home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.025.770 visualizzazioni ]
30/03/2013 20.12.55 - Articolo letto 3468 volte

MATERA E L’URBANISTICA: PRIMA DI TUTTO, LE REGOLE E L’ONESTA INTELLETTUALE

Il plastico del "nuovo" Mulino Alvino (foto SassiLand) Il plastico del "nuovo" Mulino Alvino (foto SassiLand)
Media voti: MATERA E L’URBANISTICA: PRIMA DI TUTTO, LE REGOLE E L’ONESTA INTELLETTUALE - Voti: 0
Nota di ANCE Matera
Matera “La città di Matera ha l’obbligo innanzitutto morale di discutere le questioni urbanistiche con chiarezza, metodo e contenuti, evitando il costante alimentarsi di notizie lacunose, parziali e perciò stesso decisamente fuorvianti rispetto alla realtà dei fatti. In un momento di crisi senza precedenti, si continuano ad additare le imprese edili, che pure rappresentano una voce importante dell’economia provinciale, come irresponsabili e senza scrupoli, nel mentre queste operano sempre e rigorosamente nel rispetto delle regole e delle leggi. Per questo pretendiamo rispetto da chi, a titolo personale o quasi, parla con frequenza periodica ed una ostinata monotonia su questo tema, avocando a sé la tutela e il rispetto del diritto urbanistico”.
 
È quanto sostiene la Sezione Provinciale Costruttori Edili ANCE MATERA di Confindustria Basilicata, in merito alle questioni attinenti i Piani Casa 1 e 2, apparse nei giorni scorsi sugli organi di stampa locale.
 
Nel merito, ANCE MATERA ritiene utile, ai fini di un sereno giudizio da parte dell’opinione pubblica, chiarire quanto segue.
Il cosiddetto Piano casa 1, attuato con la legge regionale 25/2009, ovvero, “misure urgenti e straordinarie per il rilancio dell’economia e del patrimonio edilizio”, aveva, tra i propri obiettivi, anche la pianificazione di alloggi sociali da realizzare e da locare a canone agevolato, con un impegno economico e finanziario a totale carico degli operatori privati. Per cause burocratiche - sulle quali non è il caso di soffermarsi poiché, per buona parte, alimentate anche dalla miriade di polemiche sollevatesi a quel tempo, in perfetta analogia a quanto pare accadere anche oggi – il tutto rimaneva “congelato” fino ad oggi, tanto che, solo nelle ultime settimane (siamo nel 2013!) si è ripreso a parlare di alloggi sociali sulle residue due proposte rimaste in lizza, rispetto alla dozzina di soggetti economici partecipanti all’origine del provvedimento.
Nel frattempo, il Governo nazionale emanava la legge 106/2011 (c.d. Piano casa 2), con l’analogo obiettivo di ridare urgentemente impulso alla stagnante economia, con particolare riguardo al comparto delle costruzioni. Nelle logiche della suddetta legge dello Stato, si consentivano, per un periodo di tempo limitato, deroghe alle vigenti leggi in materia, introducendo il concetto di “migrazioni di volumetrie”, ovvero un concetto innovativo, a saldo zero, di spostamenti di volumetrie al verificarsi di determinate condizioni. Le regioni erano quindi chiamate ad attuare la legge nel termine stabilito di 120 giorni, cosa che, per quanto concerne la nostra Regione, avveniva con la legge regionale 25/2012, varata con circa un anno di ritardo e perciò in vigenza, comunque, delle disposizioni normative di cui alla citata legge nazionale 106/2011. Questa la sintetica cronistoria dei cosiddetti Piano casa 1 e 2.
Venendo all’oggi, la legge prevede un bonus volumetrico se i costruendi fabbricati migliorano le prestazioni energetiche e di risparmio. Questo è consentito anche ai fabbricati in corso d’opera e già dal Piano casa 1 del 2009, senza peraltro dover fare alcun ricorso alla retorica. Il Consiglio comunale di Matera, quindi, ha semplicemente “perimetrato” le aree, per non consentire proposte edificatorie ai sensi del Piano casa 2 (inglobando i quartieri storici della città), rimettendo, invece, alla riqualificazione, le cosiddette AUDP (aree urbane a disciplina pregressa), che rappresentano strutture edificate anche da oltre 20 anni!
 
“Precisare il contesto delle regole – conclude la nota ANCE Matera - non è un esercizio astratto di conoscenza, ma una necessità inderogabile, per evitare che un confronto dialettico e, nel caso, anche critico, possa avere come prerequisito l’ambito normativo”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi