home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.923.496 visualizzazioni ]
20/06/2013 17.43.25 - Articolo letto 2481 volte

Maida: "C’erano una volta i professionisti della politica"

ELEZIONI ELEZIONI
Media voti: Maida: "C’erano una volta i professionisti della politica" - Voti: 0
Nota del Centro Studi Jonico DRUS di Montalbano Jonico
Montalbano Jonico "Non passa giorno che nelle cronache politiche nostrane degli ultimi tempi, non vi sia un’ipotesi di candidatura o di posizionamento in vista del rinnovo del consiglio regionale. A tal proposito  sorge spontanea una riflessione di carattere generale con conseguenti interrogativi, ai quali  in tutta sincerità non so dare delle risposte esaurienti.
C’erano una volta i professionisti della politica, in servizio permanente effettivo.
Già adolescenti avevano frequentato le sezioni di partito, letto  libri, approfondivano poi gli argomenti per poter sostenere il dibattito interno e quello con gli avversari, si spendevano nella militanza e si sottoponevano al giudizio della base prima e degli elettori  dopo.
La classe dirigente era il frutto di questa dura selezione, forse non era il meglio che si potesse desiderare, visti i risultati, sicuramente era il meno peggio.
Di scelte rivelatesi sbagliate ne furono fatte a iosa, però la qualità e la cifra delle persone era indubbia: Berlinguer, Almirante, Andreotti, Malagodi, La Malfa, e via via scendendo al piano locale ed a quello regionale.
Qualche tempo fa in un pubblico dibattito parlai del calo demografico nella nostra regione e citai i dati Istat che registravano uno stallo anche nei comuni del metapontino, fino ad allora in crescita. Un sindaco presente mi replicò che l’Istat sparava “cazzate”, non sapeva neanche che l’Istat i dati li raccoglie dagli uffici demografici dei comuni, quindi anche dal suo.
Molti degli attuali consiglieri regionali, così come qualche parlamentare, in altri tempi avrebbero avuto difficoltà a ben figurare  in un consiglio comunale di un paesino sperduto tra le dolomiti lucane.
L’inchiesta sui rimborsi spese dimostra, al di là delle valutazioni giuridiche che non ci spettano, un dilettantismo stupefacente. La vecchia classe dirigente aveva più professionalità anche nel malaffare.
Una volta chiesi ad un consigliere provinciale del mio paese, che negli anni ‘70 veniva puntualmente rieletto potendo contare su di un buon consenso, perché non avesse mai tentato la scalata alla Regione o una candidatura al parlamento, mi replicò che li si facevano le leggi e lui non era all’altezza, i suoi studi si erano fermati al diploma di scuola media superiore e neanche come autodidatta aveva continuato a leggere e ad approfondire; rimasi stupito dal suo senso della misura.
Con l’approssimarsi del rinnovo del consiglio regionale le ambizioni, il desiderio sfrenato di protagonismo, l’ingordigia di andare ad occupare un posto pubblico molto ben remunerato senza lavorare, si stanno scatenando senza ormai alcun freno inibitorio.
Spesso le ambizioni sono inversamente proporzionali alle capacità ed alla qualità dei pretendenti.
Una risposta esauriente a questo fenomeno non so darla. Probabilmente le cause sono molteplici: la destrutturazione dei partiti o l’autodistruzione, a seconda dei punti di vista, l’analfabetismo di massa che ha avuto come complice involontario i mezzi di comunicazione, per cui si scambia l’informazione politica con la cultura politica, l’irrompere sulla scena politica del berlusconismo per cui si può essere ministri, parlamentari o consiglieri regionali sulla base di equazioni fisico-estetiche o di altri requisiti che escludano merito e capacità e soprattutto consenso dal basso; solo ora la Destra politica si è resa conto di essere stata distrutta dalla cultura del nulla, dove tutto viene immolato sull’altare dell’io ipertrofico dell’uomo di Arcore, dei suoi interessi materiali, della sua smisurata auto considerazione fino a distruggere uno ad uno i suoi alleati, del suo disperato tentativo di fermare nel suo corpo la corruzione del tempo, dei suoi vizi. Per lui oltre i pro-consoli di periferia c’è solo il deserto, quello che ha costruito per il futuro del centro-destra dopo la sua fine. 
Ciò che colpisce è che alla base delle ipotesi di candidature, non vi è uno straccio di progetto politico, di un’idea per la nostra regione, le idee sono invece relegate in ambiti gruppettari minoritari o di isolati personaggi, privi di mezzi e di capacità di proporsi al grosso dell’elettorato.
La crescente fascia di dissenso, svanita o in via di decomposizione l’illusione di cambiamento dei 5 Stelle, a novembre rischia di non trovare rappresentanza e di accrescere l’aria del non voto o delle schede bianche.
Il centro-destra ad oggi non ha una proposta alternativa forte, credibile, autorevole per le ragioni a cui abbiamo dianzi accennato. Il tentativo della Destra appare ancora molto frammentato e non privo di contraddizioni e in politica non basta sommare più debolezze, come si sta tentando di fare, per fare una forza.
Tranne colpi di genio, sempre possibili ma che la calura estiva non favorisce, lo scenario che si prefigura è quello della continuità del vecchio sistema, di un “ricominciamento” per dirla con Viti, ridimensionato nel consenso ed accompagnato dal mugugno del non voto.
 
Vincenzo Maida
Centro Studi Jonico DRUS"



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi