home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 87.944.975 visualizzazioni ]
11/01/2010 8.59.54 - Articolo letto 8299 volte

Grande confusione sulla raccolta differenziata

Grande confusione sulla raccolta differenziata Grande confusione sulla raccolta differenziata
Grande confusione sulla raccolta differenziata Grande confusione sulla raccolta differenziata
Grande confusione sulla raccolta differenziata Grande confusione sulla raccolta differenziata
Media voti: Grande confusione sulla raccolta differenziata - Voti: 0
La scarsa informazione su come suddividere i rifiuti disorienta i cittadini
di GIOVANNI MARTEMUCCI
Matera

 È una situazione di confusione quella che si trovano a vivere i materani  alle prese con la raccolta differenziata partita sotto il segno dell’improvvisazione. Da alcune settimane sono stati allestite nei vari quartieri cittadini le isole ecologiche urbane, cioè le aree dove sono collocate insieme campane e cassonetti per la raccolta differenziata ed indifferenziata dei rifiuti. La campana verde (chiaro) serve per la raccolta del vetro, il cassonetto bianco per la raccolta della carta e quello giallo per la plastica. Poi c’è il cassonetto in metallo che serve per i rifiuti indifferenziati cioè in generale tutto quello che non può essere conferito nelle raccolte differenziate, cioè la frazione di rifiuto destinato alla discarica o all’inceneritore. Proprio in questi giorni però il vecchio cassonetto in metallo sta scomparendo sostituito da nuovi contenitori in plastica di colore verdone, anch’essi deputati alla raccolta dell’indifferenziato. In ogni quartiere si stanno istituendo nuove  “eco piazzole” visto che il bando per la raccolta dei rifiuti prevede un aumento dagli attuali 40 a 350 punti di raccolta in tutta la città. Le cosiddette isole ecologiche sono da intendersi come piccole aree attrezzate di conferimento di rifiuti domestici per frazioni omogenee dove gli utenti, a propria cura, si recano per differenziare l’immondizia nei diversi contenitori. Il problema sta nel fatto che gli utenti non hanno ricevuto adeguate informazioni sulle modalità di conferimento dei rifiuti e questo pregiudica il buon esito della raccolta creando difficoltà e dubbi agli utenti nel dividere la spazzatura. Coscienza e sensibilità ambientale dei materani non bastano da sole per avviare una buona raccolta dal momento che occorre conoscere le regole basilari per differenziare bene. Ne il Comune di Matera, ne la ditta che gestisce il servizio, l’associazione temporanea di imprese Aimeri- Asa, hanno provveduto a distribuire gli opuscoli informativi con le regole per “gettare bene”. Sebbene tardivamente, da qualche giorno in alcune zone cittadine come via Nazionale sembra siano arrivati gli attesi fascicoli informativi. Intanto sul sito internet del Comune non ci sono informazioni in merito e, nel frattempo, ognuno si arrangia come può. E spesso si sbaglia: in molti non sanno che nei cassonetti per la  carta non vanno inseriti tovaglioli di carta usati, carta oleata, carta plastificata e Tetra-brik (i cartoncini del latte o dei succhi di frutta). Lo stesso vale per il vetro nel cui contenitore non vanno gettati vetri per finestre, bicchieri, specchi o pirofile da forno. E il prezioso alluminio delle lattine dove si butta? Nessun contenitore ne prevede la raccolta per cui, in assenza di indicazioni, dovrebbe essere messo nel cassonetto verde dell’indifferenziato e dunque andrebbe sprecato perché finisce in discarica. Ovviamente questi sono solo alcuni dei dubbi che andrebbero dissipati per suddividere correttamente i rifiuti evitando, nell’incertezza, l’abbandono degli stessi accanto ai cassonetti. Sarebbe stato necessario distribuire una guida prima di istituire queste isole ecologiche di cui, in molti casi, i cittadini si lamentano perché posizionate in maniera improvvisata e improbabile. In molte zone le campane sono collocate sui marciapiedi occupandoli completamente ed ostruendo il passaggio pedonale. In altre zone, come nella parte alta di via Passarelli, i bidoni in metallo sono spariti senza essere rimpiazzati da quelli nuovi: il che costringe i cittadini a lunghe trasferte per disfarsi della spazzatura. Addirittura in via Rosselli l’isola ecologica è stata allestita all’interno di un’aiuola verde che funge anche da spartitraffico: oltre a calpestare il verde e a districarsi tra i cespugli e le palme, gli utenti devono fermarsi in strada per imbucare carta e plastica esponendosi al rischio di essere investiti dalle auto. Dunque la totale assenza di informazione ai cittadini e l’approssimazione nella corretta individuazione delle isole ecologiche nel tessuto urbano stanno creando malumori tra chi ha volontà di impegnarsi per l’ambiente ma si sente poco invogliato a farlo perché disorientato. Questo non rappresenta certamente un buon inizio per il nuovo gestore dei rifiuti che, al momento dell’insediamento, aveva sbandierato un eccellente know-how nei servizi ambientali di cui si è persa traccia nella fase operativa. Se le cose non cambiano sarà difficile fare dei rifiuti una nuova risorsa e raggiungere l’obiettivo di differenziare il 50% della spazzatura come la legge impone.

Giovanni Martemucci

 

Nelle foto: l'isola ecologia di via Rosselli ricavata in un'aiuola; e l'isola ecologica in via Gramsci con i rifiuti in strada




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




Commento
Il 12/01/2010, pengio72 ha scritto :
...visto che ci siamo, si potrebbe pensare ad una modifica dei cassonetti per la carta: la fessura è troppo piccola e non riescono ad essere inseriti i cartoni se non ben piegati o addirittura divisi. Per niente comodo.

Commento
Il 11/01/2010, Briomatera ha scritto :
corretto funzionamento

Commento
Il 11/01/2010, Briomatera ha scritto :
la tanto procamata campagna informativa che, a parte i pochi incontri pubblici, non si è ancora tenuta in modo serio e generalizzato a vantaggio di tutti i cittadini.Non basta avviare un servizio se non si stabiliscono le regole fondamentali x il suo

Commento
Il 11/01/2010, Briomatera ha scritto :
Di certo non è stato un inizio consono alle attese suscitate per il bando che finalmente dovrebbe consentire la pratica di un sistema di raccolta difefrenziata a norma di legge.Speriamo ci siano correzioni in corso d'opera e soprattutto...

 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi