home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.816.518 visualizzazioni ]
20/01/2013 22.29.05 - Articolo letto 5914 volte

TSUNAMI TOUR – BEPPE GRILLO INFUOCA PIAZZA VITTORIO VENETO

Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012 Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012
Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012 Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012
Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012 Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012
Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012 Beppe Grillo a Matera - 20 gennaio 2012
Media voti: TSUNAMI TOUR – BEPPE GRILLO INFUOCA PIAZZA VITTORIO VENETO - Voti: 1
A Matera il comico genovese presenta i candidati della lista Movimento 5 Stelle
di FRANCESCO CALIA
Matera UNA GRANDE folla di seguaci, curiosi e ammiratori accoglie Beppe Grillo in piazza Vittorio Veneto a Matera per la presentazione dei candidati del M5S di Basilicata. Non è mancato niente al comico genovese in una delle prime tappe del suo Tsunami Tour, che dal 14 gennaio sta portando il suo staff in giro per i capoluoghi italiani per coadiuvare la presentazione degli eletti alle Parlamentarie del Movimento per le elezioni di Febbraio alla Camera ed al Senato. Il tour, che si completerà il 22 febbraio prossimo a Roma, ha toccato la Basilicata nella sua sesta tappa. La risposta della città dei Sassi è stata entusiasta, ed ha accolto anche i grillini provenienti dai più vicini centri della Puglia e della collina materana. Oltre tremila le presenze nella centralissima piazza Vittorio Veneto, accompagnate dalla presenza sul web di migliaia di visitatori on line della pagina in streaming intitolata: “La cosa”, che seguirà ogni passo di Grillo e del suo staff in giro per il Bel Paese. Non è mancato il classico attacco al “Sistema” dell’ideatore del Movimento 5 Stelle, accompagnato in diverse occasioni dagli applausi della folla, invitata in un paio d’occasioni a dargli del “demagogo e populista” dallo stesso Grillo. Dalla difficoltà per gli italiani all’estero nel voto pre-consultazioni, sino alle difficoltà ed ai pasticci dovuti alla presentazione dei simboli, definiti “mezzi per la disgregazione mentale della politica”, per i quali ci si è dovuti “accampare” per tre giorni dinanzi il Viminale per ammissione dello stesso Grillo, il tutto perché, rivolgendosi alla classe politica: “Hanno una paura fottuta che noi entriamo in Parlamento. Sentono parlare di gente incensurata, dicono non abbia esperienza, si, nel truccare bilanci – ha osservato pungendo ancora Grillo – Ma se il Parlamento è diventato un luogo di frustrati, dove si votano leggi che non si capiscono e i nostri politici non sono neppure delegati a capire. Come anche per il caso dell’agenda Monti, un programma non democratico che chiunque salga al Governo dovrebbe rispettare per i prossimi 25 anni. Un’assurdità. Vi ricordate ancora dei programmi? Chi ha mai portato a termine i programmi? E ora sembrano loro l’anti-politica. Il Pdl ha persino tirato fuori la storia del fuori i condannati dalle liste”. Poi qualche proposta concreta. “Questo Paese ha bisogno di un progetto, non solo di cambiare la sua politica. Partiamo con le rinnovabili, ci vorranno vent’anni, è vero, ma se partiamo adesso entro il 2040 avremo le energie rinnovabili. E poi, inseriamo norme necessarie come la possibilità per le imprese di riscuotere entro 60 giorni i crediti vantati dallo Stato, la chiusura di Equitalia, l’accorpamento delle leggi sugli adempimenti fiscali, diminuire la tassazione defiscalizzando gli investimenti, inserendo degli sconti contributivi per le assunzioni sotto i 35 anni. Oggi si fa solamente l’opposto. Si tende a far chiudere per fallimento un’azienda agroalimentare…ma tra dieci anni non mangeremo mica la spendig review o lo spread. Inoltre, vorrei che si garantisse la collaborazione tra università e imprese. Le imprese devono essere dentro le università a fare gli stage. Queste sono solamente alcune delle nostre proposte – ha concluso Grillo – ma abbiamo un programma in wiki, aperto a qualunque altra iniziativa, continuate a seguirci e ad inviarci le vostre idee”.
I CANDIDATI – La parola passa ai veri protagonisti della serata di presentazione del Movimento 5 Stelle, i candidati per la Basilicata alle consultazioni politiche di Febbraio per la Camera e il Senato. Significativi gli interventi della capolista alla Camera per la Basilicata, Mirella Liuzzi, materana di 27 anni, già attivista del Movimento da alcuni anni, che si è soffermata sulla necessità della gestione pubblica dell’acqua e l’attenzione alla sicurezza della diga del Pertusillo, ma anche sulla questione discarica. “Purtroppo l’Arpab, con l’atteggiamento che noi chiamiamo “tuttappostismo”, ha lasciato decadere tanti sospetti che invece sono stati confermati da un gruppo di ambientalisti. Ma questa vicenda ha portato anche problemi al Tenente della Polizia Provinciale di Potenza Giuseppe Di Bello, che ha subito le conseguenze della sua battaglia inerente problemi di presenza di metalli pesanti e idrocarburi nella stessa diga. Oppure, il problema della discarica de La Martella, da un anno non in possesso della Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale), motivo anche dell’inquinamento di alcune falde acquifere che scorrono nei pressi della stessa discarica. Bene, il nostro programma contiene anche la Strategia Rifiuti Zero – ha sottolineato la Liuzzi – solo così possiamo cambiare la nostra Regione, accogliete questo grido di cambiamento”. Di seguito, gli interventi degli altri candidati come Giovanni Perrino, altro candidato per la Camera, che ha rilanciato il tema dell’euro, mettendo in discussione la moneta unica come aveva fatto Grillo qualche tempo fa, e richiamando in causa il comico e attivista genovese sulla questione degli iscritti al Movimento 5 Stelle. “Se un ragazzo della Sacra corona unita vuole entrare nel M5S che facciamo? Lo facciamo entrare?” ha chiosato. Grillo ha ribadito che “Se si è incensurati, non iscritti ad altri partiti o movimenti, non si ha più di una legislatura alle spalle e si accettano le regole del Movimento, chiunque può farne parte, fermo restando che, se la persona si rivela un bluff o un facinoroso, sarà allontanato – punzecchiando poi il rivale di Rivoluzione Civile – Di questa selezione ne sta facendo tesoro Ingroia, che sembra il bidone aspira tutto”. Ha chiuso la serata la presentazione anche degli altri candidati, che sono undici in totale per la Basilicata. Alla Camera, oltre Liuzzi e Perrino: Michele Labriola, Virgilio D’Ottavio e Rocco Ostuni; mentre al Senato: Vito Petrocelli, Rocco Vaccaro, Gianluca Tramutola, Piervito Pedicini, Giuseppe Arcieri e Sandro Calabrese.

Francesco Calia



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




entusiasmo per la proposta digrillo
Il 20/02/2013, cascinivincenzo ha scritto :
sono convinto che l'elezione di molti di voi  portera  benefici.
intendo votarvi e sostenervi

 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi