home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 84.776.790 visualizzazioni ]
30/03/2012 13.19.40 - Articolo letto 3516 volte

ENERGIA : punto di snodo per il futuro della Basilicata

Estrazione del petrolio Estrazione del petrolio
Media voti: ENERGIA :  punto di snodo per il futuro della Basilicata - Voti: 0
Nota del Consigliere Regionale Luca Braia
Basilicata "La qualità del dibattito consiliare nella seduta consiliare di martedì scorso,  è la chiara riprova della sensibilità dell’intera classe dirigente lucana ad un tema cruciale come quello dell’estrazione e dell’utilizzo delle risorse petrolifere.
Qualità figlia di un clima disteso e di raccordo fra tutti gli schieramenti politici protesa, seppur con distinguo e posizioni differenti,  verso obiettivi  finalmente comuni: il miglior utilizzo possibile delle risorse naturali presenti sul nostro territorio.
E sono tanti gli obiettivi che il tema dell’energia porta nel suo paniere ma sopra tutti si impongono, per volere dell’intera comunità regionale, la tutela dell’ambiente, della salute e l’utilizzo strategico delle risorse economiche rivenienti dall’estrazione .
Si stanno sbriciolando le menzogne, sostiene il presidente De Filippo; quelle errate valutazioni fatte all’inizio di una favola di ricchezza di cui sembrava potesse essere protagonista il Petrolio.
Ma sulla scorta dell’esperienza vissuta e delle criticità riscontrate ed evidenziate anche nel dibattito, oggi rinascono coscienza e coraggio; una “specialità tutta lucana” , per dirla ancora come il Presidente, che sia la Nazione che l'Unione Europea possano - speriamo presto - riconoscerci.
Assieme a queste, è l’appello che ho inteso rivolgere a tutte le forze politiche della massima Assise regionale, ora è necessario , iniziare la seconda fase, mettendo in campo una strategia nuova di sviluppo che possa coinvolgere sia le aree direttamente interessate dalle attività estrattive, che l’intero territorio regionale, per legare i concetti di sussidiarietà, coesione e vocazione. L’idea di una “perequazione delle opportunità di crescita per tutti i comuni nell’intera nostra regione” al fine di accrescerne complessivamente attrattività e competitività.
Nei fatti la firma del Memorandum dell’Aprile scorso e l’art. 16 del decreto liberalizzazioni rappresentano i capisaldi di una straordinaria opportunità utile a chiedere ulteriori risorse al Governo nazionale derivanti dalle maggiori entrate fiscali, obiettivo raggiunto grazie al lavoro sinergico svolto dal Presidente De Filippo sostenuto dall’intero consiglio ed insieme ai parlamentari lucani di centro destra e centro sinistra che sono riusciti a far riconoscere adeguatamente alla Basilicata il valore del contributo che essa dà alla riduzione delle bolletta energetica nazionale .
Proseguire uniti il percorso intrapreso dal tavolo tecnico del gennaio 2011,  la centralità del consiglio regionale nelle decisioni che dovranno accompagnare il processo da compiere e l’impegno a stabilire una stretta relazione utile a verificare la totale condivisione con le comunità per le scelte da compiere, completano  l’impegno sottoscritto trasversalmente nell’ordine del giorno approvato a margine dei lavori dell’assemblea da tutte le forze politiche presenti in consiglio ad esclusione della SEL .
L’ottenimento auspicato di considerevoli risorse aggiuntive dovrà  alimentare interventi in tema di sicurezza ambientale e della salute dei cittadini, utilizzando le migliori tecnologie ad oggi esistenti e le professionalità presenti nelle rinnovate agenzie regionali oltre alle necessarie collaborazioni da stabilire con enti di livello nazionali ed internazionali, dunque rilanciare il tessuto produttivo ed occupazionale ricercando, tra i vari strumenti normativi, anche una auspicata fiscalità di vantaggio che traduca in termini reali i concetti sopra menzionati di attrattività e competitività;
Rivendicare infatti, laddove possibile, l’allentamento del patto di stabilità per la Basilicata al fine di sbloccare i pagamenti alle imprese da parte della pubblica amministrazione, il finanziamento di alcune aree sino a farle  diventare “zone franche” in cui le imprese possano pagare meno tributi , avere accesso ad energia a più basso costo ed una facilitazione di accesso al mercato del lavoro attraverso incentivi automatici che ne riducano il relativo costo creerebbero, congiuntamente agli investimenti in infrastrutture, le condizioni di una “attrattività e competitività  reale e sostenibile”.
Il sostegno alla ricerca ed alla innovazione, già previsto nel Memorandum, diviene poi imprescindibile per legare il presente al futuro della comunità.
Solo in un clima di concertazione possono nascere strategie di così ampio respiro; con l’auspicio che assieme, con la forza della sinergia e della condivisione, questa classe politica possa meglio stimolare il Governo nazionale alla condivisione degli obiettivi anche su altri aspetti della nostra vita quaggiù in Basilicata; che “quando gli elefanti litigano è l’erba a rimanere schiacciata”, son soliti dire laggiù in Africa."



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi