home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.341.832 visualizzazioni ]
06/10/2012 13.58.39 - Articolo letto 2840 volte

Discarica di La Martella: dove sono i dati sulla qualità ambientale?

Adriano Pedicini Adriano Pedicini
Media voti: Discarica di La Martella: dove sono i dati sulla qualità ambientale? - Voti: 0
Se lo chiede Adriano Pedicini con una nota diffusa oggi
Matera "A due anni dall’emergenza rifiuti - afferma Adriano Pedicini del PDL- la discarica di La Martella sembra non esser più una bomba ecologica, l’allarme è rientrato e si attende la prossima criticità per trovarsi all’ultimo momento, così, per caso, con la discarica piena dove non c’è posto per l’immondizia. La discarica, con una previsione ottimistica, sarà satura tra due anni. La sua capacità residua al 2010 era di 80.000 metri cubi, oggi la metà. Tale dato, si comprenderà bene, è correlato al conferimento di rifiuti. Ne deriva che maggiore sarà la percentuale di raccolta differenziata, minori saranno le quantità di conferito in discarica, ciononostante non ci si affanna ad incentivare la raccolta differenziata. Il dato certo al momento è quello che esauriti questi volumi vi è il nulla. Nel 2010, venne sottoscritto un patto su 13 punti tra Sindaco e cittadini, oggi dopo due anni può dirsi che il patto è carta straccia eppure taluni dei punti elencati nel “patto della monnezza” riguardano la salute dei cittadini. L’accordo prevedeva anche cose futili per il Borgo: la gratuità delle corse per il trasporto urbano; il netturbino del Borgo; cose non attuate perché avrebbero creato disparità di trattamento quantomeno tra borghi. Nell’accordo, compariva la realizzazione della Biblioteca “Olivetti” a La Martella, unico punto tradotto in realtà. Scintillante esempio di come questa amministrazione sappia coniugare spazzatura e cultura impastata in una indecorosa compensazione.  Ma cosa ne è dei restanti punti? Ma soprattutto, cosa si è fatto per gli argomenti che in linea retta riguardano la salute dei cittadini? Le centraline per il monitoraggio; dove sono finiti gli obiettivi dell’ approvata delibera nr. 62 del 29.10.2010, frutto della collaborazione unanime di quasi tutto il Consiglio? Proponeva di: “ porre in essere tutte le iniziative utili per monitorare la qualità dell’aria della zona in cui è attualmente posto l’impianto di compostaggio attraverso l’installazione, da parte di un Ente terzo qualificato, di una centralina di monitoraggio da ubicarsi all’interno del Borgo La Martella” a rendere noti e disponibili a chiunque tali dati. Tra le altre prese di posizione inderogabili per la salute dei cittadini, vi era la consapevolezza e la presa di coscienza della peculiare posizione del sito e di quanto questo fosse una incognita sotto il profilo sanitario; si è invitata la Regione Basilicata ad effettuare tale riconoscimento, con l’impegno verso gli organi competenti di effettuare una costante mappatura del rischio. Punti fondamentali, tralasciati e rimandati; su tali questioni non può assolutamente esserci superficialità, ne va di mezzo la salute della gente, angosciata per la scarsa fiducia che le istituzioni riversano sull’interesse pubblico e la salute. A giusta ragione oggi si chiedono dove sono i dati sulla qualità dell’habitat circostante, dovevano costituire una indagine ambientale da rendere pubblica con incontri e dibattiti ai quali gli abitanti avrebbero potuto rappresentare “specifiche esigenze”. Ma i nodi sono sul punto centrale del patto, è stato  completamente disatteso: “individuare l’area dove ubicare il nuovo impianto anche a stralcio del quadro complessivo provinciale ribadendo che, entro il tempo massimo di 12 mesi, i competenti organi degli Enti dovranno procedere alla approvazione degli strumenti di programmazione all’interno dei quali si sancisca la delocalizzazione dell’impiantistica presente al Borgo La Martella”. Non è opportuno dilungarsi oltre sul tema, perchè di mesi ne sono passati 24 e tutto è come allora, gli impegni e gli accordi presi sono solo serviti a calmare l’emergenza e gli agitati animi. Presenterò opportuna interrogazione finalizzata al monitoraggio del rischio sanitario ed al rispetto di quanto deliberato in consiglio Comunale."


Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi