home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.840.911 visualizzazioni ]
29/05/2013 16.52.10 - Articolo letto 2247 volte

SUINICOLTURA: CONVEGNO CIA A TRICARICO

Suino Suino
Media voti: SUINICOLTURA: CONVEGNO CIA A TRICARICO - Voti: 0
UN’ECCELLENZA LUCANA DA VALORIZZARE CN UN MARCHIO TIPICITA’
Tricarico Oltre 100mila capi allevati in 3500-4000 aziende, per i tre/quarti a conduzione familiare e con una trentina di aziende-allevamenti organizzati  attraversa “filiera”, una “nicchia” di razze autoctone tra cui il suino nero che comunque non superano il migliaio di capi: sono questi i numeri principali della suinicoltura lucana al centro del Progetto di Filiera legata ad un modello specifico agro-alimentare che prevede la realizzazione di un sistema di imprese a rete (dall’allevamento, alla traformazione-stagionatura, alla commercializzazione e ristorazione) presentato ieri dalla Cia-Confederazione Italiana Agricoltori a Tricarico. Al convegno sono intervenuti i dirigenti nazionali della Cia Umberto Borelli (Ufficio Zootecnico), Carmelo Gurriero (Gruppi Interesse Economico), il presidente nazionale dell’Associazione Nazionale Allevatori Suinicoli Mauro Testa, l’Assessore regionale all’Agricoltura Nicola Benedetto e il presidente della Cia lucana Donato Distefano. Il Comitato di prodotto -  proposta sostenuta dal cartello di associazioni di categoria “Agrinsieme”, con il sostegno del mondo della cooperazione agricola e degli allevatori -  è il primo impegno operativo che vedrà a breve convergere l’impegno anche del Dipartimento Asia, Inea e Sviluppo Basilicata allo scopo di mettere le basi per un sistema a rete di Filiera.
La consistenza degli allevamenti – è stato sostenuto a Tricarico – è seriamente compromesso dall’art. 62 del decreto liberalizzazioni che, in concreto, in Basilicata di fatto blocca 50 mila capi suini destinati all’ingrasso. Di qui la sollecitazione a risolvere la questione insieme ad alcune emergenze tra le quali una maggiore collaborazione allevatori-organismi addetti ai controlli e verifiche nelle stalle, la semplificazione di adempimenti onerosi ed eccessivamente burocratici, la creazione di un Fondo auto per l’adeguamento delle strutture di allevamento e per l’acquisto del mangime. A medio periodo la Cia propone la definizione di un Piano Suinicolo Regionale all’interno della nuova Pac 2014-2020 per superare l’handicap dell’assenza dalle precedenti programmazioni Feasr-Psr Basilicata.  
Come metodo di lavoro – ha sostenuto il presidente della Cia Donato Distefano – registriamo la disponibilità dell’assessore Nicola Benedetto intanto all’ascolto e alla concertazione, come ha testimoniato nel suo intervento a Tricarico.  Abbiamo anche apprezzato la volontà dell’assessore di individuare un percorso comune in direzione della Filiera  che può contare su produzioni d’eccellenza quali il prosciutto di Marsicovetere, la salsiccia di Cancellara, i salumi del Melandro e della Collina Materana. In proposito rilanciamo la necessità di un marchio lucano per rafforzare l’identificazione e la comunicazione dell’origine del prodotto sino allo sviluppo  della dop.
La Cia – conclude Distefano - intende sostenere in particolare i progetti del segmento degli allevamenti estensivi e bradi, e l’implementazione delle razze autoctone lucane, che è l’ulteriore segmento produttivo che dovrà vedere un’attenzione specifica all’interno delle politiche di sviluppo rurale, ed in particolare per l’ultima annualità delle iniziative d’investimenti legati al Psr 2007/2013, e ai Pif (Programmi integrati di filiera) in grado di valorizzare la specifica filiera delle produzioni suinicole, uno dei simboli del “made in Lucania” e quindi del mangiare lucano. Con i salumi, infine, si rafforza il legame con il territorio e i progetti di turismo rurale, di cui l’enogastronomia è il più forte attrattore, per integrare il reddito delle famiglie rurali. 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi