home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 90.489.812 visualizzazioni ]
05/03/2013 15.34.05 - Articolo letto 3835 volte

SANITA’: FENASP, CON PIU’ IMPRESE ROSA MIGLIORE BENESSERE-SALUTE PER LE DONNE

Donne al lavoro Donne al lavoro
Media voti: SANITA’: FENASP, CON PIU’ IMPRESE ROSA MIGLIORE BENESSERE-SALUTE PER LE DONNE - Voti: 0
"sempre più donne si trovano costrette a risparmiare sulle cure e la prevenzione in favore della famiglia e dei figli"
Basilicata A pochi giorni dall’8 marzo, prima che si avviino iniziative “celebrative”, c’è un aspetto specifico (poco osservato) che riguarda le imprese rosa che operano nel comparto sanità-assistenza sociale nel Paese (14.174 su un stock totale di 34.844) e che segnano il maggiore dinamismo di crescita di imprese femminili (più 3,6% in un anno): è il duplice beneficio che riguarda, in parti uguali, imprenditoria rosa e benessere-salute della donna. A sottolinearlo è la FeNASP (Federazione Nazionale Aziende Sanitarie Private) Basilicata. 
Almeno due gli elementi di partenza: a causa della crisi economica sempre più donne si trovano costrette a risparmiare sulle cure e la prevenzione in favore della famiglia e dei figli; la medicina, fin dalle sue origini, ha avuto un’impostazione androcentrica al punto che gli studi condotti in ambito clinico sono sempre stati compiuti considerando quasi esclusivamente soggetti maschi e adattando successivamente i risultati alla donna, senza tuttavia valutare che la biologia femminile può influenzare, talvolta in modo determinante, lo sviluppo e la progressione delle malattie.
Dunque, se nel comparto benessere-sanità le donne imprenditrici di attività di cura, prevenzione, ecc. si avvicinano a passi da gigante alla parità (46,57% delle donne contro il 53,43% degli uomini) – evidenzia FeNASP – le donne hanno tutto da guadagnare.
L'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) con la collaborazione di Farmindustria e dell’Osservatorio sulla Salute nelle Regioni Italiane dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, di recente ha fotografato la situazione clinica-epidemiologica attuale evidenziando le esigenze dell’universo femminile in ambito sanitario-assistenziale. Lo studio, corredato da proposte operative, punta a sensibilizzare gli esperti in materia e rappresenta – a parere di FeNASP - una premessa per il ripensamento del Servizio Sanitario Nazionale in un’ottica di genere, per migliorare l’equità, l’accessibilità e la fruizione dei servizi.​
Del resto, i dati sullo stato di salute della popolazione femminile contenuti nell’ultima indagine campionaria Istat sembrano manifestare un certo miglioramento, l’aspettativa di vita femminile alla nascita risulta aumentata, tuttavia non mancano ombre visto che la maggiore longevità non è sempre accompagnata da un pari miglioramento della qualità delle condizioni di vita. Dallo studio dell’Onda emerge che nei momenti di crisi il ruolo sociale della donna e' quello che ne risente di più” spesso con conseguenze sulla propria salute. Le donne nei momenti di difficoltà sottraggono attenzione a loro stesse per focalizzarsi sul proprio ruolo sociale, ecco perché va sempre più rafforzata e indirizzata la medicina di 'genere'. E come ricorda Farmindustria, nel mondo si contano più di 850 farmaci in sviluppo per malattie che colpiscono la popolazione femminile, mentre tra il 2006 e il 2010 in Italia si sono registrati 341 studi clinici che hanno coinvolto solo le donne. Molto, ma bisogna fare di più.
Tra i casi di imprese rosa nella sanità c’è quello della Fisioelle di Lavello, centro di fisioterapia e riabilitazione che di recente ha aperto una nuova sede con servizi innovativi e strumenti d’avanguardia. Il “caso”, nello specifico, riguarda due generazioni di donne, madre-titolare (Antonia Losacco) e figlia-responsabile organizzazione servizi, personale (Katiana Di Marco), che rappresentano direttamente l’impegno imprenditoriale al femminile, oltre al personale dipendente composto interamente da donne tutte specializzate per le proprie mansioni. Nella loro mission è racchiuso l'incontro fra arte e scienza: l'arte nel vedere con le mani e la scienza nel tracciare il loro percorso, per donare al corpo il giusto equilibrio, in un benefico processo di rigenerazione. Da oltre 30 anni di esperienza a servizio del paziente e delle sue esigenze, il centro opera per offrire la migliore risposta a chi vuole migliorare la propria salute e la qualità della vita in modo naturale e con tecniche non invasive. Il rapporto operatore-paziente è un valore imprescindibile per assicurare la giusta riuscita dei trattamenti, in un clima di reciproca fiducia basato sull'ascolto e sulla continuità terapeutica.
Tutto ciò – sottolinea FeNASP – tenuto conto che essere donna e scegliere una vita alla guida di un’impresa molto spesso è ancora “un’impresa”, ma sempre più donne ci credono e riescono a realizzare il loro sogno. A dispetto di una burocrazia giudicata troppo pesante, di un rapporto problematico con il credito, di pregiudizi e scetticismo ancora diffusi. Il segreto del successo? La convinzione di potercela fare, il forte desiderio di autonomia, l’attitudine ad andare incontro al cliente e accettare le sfide del mercato. C’è uno stile differente che emerge ed avanza ma che ancora non è un “modello”. L’identikit dell’imprenditrice è quello di una donna in cui persistono elementi contraddittori che però riescono a coesistere. La donna imprenditrice è ad un tempo convenzionale e statica ma anche innovativa e dinamica, tradizionale e conservatrice ma anche moderna ed esploratrice. Insomma, rispetto alle sue aspettative, esprime l’ambivalenza di chi si raffigura un po’ sospesa tra sogno e realtà.
Per le imprenditrici il successo è costituito da un mix di caratteristiche personali, la principale delle quali è capacità di assumersi responsabilità. Lo stile diverso nella gestione dell’impresa emerge soprattutto nel rapporto con i collaboratori. Nelle imprese femminili si delega più a donne di quanto non avvenga nelle imprese non femminili anche se, in assoluto, la delega delle funzioni va ancora prevalentemente ai collaboratori maschi.
Riguardo alla gestione dei ruoli in azienda, l’atteggiamento femminile si può considerare invece più collaborativo rispetto a quanto accade nelle imprese non femminili, dove le scelte organizzative sono assunte prevalentemente dall’imprenditore. Potrebbe essere questo lo slogan che contraddistingue la spinta dell’imprenditoria femminile.
Infine, le imprenditrici registrano livelli di appagamento in genere soddisfacenti. Ma se il raggiungimento dell’autonomia si può considerare un motivo di soddisfazione trasversale tra i generi, la conciliazione tra vita privata ed attività lavorativa risulta una prerogativa tutta interna all’idea femminile di fare impresa. In altre parole, per le donne imprenditrici il lavoro assume una connotazione positiva quando non si pone come ostacolo alla vita familiare, un aspetto sottolineato soprattutto dalle donne sposate con figli, e che invece risulta indifferente alle fasce d’età centrali (35-64 anni).



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi