home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.300.902 visualizzazioni ]
27/11/2012 14.50.02 - Articolo letto 2701 volte

L'esercito italiano presenta il calendario 2013

Calendesercito 2013 Calendesercito 2013
Media voti: L'esercito italiano presenta il calendario 2013 - Voti: 0
I Dodici scatti saranno presentati il 6 dicembre a Potenza
Basilicata Il "CalendEsercito 2013" -il cuore delle missioni (copertina) -quest'anno ricorda i trent'anni dall'inizio della partecipazione italiana alle operazioni di gestione delle crisi internazionali e soprattutto coloro che ne sono stati, e ne sono, i protagonisti: gli uomini e le donne dell'Esercito italiano.
Nei dodici scatti del calendario si é inteso rappresentare il "continuum" di emozioni e sacrifici che legano' la prima missione in Libano alle attuali e, al contempo, raccontare la preparazione e la condotta delle attività dalla prospettiva che meglio rende la realtà dei fatti: quella che passa attraverso gli occhi dei nostri soldati.
Gli scatti d'autore, del Maestro Galligani ci accompagnano in ciascun mese del 2013 e colgono, nella spontaneità e semplicità delle espressioni e dei gesti, l'essenza stessa dei sentimenti.
Questo ci auguriamo sia il valore aggiunto dell'opera: rendere partecipi del nostro vissuto di uomini e donne e della nostra professione gli italiani, esaltando la concretezza descrittiva perché, usando le altrui parole "la vita é a colori, ma nulla é più realistico del bianco e nero".
L'intera opera è un immaginario viaggio nella sfera emotiva degli individui; attraverso il complesso reticolo degli eventi sullo scenario globale, ma si concentra" sulle difficoltà e sui comportamenti che caratterizzano le nostre missioni all'estero, dalla loro preparazione fino al rientro in Patria, indipendentemente dall'epoca e dal contesto.
Si inizia dall'approntamento del reparto, (gennaio) nei suoi momenti di preparazione individuale e di gruppo, funzionale all'amalgama delle unità che é di per se strumento fondamentale per la sopravvivenza ed il successo; così come vitale (febbraio) é il supporto dei familiari, qui rappresentato nel momento emotivamente più intenso: quello del distacco.
Alla partenza (marzo) il pensiero é orientato alle sfide che si dovranno affrontare, si rivede nella mente ciò che si conosce e si interpretano gli elementi di novità, per poi tuffarsi nel turbine di sensazioni che ci afferrano una volta arrivati. Nel contatto con il mondo reale (aprile) é obbligatorio l'esercizio della perseveranza, nel perseguire lo scopo principale di ogni nostra attività che é quello di garantire un ambiente sicuro, come necessaria premessa per lo sviluppo e la governabilità.
Ciò é possibile grazie all'impegno operativo (maggio) che mette a frutto l'addestramento ed é banco di prova della nostra professionalità. Esso include quella che rimane un'eccellenza tutta italiana: la capacità di relazionarsi con la popolazione, (giugno) di calarsi in un dimensione etica ed umana diversa, di comprendere e farsi comprendere da chi sta attraversando il tunnel della tragedia.
L'obiettivo del fotografo, scava poi ancora più in profondità:
· mettendo in luce i rapporti di amicizia tra colleghi, (luglio) anche stranieri, con i quali si vive fianco a fianco e con cui si condividono le tante privazioni, ma'anche i pochi momenti di svago;
· cogliendo la nostalgia, (agosto) quel legame mai reciso con la madre patria che ci dà la forza di continuare;
· raccontando il tempo libero, (settembre) seppur limitato, che ci permette di stemperare le tensioni e recuperare preziose energie, rafforzando lo spirito di gruppo, magan anche davanti ad uno schermo televisivo.
Le operazioni congiunte con i colleghi di paesi amici ed alleati (ottobrejsegnano un momento di crescita comune, umana e professionale, si realizzano con la cooperazione sul campo dove i rischi ed i disagi (novembre) vengono integralmente condivisi. Sono queste le sfide che fanno parte della peculiarità della nostra vita di soldati e che cerchiamo di ridurre al minimo mettendo in atto tutte le possibili predisposizioni operative e logistiche.
Infine, il rientro in Patria, (dicembre) che suggella la conclusione, seppur momentanea, del nostro sforzo ben consapevoli di aver onorato la bandiera, gli impegni presi dal nostro Paese e servito, al meglio, la comunità internazionale. È il momento del ritorno, ma soprattutto é quello del ricordo, di guanti (pagina dei caduti) hanno sacrificato la loro vita lontano da casa: sulle piste sabbiose di paesi esotici o presso villaggi dai muri di fango. Resteranno per sempre nei nostri cuori.
In definitiva, sfogliando il CalenclEsercito 2013 si possono veramente percepire i sentimenti, le emozioni ed il vissuto di quanti hanno trovato nei valori e nelle tradizioni della Forza Armata il fondamento, la guida, la forza e lo spirito per essere dei veri soldati, così come lo sono tutti gli uomini e le donne dell'Esercito italiano.

In Basilicata il calendario 2013 sarà presentato il 6 dicembre 2012 alle ore 11:00 presso la Caserma "De Rosa" di Potenza in via Ciccotti 32



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi