home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 92.509.275 visualizzazioni ]
11/12/2012 11.20.27 - Articolo letto 7735 volte

Calcio, si è spento mister Mimmo De Lucia

Mimmo De Lucia Mimmo De Lucia
Media voti: Calcio, si è spento mister Mimmo De Lucia - Voti: 1
Ci lascia un pezzo della storia della storia del calcio materano. Domani, a Piccianello, i funerali.
di ANTONIO MUTASCI
Matera Si è spento Mimmo De Lucia. Quello che è stato il tecnico della Libertas Rigamonti Matera è stato sconfitto dalla malattia. Con lui va via un pezzo della storia calcistica materana. Non quella che solitamente è sotto i riflettori della ribalta come prima squadra cittadina, ma quella storia del “calcio minore”. In tanti a Matera, sono passati “sotto” mister De Lucia. Lui che ha speso la sua vita sui campi di calcio di tutta la regione. Quei campi impolverati, di terra battuta, dove i più piccoli muovono i primi passi, poi diventano uomini, anche sotto la guida di Mister De Lucia. C’è chi giura che non lo ha mai visto senza la tuta sportiva, questo per far capire quanto “il mister” era attaccato al mondo del calcio.  
All’età di 62 anni c’è stato per lui il triplice fischio della vita. In molti vorranno dedicargli un ultimo saluto nel corso del funerale che sarà celebrato domani, mercoledì 12, alle ore 10 presso la chiesta di Maria Santissima dell’Annunziata di rione Piccianello.  
Nella sua carriera da allenatore è stato anche collaboratore del Matera in Serie B, gestendo la Berretti dell’allora presidente Franco Salerno. Poi con il padre Antonio, nel ruolo di presidente, è stato tecnico della Libertas Rigamonti Matera, con la quale ha calcato tanti campi della regione. Tanti i derby cittadini, alcuni anche storici. Poi è stato anche il precursore, in città, del calcio femminile, sempre targato Rigamonti. Poi ha anche trasportato la disciplina in rosa sui campi di calcio a 5.  
Tanti gli amici, gli avversari, i dirigenti, la classe arbitrale che mister De Lucia ha trovato sulla sua strada. Ha sempre avuto un sorriso per tutti e poi quando ti incontrava, sul campo o per strada, aveva sempre “un bacetto” da donarti.  
Gli aneddoti da raccontare sarebbe tanti: dalle trasferte, dalle cene con la squadra, al “suo” calciomercato, al legame che ha stretto con alcuni dei suoi storici collaboratori. Mimmo De Lucia era tutto questo: schietto, sincero. Un vero uomo di sport. In molti porteranno nel cuore un suo ricordo.  

Antonio Mutasci 




Scomparsa De Lucia, il cordoglio del sindaco Adduce
 
“Con la scomparsa di Mimmo De Lucia non è solo lo sport a piangere un illustre testimone del nostro tempo, ma tutta la città di Matera che lo ha sempre riconosciuto come una persona umile, familiare, e straordinariamente leale”.
Lo afferma il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, che in viaggio per Sofia per un progetto relativo a Matera 2019, ha voluto testimoniare, a nome suo personale ed a nome dell’intera amministrazione comunale, il dolore per la perdita di De Lucia.
“Mimmo – aggiunge – ha speso tutta la sua vita a favore del calcio materano non mancando mai di sensibilizzare la nostra comunità sulla importanza dei valori che sottendono ogni pratica sportiva come la lealtà e il coraggio delle proprie azioni diventando, giustamente, un importante punto di riferimento per le nuove generazioni e per tutti gli amanti dello sport. Una persona che ricordiamo con affetto e di cui sentiremo la mancanza”.
L’Amministrazione comunale sarà presente domani ai funerali con l’assessore allo sport e vicesindaco, Sergio Cappella.

Il cordoglio di Giuseppe Olivieri

"Caro Mister,
è la prima volta in 34 anni che forse mi permetto di darti del tu, ma di questi tempi e in un mondo sempre più bercio e nebuloso come quello del calcio sarebbe magari opportuno recuperare quelle semplici ma definitive distanze che intercorrono tra un educatore ed un allievo; questa volta me lo consentirai. Quando per la prima volta presi parte ad un allenamento della tua Libertas Rigamonti, capii subito che il calcio necessitava di più regole educative rispetto a quelle che oggi questo mondo fa meno riferimento. Pensavo, all’epoca, di fare la solita “sgambata” tra fanciulli di quartiere; invece tornai a casa distrutto dai dolori provocati dall’acido lattico confuso dai tuoi schemi indecifrabili e con troppi ematomi addosso. Ricordo anche, che un ragazzino, mio compagno di squadra – forse poco educato dalla famiglia – si permise il lusso, di alzare i toni verso di te: non l’avesse mai fatto. Fu un festival di “sganassoni”, tu infatti caro Mimmo in ordine di importanza, privilegiavi al talento l’educazione, il duro allenamento in stile Zeman (che adoravi tantissimo); lo schema di gioco; ed in ultimo, ma proprio in ultimo, badavi al risultato.
Credo che i tanti Balotelli o Cassano, avrebbero dovuto trovare più allenatori come te, certamente non per coltivare meglio il talento, in questo sono molto franco, ma se non altro per migliorare la propria qualità della vita. Secondo il tuo modo di vedere la vita dello sport, le maglie da titolare e le fasce da capitano dovevano essere distribuite come una sorta di onorificenza sociale, come un premio alla buona educazione, alla solidarietà e alla lealtà. Ecco Mister, ora che ti accingi ad affrontare la trasferta più semplice del tuo percorso, sappi che deve renderti molto orgoglioso il fatto che tu sei stato, troppo spesso, uno dei pochi ad avermi affidato una maglia da titolare e l’unico ad avermi consegnato una fascia da capitano in una gara ufficiale. Questo perché, giustamente, tutti gli altri allenatori hanno visto in me un calciatore un tantino al di sotto rispetto ai livelli di competizione, mentre tu hai colto in Giuseppe semplicemente un ragazzo di buona famiglia, una persona a modo e magari riconoscente. In ultimo sappi che, sia tu che tanti altri allenatori non siete mai riusciti nell’opera di farmi diventare un buon calciatore dilettante, ma come pochi uomini di sport che ho conosciuto, mi rendo conto, soprattutto adesso che mi occupo di politica, che sei riuscito nella difficile impresa di trasmettermi dei valori.
Ciao Mister"



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi