home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 88.831.800 visualizzazioni ]
05/03/2012 16.33.11 - Articolo letto 3815 volte

Abusivismo nei Sassi: un problema da affrontare

bancarelle nei Sassi (foto Martemix) bancarelle nei Sassi (foto Martemix)
Media voti: Abusivismo nei Sassi: un problema da affrontare - Voti: 0
La nota del consigliere comunale Pedicini
Matera "Tra le avvilenti e compassionevoli  storie di cittadini che non riescono a dare dignità al proprio lavoro -sostiene il consigliere comunale del Pdl,  Adriano Pedicini- nel grande cantiere dei Sassi, non vi è solo quella dell’imprenditore Fabrizio Zampagni che continua lo sciopero della fame.  Vi è dell’altro, tante storie fatte di attese, sopportazione e rassegnazione, nei Sassi trovano ampia compagnia, possono essere dedicate a tanti artigiani, artisti, commercianti, a gente di buona volontà, appartenente ad ogni estrazione sociale: giovani e meno giovani, lavoratori valenti e capaci,  associati da un unico termine: “costretti all’illegalità”. Illegittimità agevolata dall’inefficienza amministrativa, dallo stare a guardare di questa politica che non ha idee, che ignora ciò che ha valore nella città, quel poco che è rimasto del turismo e del suo indotto, trascurando nei fatti ciò che ci rende visibile al mondo, perché troppo impegnati in opere inutili e redditizie; tra una pista ciclabile ed una illusoria metropolitana che nasconde il vero obiettivo. Gran parte delle botteghe, bancarelle ed operatori hanno un problema e questo li pone nella condizione di non essere in regola, ogni giorno è dedicato a trovare soluzioni che non ci sono, perché è meglio rimandare, non affrontare le difficoltà, rinviando nel tempo una concreta, seria e definitiva politica che sani antiche posizioni e disciplini le attività commerciali ed artigianali nei Sassi. Quel che sconsola è che costoro non vogliono rimanere abusivi, desiderano emergere dal buio fiscale, lottano per mettersi in regola, ma non ci riescono, sbattono contro un muro di gomma sul quale  rimbalza la protesta, nessuno si interessa alla loro attività priva di concessione e autorizzazioni, ma rimangono lì in piazze, strade e locali demaniali o comunali, dove il lavoro non ha regole e l’abusivo insiste da anni. Gente senza colpa, senza reddito e con famiglia, che non ha soluzione. Tutto è demandato all’ufficio più superfluo del Comune: l’ufficio Sassi, depotenziato con l’allontanamento di quattro tecnici, (un architetto che ha dato le dimissioni, tre geometra trasferiti ad altri uffici), segno che non è questo l’ufficio sul quale dirigere attese e prospettive. Unico pensiero dell’attuale amministrazione, dopo l’incubo per l’aver perso il controllo dei Sassi per due anni, è stato quello di cancellare ogni traccia del governo di centro destra e, modificando l’art.19 ha chiuso i conti col passato e con la trasparenza, senza preoccuparsi di rinnovare il piano di recupero 1994/96 oramai decaduto. Aspettativa vana degli artigiani è mettersi in regola, aprire una partita IVA, assumere qualche dipendente; dare impulso all’impresa nascosta, che lavora a porte chiuse in locali occupati da generazioni e tramandati da padri in figli, figli che oggi ereditato l’abusivismo, e l’impresa fantasma dei padri. Se il rigore giungesse qui da noi, nei Sassi chiuderebbe la totalità degli artigiani, buona parte delle altre attività legate al turismo, gran parte di piccoli commercianti, questo perché da tempo, ciò che riguarda l’assegnazione di locali, bandi e sviluppo commerciale è fermo, arenato nel non saper che fare. Frattanto chi non è in regola, e da quella attività trae reddito per la sua famiglia, non è tranquillo, pensa ai blitz di Cortina o Sanremo, ma niente paura, siamo qui, nella Città dei Sassi. Luogo di sofferenza e vita della miseria contadina senza tempo, di Ferrari o Maserati non vi è nemmeno l’ombra, i conti gli Ispettori del fisco dovrebbero farli tra l’indigenza di una delle città più povere del paese, nella città senza crescita demografica, dove spicca la disoccupazione, la cassa integrazione e l’esodo giovanile. Questi i risultati della politica che ci governa".



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi