home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 85.536.061 visualizzazioni ]
06/10/2011 17.01.21 - Articolo letto 3477 volte

Ticket sanitario, CGIL: necessario un confronto fra le parti

La FILCTEM CGIL di Matera si prepara allo sciopero generale La FILCTEM CGIL di Matera si prepara allo sciopero generale
Media voti: Ticket sanitario, CGIL: necessario un confronto fra le parti - Voti: 0
"deve valere il principio che chi più ha, più deve pagare"
Basilicata "In questi giorni l’ennesima manovra finanziaria, varata dal Governo Berlusconi, sta colpendo duramente il nostro Paese mettendo ancora una volta le mani nelle tasche dei cittadini, dei lavoratori,dei pensionati.
 
La CGIL ha condannato le manovre finanziarie di luglio e agosto perché esse erano, e sono, connotate di misure che accrescono l’iniquità, l’ingiustizia, le discriminazioni sociali di cui finora sono stati sempre portatori i provvedimenti scellerati di questo Governo che ha un solo obiettivo: abbattere lo stato sociale e negare le tutele.
 
Contro di esse, la CGIL ha promosso uno sciopero generale riuscitissimo il 6 settembre u.s.
 
Nelle prossime settimane continuerà la mobilitazione della CGIL per cambiare alla radice le manovre finanziarie correttive fino alla grande manifestazione nazionale, programmata per gli inizi di dicembre, a difesa del lavoro e dell’occupazione giovanile.
 
In questi gg. imperversa nel ns. territorio una polemica, per alcuni aspetti strumentale, sui ticket sanitari.
 
Lo abbiamo detto in tutte le assemblee tenute in preparazione dello sciopero generale del 6 settembre, lo abbiamo scritto in tutti volantini distribuiti nelle piazze, nei mercati rionali, davanti agli ospedali, che le manovre di questo governo, caratterizzate da tagli indiscriminati e tasse alle regioni, alle province, ai comuni avrebbero determinato una macelleria sociale.
 
IL Governo nazionale, vigliaccamente, taglia alle Regioni e agli enti locali le risorse finanziarie costringendo gli stessi, per garantire comunque i servizi minimi essenziali, ad incrementare le tasse locali o i balzelli per accedere al servizio sanitario pubblico.
 
Ed è proprio quello che sta accadendo in tutte le regioni compresa la nostra.
 
Naturalmente, come già sostenuto in precedenza, c’ è stato un difetto grave di comunicazione da parte della Regione insieme alla mancanza di un confronto adeguato con le parti sociali per adottare misure che avessero un impatto meno traumatico possibile sui cittadini mettendo al riparo tutti quelli che vivono una condizione di maggiore fragilità economica, sociale e di salute.
 
Nella vicenda dell’introduzione dei ticket, un’altra anomalia che riscontriamo riguarda l’impreparazione delle strutture preposte a gestire una partita complessa come questa, impreparazione che ha determinato caos, confusione e rabbia da parte dei cittadini.
 
Inoltre un confronto con le parti sociali, senza pregiudiziali, avrebbe potuto portare a scelte di maggiore equilibrio anche nella distribuzione dei sacrifici da richiedere alla collettività.
 
Nel merito la misura più odiosa riguarda le prestazioni specialistiche e strumentali ambulatoriali (diagnostica).
 
CGIL SPI FP di MATERA ritengono che sia un errore un ticket il cui importo varia in funzione della complessità della prestazione specialistica.
 
Si comprende l’esigenza di tenere al riparo gli esami periodici e continuativi, ma occorre tenere conto di quei cittadini che necessitano di esami complessi o degli  anziani che sono portatori di patologie croniche che richiedono esami ambulatoriali strumentali frequenti che rischiano, oltre al danno (la malattia), anche la beffa (pagare un prezzo proibitivo).
 
Pertanto in presenza di un difficoltà economica che colpisce pensionati e lavoratori, si corre il rischio che tali persone rinuncino anche ad effettuare un’azione sanitaria di prevenzione dato il costo eccessivo da sopportare.
 
L’altro pericolo che va scongiurato è che attraverso tali misure, adottate per dare seguito ad una legge nazionale, si possa avere come risultato finale un rafforzamento della sanità privata (che in Basilicata rappresenta una realtà molto marginale): ciò avrebbe come conseguenza immediata un indebolimento di quella pubblica.
 
Se quest’ultimo può essere il disegno perverso e il vero obiettivo del Governo Nazionale, la Regione BASILICATA non può permettere che ciò si realizzi.
 
 
L’azione del sindacato confederale, come è la CGIL, è quella  di sconfiggere gli effetti perversi delle scelte sbagliate messe in campo dal governo nazionale.
 
Si ha poi l’impressione, e quindi va fatta una puntuale verifica, che il criterio dell’ISEE, da noi difeso nella sua filosofia, così come attualmente applicato e articolato, rischia non solo di non fotografare effettivamente la posizione economica delle persone ma addirittura di poter favorire fasce di evasori nell’accesso alle esenzioni o alle fasce più basse.
 
Quindi la canea di critiche indiscriminate e inconsistenti di coloro che, in questi anni, non solo non hanno contrastato le misure del Governo ma che lo hanno addirittura appoggiato, nonostante la produzione di provvedimenti vergognosi  che colpiscono lavoratori pubblici e privati e pensionati, appaiono francamente fuori luogo.
 
Alla luce di quanto finora detto, CGIL SPI FP di MATERA chiedono alla Regione Basilicata, e in modo particolare all’assessore alla sanità, la riapertura di un tavolo di confronto che abbia il compito di monitorare tutto quanto si sta verificando predisponendosi ad un confronto che produca una correzione delle iniquità che le misure adottate stanno determinando.
 
La CGIL si approccia all’apertura di tale confronto con l’obiettivo di tutelare al meglio il diritto alla difesa della salute dei cittadini così come previsto dalla Costituzione Italiana che assegna alla sanità pubblica il ruolo di farsi garante di questo fondamentale e irrinunciabile principio.
 
Per la CGIL, anche rispetto al pagamento di ticket, deve valere il principio che chi più ha, più deve pagare.
Matera, 5 ottobre 2011"



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi