home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.862.975 visualizzazioni ]
12/02/2013 18.09.52 - Articolo letto 2355 volte

UIL, TASSE: 305 EURO IN PIU’ A FAMIGLIA

Denaro Denaro
Media voti: UIL, TASSE: 305 EURO IN PIU’ A FAMIGLIA - Voti: 0
"LA TARES PESERA’ PIU’ DELL’IMU"
Basilicata La Uil lucana lancia l’allarme: “A luglio avremo un ingorgo di tasse che vale 20.2 miliardi di euro tra saldo Irpef, aumento Iva e acconto Tares, che si aggiungono agli 11.6 miliardi dell’acconto Imu. Particolarmente complessa è la situazione rispetto alla Tares, cioè la nuova tariffa sui servizi di igiene urbana che dal primo gennaio ha preso il posto delle vecchie Tia e Tarsu. Il suo pagamento è stato posticipato a luglio. Occorre evitare – è scritto nella nota - che essa pesi eccessivamente sui bilanci della famiglie e delle aziende. Infatti, lo slittamento a luglio del pagamento della prima rata rischia di mettere in difficoltà gli utenti che quest’anno si ritroveranno a pagare, non in 4 o 6 rate come lo scorso anno, bensì in 2. Ciò significa che alla vigilia delle vacanze estive, le famiglie italiane dovranno versare nelle casse pubbliche 4 miliardi di euro per la Tares, che equivalgono a un acconto di 152 euro, sul totale di 305 euro medi annui a famiglia, più di quanto pagato con l’acconto dell’Imu sulla prima casa a giugno, quando la stessa famiglia avrà versato 139 euro medi. Ma non c’è soltanto un risvolto sulle famiglie, anche per le aziende pubbliche e private, che gestiscono i servizi di igiene ambientale, lo slittamento – è scritto nella nota Uil - rischia di togliere per molti mesi le necessarie risorse economiche per garantire i servizi, compresa la regolarità del pagamento degli stipendi per i lavoratori e le lavoratrici addetti. Si tratta allora di conciliare le esigenze delle famiglie e raccogliere il grido di allarme di lavoratori ed aziende del settore garantendo la continuità del servizi e il regolare pagamento degli stipendi”. La Uil chiede pertanto di spalmare il pagamento del nuovo balzello attraverso più acconti così come avvenuto per l’Imu e che, soprattutto, esse non coincidano con pagamenti di altri balzelli (vedi aumento Iva a luglio, saldo Irpef e Imu). In questo modo si potrebbero conciliare le esigenze delle famiglie e raccogliere il grido di allarme delle aziende come quello delle ultime ore della Cna lucana che ha sollecitato un percorso di concertazione con le associazioni di categoria, proposta da sostenere.  Altrimenti il rischio è di una stangata, tra giugno e luglio, di circa 31,8 miliardi di euro (11,6 miliardi acconto Imu, 14,4 miliardi saldo Irpef,4 miliardi acconto Tares e 1,8 miliardi la tranche dell’aumento dell’Iva). Per la Uil in ogni caso occorrono ora atti concreti per realizzare un’effettiva riduzione di imposte e tasse.


Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi