home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.540.799 visualizzazioni ]
17/09/2012 11.56.32 - Articolo letto 2960 volte

Tumori, ecco che cosa prevede il Codice etico

Rubrica di medicina Rubrica di medicina
Media voti: Tumori, ecco che cosa prevede il Codice etico - Voti: 0
Pone l’attenzione sulla particolare vulnerabilità di chi è affetto da una patologia tumorale
Matera Il Codice etico pone l’attenzione sulla particolare vulnerabilità di chi è affetto da una patologia tumorale, impegnando l’azienda a riconoscere la possibilità del part time durante il periodo di difficoltà e a informare i dipendenti dei diritti a loro tutela anche in caso di malattia che colpisce un familiare.
Ai dipendenti ammalati il Codice etico riconosce il diritto all’assegnazione di mansioni più compatibili con il proprio stato di salute e con l’eventuale riduzione della capacità lavorativa.  Viene riconosciuto, inoltre, un prolungamento del “periodo di comporto”, in funzione dell’anzianità di servizio, anche per altre gravi patologie. Altri punti riguardano il trattamento economico e l’esclusione del computo, ai fini della conservazione del posto di lavoro, dei giorni di degenza e del day hospital. L’articolazione dell’orario di lavoro, la concessione di periodi di aspettativa, la promozione degli strumenti di conciliazione sono gli altri aspetti su cui si sofferma il Codice etico che implica l’assunzione di un’attenzione dell’impresa nella sua organizzazione del lavoro rispetto a una propria dipendente colpita da malattia oncologica.
Con il Codice etico è pubblicato un “Opuscolo sui diritti delle lavoratrici e dei lavoratori affette/i da patologie oncologiche”, con l’intento di fornire informazioni utili per affrontare questo delicato momento nella vita lavorativa e famigliare.

Codice etico, Pittella: “Una solida rete di relazioni intorno al paziente oncologico”
 
“Lotta al cancro ha molteplici implicazioni che coinvolgono le famiglie e l’intera comunità”
 
“La lotta contro il cancro non chiama in causa solo il sistema sanitario, ma ha molteplici implicazioni che coinvolgono le famiglie e l’intera comunità. E’ anche fatto noto che la condizione psicologica può influire sull’andamento della malattia, rafforzando la capacità di reazione del paziente. Perciò è importante costruire una solida rete di relazioni intorno al paziente oncologico, a cominciare proprio dall’ambiente di lavoro, dove si consuma gran parte della giornata, per sostenerlo psicologicamente, moralmente, umanamente e materialmente”.
E’ quanto ha detto l’assessore alle Attività produttive, Marcello Pittella, a margine dell’incontro organizzato a Matera su iniziativa della Consigliera regionale di parità e della Lilt di Potenza.
“Da qui il mio sostegno – ha concluso l’assessore - perché il Codice etico possa essere adottato dalle aziende per garantire una migliore qualità della vita e sostegno a chi sta affrontando una sfida tra le più difficili”.

Codice Etico, Viti: “prova di diffusa e sentita solidarietà”
 
Si tratta di consolidare pratiche e comportamenti per  una reale apertura verso  problematiche che richiedono massimo coinvolgimento e solidarietà”
 
“La grande adesione al Codice etico è la prova che sul tema della tutela del lavoratore affetto da patologie tumorali sul luogo di lavoro esiste una diffusa e sentita sensibilità”. Lo ha affermato l’assessore alla Formazione e lavoro, Vincenzo Viti in occasione della presentazione del Codice etico per una partecipazione solidale.
“Si tratta di consolidare pratiche e comportamenti a sostegno di una reale apertura verso problematiche che richiedono massimo coinvolgimento e solidarietà, per dare dignità e sicurezza al malato oncologico. Di qui l’impegno delle Istituzioni – ha continuato l’assessore - per favorire la piena attuazione dei diritti e un clima di benessere per il lavoratore colpito da patologie tumorali. L’assessorato alla Formazione è impegnato nel promuovere azioni perché i contenuti del Codice etico abbiano piena cittadinanza negli enti pubblici e nelle aziende”. 

Codice etico, Fanelli: “Mettere in campo strategie solidali”
 
Una pubblicazione della Consigliera regionale di parità che richiama l’attenzione sulla tutela del malato oncologico sul luogo di lavoro, i diritti e gli adempimenti
 
La diagnosi di cancro non può significare anche discriminazione sul posto di lavoro. La condizione di malato oncologico si ripercuote oltre che sulla stabilità emotiva e psicologica anche nei rapporti interpersonali e sul lavoro. Le cure, infatti, che deve affrontare costringono ad assentarsi per lunghi periodi. Al ritorno, vi è il timore di non riuscire a svolgere le mansioni, di essere discriminato o di subire un atteggiamento pregiudiziale. Un’alta percentuale di lavoratori e lavoratrici affetti da patologie tumorali è costretta a licenziarsi.
Perciò, facendo seguito a un’iniziativa prodotta a livello nazionale dal ministero del Lavoro e dalla Consigliera nazionale di parità, la Consigliera regionale di parità Maria Anna Fanelli d’intesa con Raffaele Paradiso, presidente della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) di Potenza, ha pubblicato anche in Basilicata il Codice etico per una partecipazione solidale, un documento che richiama l’attenzione sulla particolare condizione e vulnerabilità di chi vive la malattia tumorale, stretto tra la necessità di conciliare la conservazione del posto di lavoro e le difficoltà di sottoporsi a interventi e terapie salvavita.
Nella pubblicazione insieme al Codice etico è diffuso un Opuscolo sui diritti delle lavoratrici e dei lavoratori affetti da patologie oncologiche, che illustrano i diritti e gli adempimenti da effettuare nel caso di patologie tumorali, le tutele previste dalla contrattazione collettiva, la possibilità di usufruire dei congedi e di chiedere un sostegno economico, compreso il riconoscimento dell’invalidità civile. Il codice etico è stato presentato oggi a Matera nella Sala sassi del palazzo regionale nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti i promotori dell’iniziativa Fanelli e Paradiso, l’assessore regionale alla Formazione e lavoro Vincenzo Viti e, tra gli altri, Margherita Perretti vice presidente Confindustria, Rocco Panarace dell’azienda ospedaliera San Carlo di Potenza, Anna Maria Cristiano del tavolo tecnico per la divulgazione della Carta pari opportunità, il dottor Vito Cilla dell’ordine dei medici di Matera e Loredana Durante della Lega cooperative.
La pubblicazione si apre con considerazioni del presidente della Regione Vito De Filippo, dell’assessore regionale alla Salute, Attilio Martorano, dell’assessore regionale alle Attività produttive, Marcello Pittella e dell’assessore alla Formazione e Lavoro, Vincenzo Viti, alle quali si aggiungono gli interventi dei direttori generali dell’Aor San Carlo Giampiero Maruggi, dell’Irccs Crob Pasquale Amendola, dell’Asp Mario Marra, dell’Asm Rocco Maglietta e dei promotori Maria Anna Fanelli e Raffaele Paradiso.
Naturalmente l’iniziativa non è destinata a rimanere solo un enunciato. Al Codice etico hanno già aderito, creando una rete per la messa in campo di strategie solidali, numerosi enti pubblici e privati, a iniziare dalle Aziende sanitarie (Asp, Asm, Irccs Crob e Azienda ospedaliera S. Carlo), Inps, Inail, Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Cisal, fino alla organizzazioni lucane di Confindustria, Api, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Copagri, Confcooperative, Confcommercio, Confesercenti, Cna, Confartigianato, Lega Coop, nonché gli Ordini professionali provinciali dei medici e odontoiatri, l’Ordine dei Consulenti del lavoro di Matera e, infine, Cittadinanzattiva-Tribunale del Malato e il Tavolo tecnico per l’applicazione della Carta per le Pari opportunità. Il prossimo passo sarà “un protocollo locale” da sottoscrivere con le Aziende e la Pubblica amministrazione sulla scorta dell’esperienza nazionale.
“L’ambiente di lavoro – ha affermato la Consigliera regionale di parità, Maria Anna Fanelli – può essere considerato un contesto privilegiato nel quale agire per mettere i malati in condizione di affrontare e superare con dignità la malattia”. In questo contesto, ha sottolineato “è importante la prevenzione, promuovendo quell’attenzione ai rischi che in modo diverso possono colpire uomini e donne e agli stili di vita che possono influire sulla comparsa della malattia, per la quale è necessario sviluppare una reale e concreta medicina di genere”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi