home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.016.555 visualizzazioni ]
17/06/2013 17.51.46 - Articolo letto 2688 volte

FENEAL-UIL: LE ATTESE DEL SINDACATO DAL DDL GOVERNO

Cantiere, impalcature (foto SassiLand) Cantiere, impalcature (foto SassiLand)
Media voti: FENEAL-UIL:  LE ATTESE DEL SINDACATO DAL DDL GOVERNO - Voti: 0
Nota di Domenico Palma, segretario regionale dell'associazione di categoria
Basilicata “Le aspettative dei sindacati di categoria dei lavoratori lucani delle costruzioni per la parte del decreto legge del Governo riferita alle infrastrutture sono soprattutto nella ripartizione del fondo di 100 milioni di euro destinati alle piccole opere. E’ da tempo che sosteniamo che attraverso un programma di mini-cantieri si può concretamente e in tempi brevi rilanciare l’occupazione in edilizia”. E’ il commento del segretario regionale della Feneal-Uil Domenico Palma per il quale “in attesa di esaminare in dettaglio i contenuti del ddl del Governo, le informazioni di fonte giornalistica vedono la Basilicata esclusa dal programma di grandi opere infrastrutturali viarie, ferroviarie, ecc. Invece per la manutenzione delle strade (300 meuro all’Anas) e per il piano di edilizia scolastica (300 meuro all’Inail) dovremo attingere dal finanziamento nazionale.  Non siamo ancora in grado di valutare pertanto  - dice Palma – come e se sarà possibile raggiungere l’obiettivo dichiarato dal governo della creazione di 30 mila nuovi posti di lavoro nel Paese, mentre ci preoccupa che il cosiddetto “sblocca-cantieri”  viene definito da economisti “un groviglio di rimandi legislativi”. Inoltre, il credito di imposta sulle opere in project financing scende da 500 a 200 milioni e il Durc (documento di regolarità contributiva) verrà allungato a sei mesi così come viene sbloccato il nodo burocratico che impedisce alle imprese edili di compensare i debiti contributivi con i crediti derivanti dallo sblocco da parte della Pubblica amministrazione. Qualche perplessità manifestiamo sulla decisione del Governo di far saltare la responsabilità solidale fiscale dell’appaltatore per il versamento all’erario delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e dell’Iva dovuta dal subappaltatore: le rigidità non sono sempre buone ma il rischio è che a pagare siano i lavoratori, nel caso in cui le imprese coinvolte siano poco serie. La responsabilità in solido è un deterrente per l’utilizzo di minori e lavoratori in nero - spiega il sindacalista - e potrebbe essere abrogata solamente in un paese virtuoso, ma non in un paese come l’Italia che registra molte irregolarità nelle catene di appalti”.


Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi