home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 83.698.043 visualizzazioni ]
21/04/2013 17.37.44 - Articolo letto 1908 volte

Macroregioni: Bubbico riapre il dibattito. Grande Sud ci crede da tempo

Sen. Filippo Bubbico Sen. Filippo Bubbico
Media voti: Macroregioni: Bubbico riapre il dibattito. Grande Sud ci crede da tempo - Voti: 0
dovrebbero farne parte Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia. Aggiungiamo anche gran parte dell’odierno Lazio meridionale ed il Cicolano, l’area orientale dell’attuale provincia di Rieti
Basilicata "Il senatore Filippo Bubbico - afferma in una nota Gianfranco Blasi, Segretario regionale di Grande Sud - ha rilanciato l’idea della costituzione in Italia delle macroregioni, su piattaforma federale, sopprimendo le attuali venti regioni e le province tutte, tagliando tanti microcomuni. Questo – dice Bubbico – contribuirebbe ad abbattere i costi della politica, svecchierebbe l’attuale sistema istituzionale e amministrativo, rilancerebbe il Paese.
Noi di Grande Sud, da tempo sosteniamo la definizione di una grande “Regione delle due Sicilie” . In poche battute sarebbe quella regione sud-europea capace di essere la cerniera tra la vecchia Europa e i mondi e i mercati nuovi emergenti.
Buona l’idea, ma tantissime sono le resistenze di vecchie clientele e vecchi apparati.
Il Nord, attraverso la Lega, fa sua questa convinzione, e si propone con un ragionamento analogo, anche se meno riconducibile a ragioni storiche e culturali.
E’ comunque evidente che non si propone una scissione territoriale o una separazione dello Stato unitario. Separati Nord, Centro e Sud avrebbero poca o nessuna forza. Frazionarci peggiorerebbe la situazione.
Di questa macroregione del Sud dovrebbero farne parte Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia. Aggiungiamo anche gran parte dell’odierno Lazio meridionale ed il Cicolano (l’area orientale dell’attuale provincia di Rieti). In pratica tutto il territorio del vecchio Regno delle Due Sicilie, invaso e annientato dai Piemontesi nel 1860.
Riaccorpare l’intero territorio meridionale non è sogno nostalgico del bel tempo che fu. Ma è risposta all’abbandono, al gap che si è creato in questi 150 anni fra i territori,  a svantaggio di tutto il Sud. Invece, una regione di circa 20milioni di abitanti (il 35% di tutta l’Italia) farebbe sentire il suo peso.
Diamo per scontato che tante possono essere le resistenze alla nascita di questa unica macroregione. Scomparendo le attuali esistenti Regioni, si perderebbero poteri, clientele, assessorati, consiglieri, apparati. La Sicilia perderebbe la sua “specialità”.
Ma tantissimi sarebbero i vantaggi di una gestione unitaria di tutto il Sud. A cominciare da una risposta più forte al contropotere criminale. Meno spesa pubblica e più identità territoriale, la consapevolezza di costruire un futuro basato sulle proprie risorse e su un peso minore delle piccole e spesso inadeguate classi dirigenti locali.
Una simile macroregione del Sud avrebbe interesse a rimanere nell’Italia unita, perché cambierebbero i rapporti di forza. Non saremmo più il fanalino di coda dell’economia italiana, ma potremmo diventarne i propulsori.
Aggiungiamo, in ultimo, che le macroregioni non cancellerebbero i confini regionali, che resterebbero intatti dal punto di vista geo – politico, anzi, la rappresentanza delle singole e storiche regioni dovrebbe essere garantita democraticamente nella macroregione."



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi