home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.316.335 visualizzazioni ]
08/02/2012 12.11.36 - Articolo letto 3809 volte

Neve: Regione non chiede stato di emergenza per non far aumentare tasse

Spazzaneve a Matera (foto SassiLand) Spazzaneve a Matera (foto SassiLand)
Media voti: Neve: Regione non chiede stato di emergenza per non far aumentare tasse - Voti: 0
La scelta è di operare, fino a quando sarà possibile, con mezzi propri e di altre amministrazioni
Basilicata La Regione Basilicata sta mettendo in campo tutte le iniziative necessarie a fronteggiare l’emergenza maltempo cercando di evitare di avanzare la richiesta dello stato di emergenza, in analogia a quanto fatto da tutte le regioni italiane, poiché tale richiesta comporterebbe in automatico, l’applicazione della così detta “tassa sulle disgrazie”, ossia l’elevazione al massimo di tutte le addizionali fiscali sul territorio regionale.
Con la richiesta, infatti, si dovrebbe procedere ad aumentare le accise sui carburanti di 5 centesimi di euro al litro, l’addizionale Irap dal 4,75% al 5,75% (+1%) l’addizionale Irpef dallo 0,90% all’1,40% (+50%) la tassa automobilistica del 10%. La legge 10/2011 (che ha convertito il decreto mille proroghe del 2010) ha infatti modificato il meccanismo della richiesta dello stato di emergenza, eliminando l’intervento finanziario dello Stato nella gestione delle operazioni e ponendo il carico sulle risorse regionali o sulla leva finanziaria a carico di cittadini e imprese del territorio in cui l’evento si verifica. Solo qualora questi mezzi non dovessero bastare la Regione potrebbe avanzare richiesta di un contributo allo Stato che, tuttavia, non sarebbe né obbligatorio nè certo in virtù dell’assenza di fondi sul relativo capitolo di bilancio.
Lo stesso problema era stato evidenziato appena ieri dal capo della Protezione Civile Nazionale, Prefetto Gabrielli secondo cui “In questi giorni i governatori delle regioni colpite dal maltempo non hanno chiesto lo stato di emergenza perché sanno che la richiesta si concluderebbe con un innalzamento delle accise sulla benzina".
Conseguentemente, la Regione Basilicata ha deciso di fronteggiare l’emergenza, fino a quando sarà possibile, utilizzando i mezzi propri e delle pubbliche amministrazioni regionali senza andare a gravare su cittadini e aziende in un momento particolarmente delicato della storia del nostro Paese.
Del resto, anche l’Abruzzo, da qualcuno chiamato in causa per aver dichiarato lo stato di calamità, ha scelto solamente di procedere a un coordinamento degli interventi su base regionale e non ha invece proceduto ad inoltrare richiesta di aiuto allo Stato poiché, hanno spiegato il presidente della Regione Gianni Chiodi e l’assessore alla Protezione Civile, Gianfranco Giuliante, "La scelta dello stato di emergenza regionale di tipo B - hanno aggiunto - si è reso indispensabile per dare una risposta immediata all'emergenza in corso e consente di non aumentare le tasse ai cittadini abruzzesi così come previsto dalla legge in caso di emergenza autorizzata dal Governo (tipo C)". Analoga scelta ha fatto anche il Lazio con la solo dichiarazione dello “Stato di calamità naturale”.
 
Neve; Mancusi: disagi inevitabili, noi evitiamo il peggio
 
L’assessore interviene dopo le dichiarazioni del sen. Digilio: “Dedichiamo energie alla soluzione dei problemi, non a polemiche di cui non si avverte la necessità”
 
“L’eccezionale situazione meteorologica che si sta verificando è inevitabilmente fonte di disagio, ma l’impegno di istituzioni e volontari, al momento, sta scongiurando il verificarsi di situazioni drammatiche quali quelle che, purtroppo, si stanno verificando in altre realtà”. Lo afferma l’assessore regionale alla Protezione Civile, Agatino Mancusi, a seguito delle dichiarazioni fatte dal sen. Egidio Digilio.
“Da ieri – prosegue Mancusi - il direttore della Protezione civile regionale sta operando con il Centro coordinamento soccorsi attivato dalla Prefettura di Potenza mentre contemporaneamente resta attivo il centro di coordinamento della Protezione civile regionale. L’esercito è già stato allertato, come pure le associazioni di volontariato a cui si possono rivolgere i sindaci che sono la massima autorità in campo in questi momenti. Per il resto anche la popolazione sta facendo la sua parte con comportamenti responsabili (ad esempio evitando l’inutile utilizzo di mezzi privati e non dotati di catene o pneumatici da neve) e senso del dovere, rendendosi disponibili per ciò che può servire. L’unica cosa di cui al momento non si ravvisa la necessità – ha concluso l’assessore Mancusi – è la polemica politica. Le nostre energie restano concentrate sulla risoluzione dei problemi”.




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi