home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.375.990 visualizzazioni ]
18/02/2013 17.23.43 - Articolo letto 2857 volte

CIA: UN LITRO DI BENZINA COSTA PIU’ DI UN KG DI ARANCE METAPONTINO

Un distributore a Matera Un distributore a Matera
Media voti: CIA: UN LITRO DI BENZINA COSTA PIU’ DI UN KG DI ARANCE METAPONTINO - Voti: 0
Tornano a salire i prezzi dei carburanti con la 'punta' di 1,9 euro toccata questa mattina
Basilicata "Mentre una buona fetta - afferma CIA Basilicata in una nota - di automobilisti lucani ha già esaurito la “ricarica” della card idrocarburanti ed un’altra fetta è ancora in attesa della stessa “ricarica”, tornano a salire i prezzi dei carburanti e, con la 'punta' di 1,9 euro toccata questa mattina, oggi un litro di benzina alla pompa arriva a superare il costo medio di un chilo di arance (1,80 euro) del Metapontino (quelle di buona qualità) e a 'doppiare' il prezzo di un litro di latte a lunga conservazione (80 centesimi) acquistato in un qualsiasi supermercato del Paese. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori) commentando i nuovi aumenti di benzina, e spiegando come questi raffronti rendono chiaro lo scombussolamento provocato da rialzi del genere sulla spesa degli italiani.

Solo a dicembre per i carburanti gli agricoltori hanno speso il 4 per cento in piu' dello stesso periodo dell'anno prima e, piu' in generale, nella media del 2012 hanno speso il 7,9 per cento in piu' per tutti i prodotti energetici. E' evidente che qualcosa deve cambiare: si tratta di aumenti che sono insostenibili sia per le famiglie che per gli imprenditori agricoli.
La Cia rilancia un” pacchetto di proposte” per ridurre i costi di produzione in agricoltura partendo dall’attuazione dei principi di sussidiarietà, semplificazione, gestione efficiente delle risorse energetiche ed idriche.
L’incidenza media dei costi sui processi produttivi delle aziende agricole lucane – sottolinea il direttore regionale della Cia Luciano Sileo - si attesta in un rang che varia da un minimo del 50% ad un massimo dell’80%, con diversificazioni derivanti principalmente dall’indirizzo produttivo, dall’adozione di metodologie agronomiche intensive o estensive, dall’allocazione territoriale, dalle dimensioni aziendali. Le nostre proposte, se realizzate nella loro interezza, possono produrre un risparmio complessivo tra il 20 e il 30% dei costi sempre più asfissianti per gli imprenditori e produttori agricoli.
“Per energia e carburanti, una “voce di spesa” che messa insieme incide tra il 14 e il 22%, c’è la concreta possibilità – aggiunge Sileo - di creare condizioni di vantaggio a partire dall’inserimento nel Memorandum sul petrolio di forme di compensazione (visto anche l'apporto del settore in termini diretti e indiretti sulle risorse). Inoltre è necessario predisporre un piano regionale agro-energetico, allo scopo di allargare la capacità produttiva delle aziende e favorire il pareggio energetico in agricoltura e nelle aziende”.


Per questo gli agricoltori da tempo rivendicano la possibilità di diventare “produttori di energia alternativa” attraverso la realizzazione di mini-impianti (eolici, fotovoltaici, biomasse, idroelettrici, da processi agronomici) innanzitutto per l’auto-approvvigionamento delle aziende agricole. Ma i tempi imposti dall’Enel ed avallati dall’Autorità Energia Elettrica e Gas sono troppo lunghi e scoraggiano gli imprenditori agricoli: il tempo necessario per la realizzazione delle opere per la connessione alla rete elettrica è stimato dall’Enel in 16 mesi per la realizzazione del nuovo impianto di trasformazione (CP) 150/20 Kv; 20 mesi per la realizzazione della Stazione RTN 380/150 Kv; 16 mesi per la nuova S.E. RTN fino a 150 Kv; 8 mesi più un mese al Km per i raccordi alle linee RTN. Se a tutto ciò si aggiungono i tempi relativi all’iter autorizzativo si deve calcolare - secondo la Cia - in media non meno di sei anni prima che un’azienda agricola possa allacciare il proprio mini-impianto energetico alla rete Enel. In sintesi - conclude la nota - sia consentito alle aziende agricole lucane, che non avranno benefici diretti da petrolio e gas  almeno di raggiungere l’auto-approvvigionamento energetico."
 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi