home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.285.542 visualizzazioni ]
10/05/2012 16.20.53 - Articolo letto 4686 volte

BASILICATA: CHI SPECULA SUL LATTE LUCANO?

Cartocci di latte Cartocci di latte
Media voti: BASILICATA: CHI SPECULA SUL LATTE LUCANO? - Voti: 0
Inaccettabile l’ennesima riduzione del prezzo del latte alla stalla
Basilicata “Siamo alle solite, assistiamo ad un nuovo furto di identità e di valore perpetrato ai danni del nostro vero patrimonio lucano: l’agroalimentare”. Sono le parole di Piergiorgio  Quarto – Presidente della Coldiretti di Basilicata a commentare la brutta notizia arrivata sottoforma di modifica unilaterale del prezzo del latte conferito dagli allevatori lucani alla cooperativa di raccolta Granlatte. Ovviamente si tratta di una modifica a ribasso di 2 centesimi a litro che riporta il prezzo del latte alla stalla ai valori di oltre un anno fa. Il nuovo prezzo che Granlatte, cooperativa di raccolta del latte che rifornisce lo stabilimento pugliese di Granarolo, è nella migliore delle ipotesi, di 39 centesimi al litro. Per gli allevatori lucani la riduzione del prezzo di Granarolo, che ritira nel territorio regionale circa il 35% della intera produzione di latte lucano ovvero circa 900 q.li al giorno, non è prima principale preoccupazione: infatti il vero problema deriva da tutti i soggetti che effettuano la raccolta autonoma del latte che nascondendosi dietro Granlatte portano il prezzo alla stalla anche al di sotto di  35 centesimi con l’aggravante dell’incertezza del rispetto dei pagamenti. L’intera produzione di latte lucano è pari a 2.500 q.li al giorno, pertanto la riduzione a 35 centesimi a litro determina una perdita di valore di oltre 3 milioni di euro su base annua. A ciò si aggiunge che il sistema allevatoriale lucano è fortemente sotto pressione anche per il costante aumento dei costi dei mezzi di produzione, in primis del gasolio dove siamo giunti ad un aumento del costo da inizio anno del 20%, oggi per un litro di gasolio servono 3 litri di latte!!. Ma non solo il gasolio è aumentato dismisura, ma anche i mangimi, i fertilizzanti, e perfino il costo consortile dell’acqua. Siamo sotto pressione, commenta Saverio Gargano presidente della Coldiretti di Genzano di Lucania e allevatore con 500 capi di alta genealogia di razza Frisona, è difficilissimo far quadrare i conti in quanto la riduzione del prezzo si accompagna anche a una dilazione dei pagamenti da parte dei raccoglitori locali. Infatti molti allevatori sono stretti dalla morsa creditizia che porta l’incasso della vendita del latte con un ritardo sino a 5 mesi dal giorno della consegna. Ciò determina il doppio danno di derivato sia dalla mancanza di liquidità che dalla impossibilità di scegliere altri raccoglitori in quanto il rischio di perdere il valore del latte conferito è altissimo. A ciò assistiamo aggiunge Giuseppe Brillante, direttore della Coldiretti di Basilicata, al fatto che alcuni raccoglitori stiano in procinto di uscire dal mercato portando con se i soldi degli allevatori che non sono stati giustamente onorati. Una situazione paradossale a cui si aggiunge anche la connivenza di tanti caseifici locali che continuano ad importare latte tedesco e romeno o finanche direttamente cagliate di provenienza est europea con cui preparano formaggi e mozzarelle che vengono spacciate come made in Basilicata. Una situazione insostenibile, inaccettabile, un furto di valore e di identità perpetrato ai danni dei produttori e dei consumatori che non ricevono alcun beneficio dalla continua riduzione del prezzo del latte alla stalla. Infatti al consumo il prezzo dei prodotti caseari e del latte alimentare da gennaio è aumentato del 10%. Occorre maggiore trasparenza lungo la filiera e maggiori controlli da parte degli organi preposti finalizzati a smascherare gli inganni che danneggiano sia chi quotidianamente lavora portando avanti un pezzo sano dell’economia lucana sia le famiglie dei lucani che pensano di acquistare prodotti di origine certa e invece portano sulla tavola formaggi perfettamente anonimi senza alcuna garanzia sulla loro origine. L’attenzione alla agricoltura che anche nel 2011 ha portato risultati positivi in termini di sviluppo si deve necessariamente tradurre in atti concreti relativamente sostegno nella costruzione di una vera filiera agricola lucana sempre più corta e premiante per coloro che professionalmente ne fanno parte attiva.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi