home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.844.217 visualizzazioni ]
11/06/2013 17.26.39 - Articolo letto 2542 volte

Cotugno e Lapolla, PD: Ridurre TARSU per chi pratica il compostaggio dei rifiuti

Discarica di La Martella - Matera (foto Gianni Cellura) Discarica di La Martella - Matera (foto Gianni Cellura)
Media voti: Cotugno e Lapolla, PD: Ridurre TARSU per chi pratica il compostaggio dei rifiuti - Voti: 0
Ne derivano risvolti economici ed ambientali importanti
Matera Riceviamo e pubblichiamo una mozione di indirizzo presentata dai consiglieri comunali del PD Angelo Cotugno e Angelo Lapolla sull

"Premesso 
che con D.C.C. n.41  del 27.06.2012 è stato stabilito il passaggio dalla Tarsu alla cosiddetta Tarsu normalizzata con l’introduzione del nuovo sistema di tariffazione distinto in tariffa fissa e tariffa variabile;
che il nuovo sistema di tariffazione tiene conto del numero di metri quadri utilizzati dall’utente ma anche della quantità e della qualità dei rifiuti prodotti;
che il nuovo sistema di tariffazione ha inevitabilmente prodotto consistenti aumenti per gli utenti commerciali individuati quali maggiori produttori di rifiuti organici;
che nella differenziazione dei rifiuti, una componente di circa il 50% è rappresentata dalla frazione umida organica;
Considerato
che il tema della riduzione dei rifiuti prodotti e la sua incentivazione rappresentano uno degli aspetti fondamentali nella gestione complessiva del ciclo dei rifiuti per i risvolti economici ed ambientali che ne derivano ed è un obiettivo che va costantemente perseguito;
che esistono da tempo varie soluzioni di trattamento e riutilizzo della frazione umida che consentono la pratica del compostaggio della frazione umida a livello domestico, superando la necessità di sistemi impiantistici importanti, spesso invasivi per il territorio e dispendiosi di risorse economiche;
che negli anni passati è stata avviata con un buon successo di partecipazione una iniziativa da parte del Comune di Matera e dell’Aato Rifiuti per promuovere e diffondere il compostaggio domestico e sensibilizzare in tal senso i cittadini che con tale pratica potrebbero diventare attori principali del miglioramento del sistema di gestione dei rifiuti solidi urbani;
che le norme vigenti consentono una riduzione della tariffa per i cittadini che praticano il compostaggio domestico visto il conseguente risparmio dei costi di raccolta, smaltimento e/o trattamento della frazione organica;
che molti enti locali hanno avviato altresì la pratica del compostaggio collettivo con l’utilizzo di compostiere messe adeguatamente a disposizione dei cittadini;
Ritenuto
che i benefici determinati dalla pratica del compostaggio domestico meritino una adeguata promozione da parte del Comune anche mediante azioni volte al coinvolgimento delle scuole, dei quartieri e dei soggetti associativi con la sottoscrizione di intese mirate;
che la promozione della pratica del compostaggio può essere perseguita a partire dalla predisposizione di progetti pilota con quei soggetti che possono essere individuati quali maggiori produttori di rifiuti organici, come ad esempio i fiorai, i rivenditori di frutta e verdura;
che vada studiata anche la possibilità di avviare in via sperimentale una “isola di compostaggio” collettivo;
Si propone di approvare la presente mozione che impegna l’Amministrazione:
1) A promuovere e sostenere la pratica del compostaggio domestico e collettivo quale soluzione per contribuire alla riduzione dei rifiuti anche con l’ausilio di giornate di studio presso gli istituti scolastici;
2) Ad incentivare la pratica del compostaggio domestico con l’avvio di progetti pilota con quei soggetti individuati quali maggiori produttori di rifiuti organici, come ad esempio i fiorai, i rivenditori di frutta, mediante la riduzione della tariffa sui rifiuti per coloro dei quali accettassero di praticare il compostaggio domestico;
3) A promuovere specifiche intese con i rappresentanti dei borghi che per la loro conformazione urbanistica e per la presenza di fondi agricoli privati meglio si prestano alla pratica del compostaggio;
4) A predisporre uno studio di fattibilità, anche con la collaborazione di partner privati, per la realizzazione di una “isola di compostaggio” per la pratica del compostaggio collettivo;
6) A verificare la possibilità di accordi con gli operatori del settore agricolo e le relative associazioni di categoria per le modalità di utilizzo del compost prodotto in ambito comunale;"



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi