home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 97.204.985 visualizzazioni ]
06/11/2009 21.32.29 - Articolo letto 6562 volte

Carte di credito: cosa fare per prevenire i rischi di clonazione

Carte di credito: cosa fare per prevenire i rischi di clonazione Carte di credito: cosa fare per prevenire i rischi di clonazione
Media voti: Carte di credito: cosa fare per prevenire i rischi di clonazione - Voti: 0
CPP Italia, multinazionale leader nella protezione delle carte di credito, mette in guardia dai rischi legati all’utilizzo crescente delle carte di pagamento in Italia
di LUIGI SANTO
Potenza e provincia

 Walter Bruschi, country manager di CPP Italia, divisione della multinazionale inglese leader in Europa nella protezione delle carte di pagamento con più di 700 mila clienti nel nostro Paese e oltre 3 milioni di carte assicurate, spiega come proteggersi dai rischi di clonazione. “Anzitutto - osserva – vorrei rassicurare i titolari delle carte di pagamento. L’incidenza di questi fenomeni complessivamente è inferiore all’1% del totale dei pagamenti effettuati con carte di credito o bancomat”.

“Il titolare – prosegue il country manager di CPP - deve trattare la propria carta come se fosse denaro contante e non un semplice pezzo di plastica. Una carta di credito rappresenta, in fondo, un portafoglio con dentro tanto denaro quanta è la disponibilità concessaci dalla banca”.
“A nessuno verrebbe in mente di pagare il conto di un ristorante consegnando l’intero portafoglio. Analogamente, quando si decide di pagare con una plastic card sarà bene seguire attentamente e di persona le operazioni di pagamento”.

“Una misura che ci permette di monitorare in tempo reale il rischio clonazione – aggiunge Bruschi – è l’attivazione del servizio sms, che ci consente di essere avvisati di ogni utilizzo della nostra carta di credito. Se dovessimo ricevere l’avviso che la nostra tessera è stata usata per un pagamento da noi non autorizzato, non dovremmo far altro che avvisare l’emittente la carta, che provvederà al blocco della stessa”.

E se dovesse capitare di smarrire o subire il furto delle proprie carte – spiegano gli esperti di CPP – sarà bene aver memorizzato i vari numeri di blocco su più supporti (cellulare, agenda dell’ufficio, agenda di casa, ecc.) in modo da procedere al loro blocco il più rapidamente possibile.

“Non mi stancherò mai di raccomandarlo – prosegue Bruschi –  ma è fondamentale non conservare mai i codici delle carte su bigliettini incollati sul retro della carta stessa o, comunque, dentro il proprio portafoglio. Sarebbe come consegnare ad un potenziale ladro la chiave della nostra cassaforte”.

Gli esperti di CPP Italia raccomandano, quando si procede ad un prelievo con il bancomat o la carta di credito presso uno sportello atm, di verificare che non vi siano strutture sovrapposte e/o sporgenti sull’impianto. “Questo tipo di frode – spiega Bruschi –  è un esempio di skimming e può essere attuato con l’applicazione di un dispositivo, identico all’originale, che copia la banda magnetica della plastic card.  Un dispositivo analogo potrebbe essere applicato anche ai POS dei negozi”.

Se, nonostante si siano prese tutte le accortezze, ci si dovesse accorgere dall’estratto conto della carta di credito di addebiti per spese mai sostenute, è bene chiamare immediatamente il numero verde dell’emittente per bloccare la carta e denunciare il fatto alle autorità. Dopo le verifiche del caso, l’emittente procederà al riaccredito delle somme di denaro ingiustamente addebitate.

Walter Bruschi spiega anche altre tipologie di frodi: “Con il phishing i truffatori cercano di ottenere i dati sensibili di una persona, ad esempio inviando mail ‘camuffate’ come se provenissero direttamente dalla propria banca. L’ignaro correntista sarà invitato a inserire i dati del proprio conto in un sito che presenterà la stessa grafica di quello della propria banca, ma che ha in effetti un indirizzo internet diverso. Un istituto di credito –  continua Bruschi –  non chiederà mai via e-mail ai propri clienti dati sensibili e riservati, come le password”.
Pericolosi sono anche il trashing e il boxing. Nel primo caso i malfattori ricercano nella spazzatura posta nelle vicinanze di supermercati, ristoranti e bancomat, gli scontrini delle ricevute dei pagamenti effettuati con la nostra carta di credito, dai quali prendere gli estremi necessari per fare acquisti su internet. Occorre, perciò, distruggere tutta la documentazione cartacea, gettandola, se possibile, in diversi cestini.
“Sicuramente più difficile è tutelarsi dal boxing. In questo caso, infatti, si rovista nella buca delle lettere alla ricerca di documenti inviati dalla nostra banca, per accedere al numero del nostro conto corrente o del nuovo codice bancomat”
 “Il mercato delle carte in Italia – conclude Bruschi –  è destinato a crescere e il loro maggior utilizzo porterà con se un incremento dei rischi di incappare in frodi. I nostri servizi di protezione carte offrono ai clienti, tramite i nostri partner bancari, la tranquillità di dover utilizzare un unico numero verde, valido anche dall’estero, per il blocco delle carte e una serie di servizi accessori che vanno dall’anticipo del contante, al pagamento dell’albergo, all’assistenza nella duplicazione dei documenti e al riacquisto dei biglietti eventualmente smarriti o rubati assieme alle carte”.




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi