home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.255.662 visualizzazioni ]
31/01/2013 19.14.02 - Articolo letto 3024 volte

Antezza, PD: "SUBITO UNA LEGGE CONTRO IL FEMMINICIDIO "

Sen.Maria Antezza Sen.Maria Antezza
Media voti: Antezza, PD: "SUBITO UNA LEGGE CONTRO IL FEMMINICIDIO " - Voti: 0
"La violenza maschile sulle donne non è una questione privata, ma politica."
Basilicata “La violenza maschile sulle donne non è una questione privata, ma politica.
E’ l’espressione del potere diseguale tra donne e uomini”. Lo afferma la Sen. Maria Antezza.
“La violenza è un fenomeno strutturale in una società che pone uomini e donne in una relazione di disparità, di subalternità, di dominio.
Prevenzione, protezione delle vittime e punizione dei colpevoli sono i ritardi dell’Italia.
Ma la violenza sulle donne si contrasta anche con il cambiamento radicale di cultura e mentalità; con la rappresentanza appropriata delle donne in ogni ambito della società; con un uso non sessista delle immagini;
con un intervento fermo da parte delle istituzioni nei confronti degli uomini che commettono questo reato” – sostiene la Senatrice del PD Maria Antezza.
“La legislatura - continua la Sen. Maria Antezza - si è interrotta mentre in Commissione Esteri al Senato si discuteva della legge di ratifica della Convenzione di Istanbul che prevede per la prima volta a livello internazionale misure di prevenzione, di tutela in sede giudiziaria, di sostegno alle donne vittime di violenza. Dovremo riproporla”.
“Proprio la drammaticità della situazione – ricorda la Sen. Maria Antezza -  ha indotto il  Partito democratico a presentare il disegno di legge in Senato recante “Norme per la promozione della soggettività femminile e il contrasto al femminicidio, a prima firma della Senatrice del PD Anna Maria Serafini, che mi vede cofirmataria” per contrastare la violenza contro le donne e sostenere l'impegno e l'azione di tante associazioni e del Parlamento.”
 
 
“Il ddl tocca tutti i piani certamente quello penale ma soprattutto quelli sociali e culturali e propone un approccio integrale e multidisciplinare al fenomeno, fondato su strategie di diversa natura.
In particolare per le norme penali si prevede la codificazione di un’aggravante comune per tutti i delitti contro la persona commessi mediante violenza, realizzati alla presenza di minori; si qualifica poi un’aggravante specifica per il reato di maltrattamenti commesso, alla presenza di minori (violenza assistita) e si estende il reato di maltrattamenti anche ai casi in cui la “persona di famiglia” non sia convivente.
Si prevede poi l’estensione dell’aggravante per lo stalking anche alle ipotesi in cui il fatto sia commesso dal coniuge, anche se separato solo di fatto.
Sono poi previste norme per la tutela della vittima nella fase più delicata del procedimento penale ovvero quella delle indagini (l’obbligo di comunicazione alla persona offesa della cessazione di misure cautelari, della chiusura delle indagini preliminari o della richiesta di archiviazione); maggiori garanzie rispetto al sequestro conservativo anche in fase d’indagini, così da rafforzare la tutela patrimoniale della vittima; cautele analoghe a quelle previste per i minori in sede di esame dibattimentale anche per le vittime maggiorenni particolarmente vulnerabili. Si chiede un carattere prioritario ai procedimenti penali per i reati sessuali o contro la personalità individuale per consentire alle vittime di vedere nel più breve tempo possibile soddisfatti i loro diritti”.
“Tra le norme di carattere finanziario,  - continua la Sen. Maria Antezza - é prevista l’istituzione del Fondo per il contrasto della violenza nei confronti delle donne, destinato a finanziare le iniziative previste dal presente disegno di legge.
Proponiamo inoltre:
  • il rafforzamento del sistema di servizi, pubblici e convenzionati, organizzati in rete e finanziati in maniera stabile, regolare e continuativa, anche attraverso l’istituzione del Fondo per il contrasto della violenza nei confronti delle donne;
  • la formazione di tutti gli operatori ed i soggetti che accolgono, sostengono e soccorrono le donne vittime di abusi;
  • l’istituzione di un osservatorio per raccogliere i dati attraverso un sistema integrato ed omogeneo;
  • l’informazione corretta sulla violenza di genere anche attraverso l’adozione di un codice di autoregolamentazione per i media;
  •  campagne di prevenzione e sensibilizzazione a partire dalle scuole”.
 
“Su questa proposta  - conclude la Senatrice Maria Antezza - vogliamo coinvolgere tutti coloro che hanno a cuore i diritti delle donne. Nella consapevolezza che dietro ogni grande passo in avanti per i diritti delle donne c'è stata sempre una grande alleanza. Il PD considera il tema della violenza sulle donne centrale nella politica per la riscossa dell’Italia.
Non si esce dalla crisi se non si ricostruisce la coscienza civile. Tutti dobbiamo sentirci impegnati nel coltivare una cultura del rispetto, oltre che della parità, tra i sessi”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi