home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 90.775.608 visualizzazioni ]
16/07/2009 0.28.34 - Articolo letto 6124 volte

LA CIVILTA' CONTADINA E IL SENSO IDENTITARIO

LA CIVILTA´ CONTADINA LA CIVILTA´ CONTADINA
LA CIVILTA´ CONTADINA LA CIVILTA´ CONTADINA
LA CIVILTA´ CONTADINA LA CIVILTA´ CONTADINA
Media voti: LA CIVILTA' CONTADINA E IL SENSO IDENTITARIO - Voti: 1
Il caso Museo Laboratorio di via S. Giovanni Vecchio
di TOMMASO RUGGIERI
Matera

 Scoprire e valorizzare nuove potenzialità per Matera, città unica al mondo, è sempre fonte di grande soddisfazione. E’ proprio quello che si propone la neo-nata associazione culturale B.R.I.O (brillanti realtà in osservazione).  Oltre all’ormai noto, ma non sempre adeguatamente salvaguardato, patrimonio storico-artistico e monumentale, rientrante nel patrocinio Unesco dal 1993, occorre focalizzare l’attenzione sulle notevoli e rilevanti testimonianze demo-antropologiche afferenti alla cosiddetta Civiltà Contadina. Un termine che racchiude in sé molteplici concetti: dai luoghi fisici (case-grotta scavate o in parte semi-costruite) in cui hanno concretamente vissuto le famiglie fino a una cinquantina di anni fa nei Sassi, agli utensili ed oggetti della cultura materiale (riguardanti il lavoro e la vita quotidiana).

Ricostruzioni degli ambienti di vita nelle antiche abitazioni esistono già da qualche anno, nel caso della casa-grotta sita in vico solitario (Sasso Caveoso), e un’altra è stata ricostruita più di recente nel Sasso Barisano.
Ma pochi sanno che esiste un vero e proprio Museo Laboratorio della Civiltà Contadina in via San Giovanni Vecchio, 60 (poco distante dalla Facoltà di Lettere dell’Università della Basilicata). Nei suoi 500 mq di spazi espositivi comunicanti, creati nel 1998 grazie alla passione di una famiglia del luogo, sono esposti attrezzi ed utensili utilizzati negli antichi mestieri, alcuni dei quali ormai scomparsi, diffusi  tra abitanti dei rioni Sassi.
All’interno del Museo è possibile percorrere ricostruzioni fedeli degli ambienti in cui venivano svolti mestieri come l’arrotino, il calderaio, il contadino, il barbiere, il calzolaio, il cavamonti, il conciapelli, il conciapiatti, il panieraio, il sellaio, lo scalpellino ecc…vengono ripresi anche alcuni momenti della vita di un uomo, come nel caso dell’infanzia, con esempi degli oggetti di comune utilizzo.
Ciò che più colpisce l’attenzione del visitatore è il buono stato di conservazione e la rarità della maggior parte dei manufatti esposti, autentiche testimonianze di una civiltà ormai scomparsa, che è parte costitutiva dell’identità profonda di Matera. Una città che, fino allo sfollamento dei Sassi, era peculiarmente caratterizzata dalla semplicità e dall’abile manualità dei mestieri che gravitavano attorno al mondo contadino e ad esso erano connessi strettamente.
 Proprio per non perdere questo importante valore identitario occorre sostenere queste iniziative, vere azioni di conservazione culturale, per tramandare ai posteri  la memoria della nostra civiltà.
 
                                                                                                                     Tommaso Ruggieri
 B.R.I.O.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi