti: Ferrosud. FILM FIOM UILM proclamano stato di agitazione. Interviene UGL Basilicata - Voti: 0
Giovedì 18 luglio, anche un presidio in portineria
Matera "A partire da oggi - affermano le segreterie di FILM FIOM UILM in una nota - 15 luglio 2013 i lavoratori della Ferrosud spa di Matera e le organizzazione sindacali FILM FIOM UILM, proclamano lo stato di agitazione. Giovedi 18 luglio 2013 a partire dalle ore 9,00 si attuerà un presidio in portineria con assemblea aperta a tutti i lavoratori.
 
Lo stato di agitazione è dovuto all’incapacità dell’attuale proprietà di “2M TECNO – IMPIANTI” di Arezzo, che non  ha provveduto a investire in nuove risorse economiche  come è stato invece dichiarato in sede regionale con la presentazione del nuovo piano industriale.
 
Al contrario, da parte dell’attuale menager c’è stata una accurata e puntuale  gestione  dal suo insediamento che ha dato continuità aziendale con relative commesse, pur avendo ereditato una situazione catastrofica.
 
I lavoratori e i sindacati, preoccupati per una situazione poco chiara da parte degli attuali proprietari, si rivolgono agli organi per  la procedura del concordato affinchè si proceda con estrema urgenza al bando di vendita, avendo più attenzione e sensibilità verso i problemi produttivi ed occupazionali del territorio e non prestando il fianco a chi negli ultimi dodici anni non ha fatto niente per il mantenimento e lo sviluppo dello stabilimento.
 
I lavoratori e le Organizzazioni Sindacali FIM FIOM UILM, dunque si riservano di mettere in atto tutte quelle iniziative atte a salvaguardare questa unità produttiva del territorio che altrimenti lascerebbe sul lastrico più di 140 famiglie."

Ferrosud, Giordano (Ugl): lamentarsi ora lascia il tempo che trova.
 
“Sulla vicenda Ferrosud vengono versate da più parti ancora rimpianti in quanto i segnali di una progressiva dismissione dello stabilimento erano nell’aria da anni, l’Ugl a più riprese lo ha da sempre denunciato e rimane comunque critica verso quei soggetti responsabili che non hanno consentito che giuste iniziative potevano essere consumate in tempo utile e non ora che oramai si gioca una partita nei tempi supplementari”.
E’ la dura posizione del segretario regionale Uglm, Giuseppe Giordano per il quale, “lamentarsi ora lascia il tempo che trova: si sarebbe dovuto intervenire già da tempo in maniera energica e risolutiva. Le oo.ss. che hanno da sempre fatto la ‘voce grossa’ su tale vertenza, non sono stati in grado di assicurare prospettive produttive ed occupazionali venendo meno, unitariamente alla politica che li accompagnava,  a tutti gli impegni assunti. L’Ugl – prosegue il segretario – ricorda che dopo il concordato, la gestione Mancini aveva annunciato piani di investimento e commesse e nuova ripresa, ma al solito solo promesse registrando all’epoca nessuna voglia di discutere con la nuova cordata presentata dall’Ugl, o con Step ONE di Tito: in Regione invece di portare o discutere richieste credibili su piani industriali, si è sempre portato solo ed esclusivamente richieste continue di cassa integrazione da far prendere atto alle oo.ss. su passaggi già ‘consumati’. Infatti - continua il sindacalista, Giordano -  sulla vicenda Ferrosud si sono consumate moltissime inadempienze, molti impegni disattesi, volontà mancate perpetrate ai danni dei lavoratori che si sono visti franare sotto i piedi tutte le speranze di rilancio produttivo ed occupazionale dello stabilimento di Iesce. Ora per l’Ugl,  l’unica via d’uscita è la convocazione immediata di un incontro presso il Mise, per definire un percorso certo finalizzato a riportare tutti i lavoratori in produzione garantendo gli impegni assunti. Per questi motivi – conclude Giordano  - anche il Governo, anche su sollecitazione dei parlamentari lucani, partecipi assumendo le iniziative necessarie a sbloccare la situazione per portarla  finalmente ad un  piano industriale chiesto da tempo così allontanando la grande preoccupazione per il destino dello stabilimento Ferrosud, mettendo necessariamente fine a questa vertenza che vede 140 famiglie vivere quotidianamente incubi occupazionali”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi