home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 84.993.989 visualizzazioni ]
17/04/2013 10.00.59 - Articolo letto 2977 volte

SABATO 20 APRILE CONVEGNO SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO TRA PASSATO E FUTURO: MITIGAZIONE E INTERVENTI A TUTELA DEL TERRITORIO, DELL´AGRICOLTURA E DEL PATRIMONIO FORESTALE - 29 aprile 2013 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO TRA PASSATO E FUTURO: MITIGAZIONE E INTERVENTI A TUTELA DEL TERRITORIO, DELL´AGRICOLTURA E DEL PATRIMONIO FORESTALE - 29 aprile 2013
Media voti: SABATO 20 APRILE CONVEGNO SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO - Voti: 0
ORDINE DEI GEOLOGI E DEI DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI: attivare presidi territoriali anche attraverso pratiche di gestione sostenibile in aree agricole e forestali
Matera Sabato 20 aprile alle ore 9 presso la sala consiliare della Provincia di Matera si terrà il convegno dal titolo “il dissesto idrogeologico tra passato e futuro: mitigazione e interventi a tutela del territorio, dell’agricoltura e del patrimonio forestale” organizzato dall’Ordine dei Geologi e dall’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali. Dopo i saluti del Presidente della Provincia Franco Stella e del Sindaco della Città di Matera Salvatore Adduce, inizieranno i lavori che saranno coordinati dai Presidenti degli Ordini Carmine Cocca e Raffaele Nardone e dal Professor Federico Boenzi. Seguiranno gli interventi di numerosi esperti del settore quali Raffaele Manicone, Comandante del Corpo Forestale dello Stato di Matera, Gerardo Calvello,  Dirigente dell’Ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata, Salvatore Puglisi, già Dirigente del Corpo Forestale dello Stato e Docente Universitario, dei docenti universitari, Giuseppe Spilotro, Domenico Capoluongo, Vincenzo Simeone e Francesco Gentile, e di Luigi Pennetta e Saverio Acito, rispettivamente membro della Commissione Grandi rischi e Commissario Straordinario delegato per la realizzazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per la regione Basilicata e membro della Commissione.

“Le attività agro-forestali attraverso pratiche di gestione sostenibile, possono incidere positivamente sul presidio del territorio e sulla prevenzione dei fenomeni di dissesto, tenuto conto che buona parte del territorio lucano è tutt’ora agricolo e forestale”. Così il presidente dell’Ordine dei Geologi di Basilicata, Raffaele Nardone, comunica le motivazioni del convegno. Bisogna costituire un’unica banca dati regionale frutto dell’integrazione e condivisione delle singole banche dati presenti nei vari dipartimenti regionali (Autorità di Bacino, Ufficio difesa del suolo, Dipartimento Agricoltura, ..) in modo da individuare le misure di mitigazione più idonee in aree agro-forestali. Questo permetterebbe anche di redigere un manuale di “buone pratiche” in agricoltura con l’obiettivo di contrastare il degrado dei suoli, contenere i fenomeni di dissesto e i loro effetti sulle infrastrutture. “Molti dissesti che coinvolgono la rete stradale provinciale derivano proprio dalla mancanza delle buone pratiche agricole dovute anche alla meccanizzazione delle lavorazioni del suolo, alla creazione di sbancamenti, esecuzione di livellamenti, scarsa manutenzione della rete idrografica producendo, di conseguenza, una forte pressione sul suolo e contribuendo alla genesi dei dissesti e degrado.” continua Nardone. Emerge, pertanto, una necessità di ridare centralità alle politiche agricole e forestali e di iniziare un nuovo percorso di riflessione sulle sistemazioni idraulico forestali realizzate nell’intera regione Basilicata negli anni ’70, afferma Carmine Cocca, Presidente della Federazione regionale degli Ordini dei dottori Agronomi e Forestali di Basilicata, rispetto alle quali bisognerebbe riaggiornare un quadro complessivo di quanto già realizzato sul territorio per pianificare una seria manutenzione degli interventi già esistenti e programmare una nuova strategia che possa consentire di collegare i nuovi interventi di forestazione alle opere di sistemazione idraulico forestali già esistenti. Con tali misure, si potrà tutelare il nostro territorio anche mediante il patrimonio forestale che potrà diventare un parte determinante in un sistema complessivo necessario a garantire la pubblica incolumità, evitando che il bosco riprenda la sua centralità esclusivamente nel corso delle cronache estive riguardanti gli incendi boschivi. In tutto questo è necessario, conclude Cocca, che si accosti al patrimonio forestale l’agricoltura, soprattutto nelle aree marginali sulle quali bisogna adoperarsi con le giuste lavorazioni, e la zootecnìa che con i giusti carichi di bestiame resta una risorsa importante per mantenere i boschi, non in rinnovazione, puliti e tutelati dagli incendi boschivi. Da ciò, conclude Cocca, la necessità di lanciare un messaggio condiviso tra due categorie professionali, Dottori Agronomi  Forestali e Geologi, che devono lavorare in maniera complementare per tutelare il territorio lucano che non è immune da rischi.




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi