home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 92.853.154 visualizzazioni ]
09/11/2012 19.48.06 - Articolo letto 4057 volte

PARCO GALLIPOLI-COGNATO: DANNI DA FAUNA SELVATICA

Parco di Gallipoli Cognato Parco di Gallipoli Cognato
Media voti: PARCO GALLIPOLI-COGNATO: DANNI DA FAUNA SELVATICA - Voti: 0
COMUNITA’ E CONSIGLIO DIRETTIVO SI INCONTRANO
Accettura Così come riscontrabile dalle numerose richieste di risarcimento danni oltre che dalle continue segnalazioni che pervengono dai cittadini di area Parco, il fenomeno dei danni da fauna selvatica, dopo un periodo di relativo contenimento coinciso con le azioni di controllo messe in atto dal parco, ha ripreso in maniera drammatica. I Presidenti di Comunità e Consiglio Direttivo del Parco – Bonanova Nicola e Lombardi Rocco Luigi, comunicano in una riunione congiunta dei due organi del Parco, che si rende necessario procedere con l’attuazione di una nuova fase di azioni che contribuiscano al contenimento dei danni da fauna selvatica in particolare causati da cinghiale.
 
A tal fine il Presidente Lombardi comunica che l’Ente è sempre stato attento alle problematiche inerenti i cittadini residenti in area Parco e l’interazione con la fauna presente elaborando all’uopo un Piano di gestione teso al contenimento dei danni da fauna selvatica redatto secondo le direttive di cui alla D.G.R. 1771/2005 e conforme alle linee guide nazionali per il contenimento della specie , avallato da parere favorevole dell’INFS in data 28/10/2005;
 
Inoltre il Presidente evidenzia che nell’ottica di ridurre il conflitto con il mondo agricolo per i danni che la specie inevitabilmente crea, l’Ente, ha avviato da anni un ambizioso progetto per ridurre gli effettivi numerici in  modo “ecologico”, che in rispetto a quanto previsto nel piano di contenimento prevede:
 
  • la fornitura in comodato d’uso alle aziende agricole richiedenti, al fine di proteggere le colture di maggior pregio, di pastori/recinti elettrici;
 
  • la ripresa del controllo numerico delle popolazioni di cinghiali attraverso le catture mediante chiusini e il successivo trasferimento degli animali a ditte faunistico venatorie autorizzate disponibili all’acquisto;
 
che cosi come riportato dal Presidente del Parco Rocco Luigi Lombardi, l’Ente Parco ha già implementato la fase di controllo mediante recinti elettrici coinvolgendo circa 70 aziende del territorio a cui sarà ultimata la consegna dei recinti elettrici nei prossimi giorni;
 
che l’Ente Parco vuole porre in essere anche la fase di cattura e che all’uopo intende coinvolgere, attraverso una richiesta di manifestazione di interesse, direttamente gli agricoltori del parco, in particolare del versante potentino, maggiormente colpito dai danni, affidando in gestione appositi chiusini realizzati secondo dettami tecnici forniti dall’ente e sotto il diretto controllo del parco e degli enti di vigilanza competenti;
 
che l’Ente Parco intende costruire un recinto di raccolta dei cinghiali catturati da cui veicolare tali animali verso le aziende acquirenti procedendo sia al ritiro presso le aziende agricole partecipanti che alla successiva custodia anche mediante l’utilizzo dei selecontrollori del parco;
 
che tale pianificazione in fase di inoltro ai competenti organi regionali e ministeriali per la definitiva autorizzazione, prevede tuttavia per poter essere implementata una necessità finanziaria quantificata in € 60.000,00 attualmente non nelle disponibilità del parco;
 
A seguito di quanto sopra riportato i Presidenti dei due organi del parco intendono impegnare l’intera Comunità del Parco e il Consiglio Direttivo a definire ogni azione necessaria al reperimento di tali risorse.
Inoltre il Presidente del Parco congiuntamente al Presidente della Comunità del Parco procederanno con una richiesta di incontro ed audizione immediata da rivolgere al Presidente della Giunta Regionale, del Consiglio Regionale, all’Assessore all’Agricoltura e all’Assessore all’Ambiente della Regione Basilicata tesa alla condivisione delle strategie descritte e al reperimento delle risorse necessarie.
 
Il Presidente Lombardi informa inoltre che sono in fase finale di trasferimento, da parte della Regione Basilicata, i finanziamenti necessari per completare il risarcimento dei danni a tutto il 2010.
 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi