home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.568.539 visualizzazioni ]
13/07/2012 17.41.23 - Articolo letto 4498 volte

Imposta di soggiorno a Nova Siri: il NO degli imprenditori

Costa Jonica (foto martemix) Costa Jonica (foto martemix)
Media voti: Imposta di soggiorno a Nova Siri:  il NO degli imprenditori - Voti: 0
Nota di Confindustria Basilicata
Basilicata “Gli operatori turistici di Nova Siri esprimono sconcerto e indignazione per le modalità con le quali si è giunti, da parte dell’Amministrazione Comunale di Nova Siri, all’ applicazione dell’imposta di soggiorno a partire già dal prossimo 15 luglio 2012”.
Lo afferma Giovanni Matarazzo, Vice Presidente con delega al Turismo e Infrastrutture di Confindustria Basilicata, nonché Presidente della Sezione Turismo della stessa organizzazione datoriale.
“Tutti gli esercizi ricettivi di tale località turistica – rileva Matarazzo – in data 11 luglio scorso si sono visti notificare il provvedimento della Giunta Municipale, licenziato nella seduta del 5/7/12, con il quale si dava attuazione all’imposta di soggiorno nel comune di Nova Siri con decorrenza 15 luglio”
“E’ opportuno rappresentare – prosegue Matarazzo - come questa scelta metta in crisi l’intero sistema ricettivo della località balneare, ponendo gli operatori del settore in una situazione di grave difficoltà organizzativa e comunicativa nei confronti dei turisti che ivi alloggeranno a partire dal 15 luglio. Infatti, le strutture ricettive non si sono ancora organizzate - amministrativamente e burocraticamente - per riscuotere tale imposta, né hanno avuto il tempo necessario per attivare una campagna informativa, relativa alla applicazione dell’imposta a partire già dalla stagione turistica in corso, nei confronti dei Tour Operators e dei vari intermediari commerciali. Inoltre, non è stato affatto considerato che i turisti che alloggeranno nelle strutture ricettive –relativamente al periodo di applicazione, dal 15 luglio al 31 agosto- hanno già prenotato e pagato anticipatamente i pacchetti acquistati “all inclusive” rispetto all’inizio del loro soggiorno”.
“Al di là del merito e dell’opportunità della determinazione comunale, peraltro già fortemente contestata all’inizio dell’anno dalla nostra Associazione e da quasi tutti gli operatori economici del comune di Nova Siri – osserva Matarazzo – siamo basiti per il metodo adottato dall’amministrazione comunale verso gli imprenditori della filiera turistica, i quali, pur costituendo da tempo  gli attori principali della valorizzazione della principale risorsa economica della località jonica, sono stati di fatto traditi dall’amministrazione comunale, che aveva concordato di evitare l’applicazione dell’imposta, almeno per l’anno in corso”.
“Non per dare la stura a sterile polemica -  aggiunge Matarazzo – ma è necessario ripercorrere le tappe salienti della vicenda. Il 14/12/2011 il Consiglio Comunale approvava il regolamento per l’applicazione dell’imposta sul territorio di Nova Siri; dopo alcuni giorni, il 15 gennaio successivo, circa 50 operatori economici – di vari settori, dal turismo al commercio all’artigianato- inviavano all’amministrazione comunale una “lettera aperta” con la quale chiedevano di non applicare tale imposta per l’anno 2012 e, in pieno spirito collaborativo, costruttivo e non polemico –considerato che nei principi legislativi questa è una imposta cosiddetta “di scopo” i cui introiti devono essere utilizzati per migliorare l’accoglienza e la qualità dei servizi turistici presenti ed erogati sul territorio comunale, si dichiaravano disponibili a “valutare la possibilità di definire, per l’annualità 2012, strumenti di collaborazione tra il Comune  e le organizzazioni più rappresentative degli operatori economici, per favorire una maggiore condivisione e partecipazione alla gestione delle attività e degli interventi strettamente connessi e funzionali all’erogazione dei servizi  turistico-ricettivi sul territorio (ad esempio: pulizia della spiaggia, servizio bus/navetta estivo, manutenzione del verde e del decoro urbano in prossimità delle aree fruibili dai turisti, segnaletica ed informazione turistica, ecc.).
“Va aggiunto - continua Matarazzo - che  dopo 5 mesi di silenzio assoluto il 29 maggio u.s., praticamente all’apertura della stagione turistica, in accoglimento delle richieste formulate nel citato documento sottoscritto dagli operatori economici, l’Assessore al ramo convocava finalmente un incontro con i titolari delle strutture ricettive per discutere sull’imposta di soggiorno allo scopo “di valutare insieme le soluzioni da adottare in alternativa all’applicazione dell’imposta di soggiorno”. In tale incontro, a fronte dell’impegno della Giunta comunale di rinviare all’anno successivo l’applicazione dell’imposta, gli operatori turistici si obbligavano a finanziare con fondi privati alcuni servici turistici comunali (nella fattispecie il servizio navetta urbano ed alcune manifestazioni ludico-culturali da inserire nel calendario eventi da programmare per i mesi estivi) proprio per alleviare il bilancio comunale di alcuni costi per servizi turistici”.
“Insomma dopo oltre un mese dalla riunione di fine maggio – rimarca Matarazzo -  mentre tutto faceva pensare al rispetto di quanto convenuto in maniera partecipata e condivisa, ci troviamo di fronte alla notifica inaspettata dei provvedimenti amministrativi immediatamente esecutivi, senza alcun ulteriore comunicazione in tal senso”.
“Giova ricordare – prosegue Matarazzo – che nei mesi scorsi avevamo sottoposto all’attenzione di ANCI regionale questa problematica  e le connesse distorsioni che ne sarebbero potute derivare”.
“Agli amministratori del Comune Jonico, ai quali evidentemente sfugge la rilevanza che la filiera turistica locale assume per l’intero tessuto socio-produttivo comunale, va rammentato – afferma Matarazzo - che uno di principi fondanti dell’assetto giuridico ed istituzionale contemporaneo, è quello di rispettare i patti e gli accordi raggiunti. Invece, pur di coprire i buchi del bilancio, non ci si è minimamente preoccupati di ritirarsi unilateralmente da un’intesa che pure si era contribuita a definire”.
“Inoltre – conclude Matarazzo –nessun amministratore locale si è preoccupato di verificare se gli altri comuni contermini della costa Lucana ovvero delle regioni confinanti (Policoro, Scanzano Jonico o Pisticci da un lato e Rocca Imperiale, Montegiordano o Roseto dal versate calabrese e Ginosa, Castellaneta dal versante pugliese) hanno o meno applicato, a partire dalla stagione in corso, tale imposta quanto meno per garantire un minino di equilibrio competitivo tra gli stessi territori”.
“Come associazione rappresentativa, a livello regionale, degli interessi imprenditoriali – evidenzia Matarazzo – non possiamo esimerci dal denunciare “disparità di trattamento di fatto” tra i vari comuni all’interno degli stessi comprensori turistici e questo preoccupante modus operandi dell’Amministrazione Comunale di Nova Siri, atteso peraltro che in altri contesti e per la medesima problematica, alcuni sindaci, come quello di Matera, ad esempio, hanno fatto prevalere il buonsenso, giungendo a situazioni più gestibili sul versante organizzativo e sicuramente più accettabili da parte degli imprenditori”.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi