home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.344.834 visualizzazioni ]
16/05/2012 16.38.12 - Articolo letto 3445 volte

Emergenza lavoro, Adduce: subito un Consiglio comunale aperto

Consiglio comunale Consiglio comunale
Media voti: Emergenza lavoro, Adduce: subito un Consiglio comunale aperto - Voti: 0
"La città di Matera sta vivendo una delle stagioni più drammatiche"
Matera "La città di Matera, come il resto del territorio, sta vivendo una delle stagioni più drammatiche sul fronte dell’economia e dell’occupazione. Il sistema imprenditoriale, già strutturalmente debole, fa fatica a rispondere in modo efficace alla crisi in cui il Paese e l’Europa sono precipitati e molte aziende stanno chiudendo. Il quadro risulta desolante. I dati nazionali sulle chiusure di aziende sono allarmanti. Basti pensare che nel primo quadrimestre del 2012 sono circa mezzo milione i lavoratori in cassa integrazione (in Basilicata si è passati da 7.124 di Marzo a 9.971 di aprile 2012 con 400 mila ore in più – fonte Uil).
Nel Paese, secondo l’Istat, la disoccupazione, in media, aumenta dello 0,2 per cento e ha toccato, nei primi mesi del 2012, il record del 9,3 per cento. In Basilicata ha raggiunto quota 12,5 per cento. Più colpiti sono donne e giovani: rispetto a questi ultimi il tasso di disoccupazione supera il 40 per cento fino a toccare il 49,2 per cento per le donne più giovani.
Tuttavia ci sono tre elementi positivi.
Il 2 giugno, Festa della Repubblica, Cgil Cisl e Uil organizzano a Roma una grande manifestazione per il lavoro per richiamare l'attenzione di tutti sulla pesantissima situazione economica italiana. L'inedito invito dei sindacati agli imprenditori a manifestare insieme ai lavoratori per chiedere al Governo più attenzione per la crescita e lo sviluppo e per arrestare l’emorragia di posti di lavoro costituisce la vera novità di questa fase.
Il secondo segnale positivo è costituito dal Piano per il Sud che il governo ha recentemente varato con uno stanziamento di 2,3 miliardi di euro e che pur escludendo le regioni fuori dal cosiddetto Obiettivo 1, destina alla Basilicata 50 milioni di euro.
Il terzo segnale positivo è l'iniziativa legislativa del consigliere regionale Erminio Restaino sul riutilizzo dei siti industriali dismessi finalizzata al recupero dei livelli occupazionali. Così come sono estremamente positive le dichiarazioni dell’assessore regionale al Lavoro e Formazione, Vincenzo Viti, che annuncia un piano regionale del lavoro.
Dunque si impone per noi lucani una iniziativa più incisiva in modo da trovarci preparati per cogliere le occasioni che senz’altro verranno.
Matera  risente della crisi che ha investito da oltre un lustro il settore del mobile imbottito, della trentennale crisi della Valbasento, del progressivo ridimensionamento del comparto agricolo e agro-industriale, nonché della crisi del settore metalmeccanico. Il settore trainante dell’edilizia ha visto un drastico ridimensionamento degli addetti. La pur tangibile crescita nel settore del terziario e segnatamente della cultura, del turismo e dei servizi Itc non ha compensato le espulsioni dal ciclo produttivo degli altri settori.
In questo difficile contesto l’azione delle istituzioni deve essere meglio coordinata concentrando le risorse (aiuti alle imprese, formazione, investimenti) in quei settori che in questi anni hanno mostrato più dinamismo.
Diventa, dunque, urgente e non rinviabile una iniziativa coordinata del Governo Nazionale, della Regione, dei comuni capoluogo, prima di tutto, delle province, delle organizzazioni sindacali, imprenditoriali e professionali.
Nell’attuale situazione di crisi dell’economia occorre stabilire nuove e più dinamiche relazioni tra le istituzioni e le parti sociali. Il sistema fin qui consolidatosi della programmazione curata dalle istituzioni da un lato, qualche volta anche attraverso fasi proficue di concertazione, ed il sistema delle imprese dall’altro ed infine a valle il mondo del lavoro in attesa di ricevere i benefici occupazionali finali, ha bisogno di rinnovare il patto e di stabilirne uno più moderno che veda il coinvolgimento di tutti gli attori. Ognuno deve agire con responsabilità. L’Amministrazione comunale di Matera è pronta a fare la sua parte anche di supporto come città capoluogo al rafforzamento degli organismi provinciali e regionali che hanno il compito di programmare e gestire politiche attive del lavoro.
E’ con questo obiettivo che abbiamo aperto il tavolo dell’economia e del lavoro convinti come siamo che l’azione propulsiva finalizzata a proporre soluzioni per il miglioramento della qualità urbana, nello scenario di programmazione strategica definita e condivisa dal partenariato pubblico-privato, deve potersi attestare  indifferentemente su ciascuna delle parti coinvolte. E’ il primo passo di un percorso che l’Amministrazione comunale intende seguire e che vedrà un momento pubblico e, infine, l’attuazione delle misure stabilite.
In questo senso chiederò la convocazione di un Consiglio comunale aperto che individui concretamente con l’aiuto delle parti sociali le misure più idonee da realizzare per rispondere in modo efficace alla crisi di lavoro e occupazione."



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi