home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.538.909 visualizzazioni ]
26/06/2012 9.48.38 - Articolo letto 6375 volte

Stigliano, riapre il Convento di Sant’Antonio

Convento di Sant´Antonio - Stigliano (foto internet) Convento di Sant´Antonio - Stigliano (foto internet)
Media voti: Stigliano, riapre il Convento di Sant’Antonio - Voti: 0
Dopo anni di chiusura torna a “disposizione” della comunità. L’appuntamento è per domenica 1 luglio
di ANTONIO GRASSO
Stigliano Dopo una lunga attesa, riapre al pubblico il Convento fondato da Eligio Della Marra, e fatto decorare dal suo successore, Antonio. L’appuntamento è per domenica 1 luglio. A partire dalle 18,30 celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo della Diocesi di Tricarico, Vincenzo Carmine Orofino. Per l’occasione la messa sarà cantata dal locale coro polifonico, intitolato al maestro Antonio Dilucia, direttore della schola cantorum del medesimo Convento per oltre 40 anni e compositore di brani in italiano e latino eseguiti anche al di fuori dei confini regionali. Sapientemente diretto dal maestro Francesco Cafarella, il coro tiene insieme 35 unità (tutti non professioniste) ed è motivo d’orgoglio per l’intera comunità stiglianese. In programma anche la dedicazione del nuovo altare e il rito di benedizione della chiesa neo ristrutturata. Dedicata a Sant’Antonio da Padova, essa è parte integrante dell'ex Convento, già possedimento dei Padri Riformati, poi passato ai Minori Osservanti di San Francesco d’Assisi. Il Convento conserva un importante crocifisso ligneo, attribuito a padre Umile da Patralia, mentre l’annessa chiesa è molto più antica di quello che indica l'iscrizione che sovrasta l'ingresso principale, ovvero A.D. 1748. Che esistesse precedentemente lo testimonia, fra l’altro, una tabella che ricorda l’attacco della peste del 1656 che decimo la popolazione locale. Nel 1748 i monaci ampliarono l'antica chiesa, dalla facciata barocca, molto probabilmente con le elargizioni avute dalla Casa Colonna. All’interno della stessa furono, poi, trasportati molti dei quadri che ornavano le pareti dell'antico Convento, fra i quali un dipinto del XVII secolo di Antonio Stabile raffigurante la “Madonna col Bambino”. Non solo. Presenti all'interno pitture assai originali di Giovanni Tudisco di Briola e un Crocifisso ligneo del 1600, già protettore di Stigliano, al quale la popolazione è molto legata grazie ai prodigi miracolosi operati da detta antica immagine proprio durante il periodo pestilenziale. La chiesa, che in origine era dedicata a “S. Maria la Nova”, probabilmente della struttura attuale comprendeva soltanto la facciata. Il campanile, infatti, apparteneva al Convento di Sant’Antonio che si trovava nella parte del paese tutt’oggi conosciuta con il nome di “area di Sant' Antonio”, che venne distrutto nel corso del XIX sec. La torre campanaria, ricostruita ad imitazione di quella del vecchio Convento, contiene ancora le campane dello stesso.


Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi