home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.844.190 visualizzazioni ]
18/02/2013 17.21.26 - Articolo letto 2627 volte

FENASP SU IL “RISPARMIO DI SETTORE”

Azienda Sanitaria Matera (foto SassiLand) Azienda Sanitaria Matera (foto SassiLand)
Media voti: FENASP SU IL “RISPARMIO DI SETTORE” - Voti: 0
RIFERITO A STRUTTURE SANITARIE PRIVATE ED ACCREDITATE
Basilicata "Ci sono almeno una quindicina di provvedimenti - afferma Antonia Losacco, presidente FeNASP Basilicata - che il Governo, tuttora in carica, non ha mai assunto in attuazione delle principali norme per la sanità introdotte nell’ultimo anno tra Spending review, Legge Balduzzi e Stabilità. Si va dall’assistenza territoriale, all’aggiornamento dei Lea, al regolamento sugli standard ospedalieri, alla revisione del sistema di remunerazione della filiera distributiva del farmaco (per ricordare i più rilevanti) sino ai 2 miliardi di ticket che scatteranno dal prossimo anno se non si troveranno altre coperture. In questi provvedimenti in sospeso non c’è però alcuna traccia di indirizzo alle Regioni per procedere ad accantonare i risparmi di settore, come invece ha deciso di fare, in controtendenza a misure del Governo e al comportamento delle altre Regioni, la giunta lucana attraverso l’adozione della deliberazione n. 25 del 15 gennaio scorso che conferma il blocco, fino al 31 dicembre 2014,  dei tetti di spesa per le strutture sanitarie private accreditate e al contempo obbliga alle Aziende Sanitarie di non assegnare gli eventuali risparmi di settore. Per comprendere meglio: si tratta dei casi di centri, ambulatori, strutture che pur avendo avuto assegnato un badget non sono stati in grado di coprirlo perché gli utenti hanno preferito rivolgersi ad altri che quindi, a loro volta, hanno superato il proprio badget e “regalano” al Servizio Sanitario Regionale sino ad alcune decine di migliaia di euro di prestazioni realmente erogate e non pagate. Un comportamento, quello della Giunta regionale, che ha il sapore di punire chi si è comportato bene ed ha fatto di più. Permane un mistero, sinora, delle motivazioni di questa scelta come è un autentico mistero la destinazione delle risorse finanziarie “rastrellate” in questo modo e comunque a discapito di altre strutture private accreditate che non hanno negato ulteriori prestazioni e servizi per evitare liste di attesa in strutture pubbliche e comunque per dare risposte efficaci alla tutela della salute dei cittadini. In attesa di saperne di più con la ripresa dell’attività del Consiglio Regionale e il superamento della fase di ordinaria amministrazione della Giunta, a causa del periodo elettorale, ci piace condividere il documento della Public Affairs Association, l’associazione dei professionisti della lobbying che operano nella sanità, articolato in 10 punti. Il documento invita chi si propone di occuparsi di politica sanitaria ad avere il coraggio di apportare modifiche anche sostanziali ai modelli esistenti:
1. una sanità veramente coniugata alla salute, che tenga conto di un sistema di welfare in affanno e che sia attenta alle “fragilità” sociali che stanno emergendo nel Paese; 2. una sanità con meno ingerenza politica nelle scelte gestionali; la scelta dei manager sia fatta sulla base di competenze certificate e non su logiche politiche (c’è in proposito una novità importante che deriva da un dlgs anch’esso sospeso: Niente incarichi di direzione nelle aziende sanitarie locali per cinque anni per chi si candida, anche se non eletto, «in elezioni europee, nazionali, regionali e locali, in collegi elettorali che comprendano il territorio della Asl»); 3. attenzione agli operatori medico-sanitari, quale volano di crescita e sviluppo del SSN; 4. coinvolgimento dei cittadini nelle scelte in campo sanitario, attraverso le associazioni di cittadinanza e dei malati; 5. coinvolgimento delle società scientifiche nei tavoli di lavoro, nella programmazione sanitaria e nell’adozione di linee guida nazionali; 6. chiarezza nella politica del farmaco, che garantisca sviluppo ai farmaci generici, ma anche ai farmaci innovativi, eliminando le storture gestionali tra Stato e Regioni, con una politica non perennamene vessatoria nei riguardi della filiera del farmaco; 7. investimenti nella ricerca senza i quali non vi potrà essere sviluppo; 8. rilancio del confronto vero in sanità, stimolando tutti a pensare che non è più possibile continuare a deliberare sulla sanità a colpi di decreto, e per giunta con un Ministero della Salute commissariato di fatto dal Ministero dell’Economia; 9. norme e regolamentazioni chiare sull’anticorruzione, affinché i “faccendieri” non abbiano più dimora nell’ambito dei rapporti istituzionali in sanità; 10. l’uscita dal "guado" di una sanità che non rispetta il dettato costituzionale, in cui il mancato federalismo genera difformità tali da compromettere i diritti costituzionali e le più normali regole del mercato."



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi