home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 89.614.357 visualizzazioni ]
30/09/2011 11.55.26 - Articolo letto 4382 volte

La sen. Antezza presenta il libro di Franco Di Pede al Presidente Schifani

Renato Schifani a Matera Renato Schifani a Matera
Media voti: La sen. Antezza presenta il libro di Franco Di Pede al Presidente Schifani - Voti: 0
Grande presenza di autorità e di stampa nazionale
Matera L’incontro, fortemente voluto dalla sen. Maria Antezza per presentare il libro “Matera Italia e Ritorno” di Di Pede, ha registrato una foltissima presenza di autorità e di stampa nazionale. In particolare, hanno partecipato, fra gli altri, il presidente del Senato, Renato Schifani, tutti i parlamentari lucani e mons. Ennio Appignanesi.
 “La presentazione del libro di Franco Di Pede rappresenta oggi, qui a Roma, alla presenza del presidente del Senato, Renato Schifani, una straordinaria occasione per valorizzare la storia della nostra città e il suo ricco patrimonio culturale e artistico”.
Lo ha detto il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, intervenendo ieri nella sala capitolare del Senato, a Roma, presso il Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva.
"Dobbiamo – ha detto Schifani - essere fieri della storia, delle tradizioni, delle lotte e delle battaglie fatte negli anni passati con grande sacrificio, anche di vite umane, per raggiungere questo 150/mo anniversario dell'unità d'Italia, di cui siamo fieri e che quest'anno celebriamo”. Schifani, in particolare, ha sottolineato come Matera rappresenti "uno dei tanti esempi delle meraviglie che racchiude questa nostra Italia, questa splendida terra che può e deve essere valorizzata al meglio per incentivare un turismo che è fonte di reddito di lavoro, ma anche per dare a noi tutti, che ne siamo i fortunati abitanti, la possibilità di apprezzare ogni giorno i luoghi in cui siamo nati, luoghi che a volte diamo per scontati".
Il libro nasce nel 2008 e trovò il sostegno dell’allora presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Maria Antezza. “Con l’odierna manifestazione – ha detto la senatrice materana - ho voluto presentare un’opera che ritengo di notevole valore culturale, che parla della mia città, facendola conoscere, anche, in questo alto consesso. L’idea per la quale mi convinsi a fare pubblicare “Matera Italia e ritorno” sta proprio nella sua struttura che trovo  semplice ed efficace. La città di Matera, oggi, si candida a Capitale Europea della cultura sia per la sua storia, ma, soprattutto per il suo progetto di sviluppo.  Un modello di città europea moderna e dal volto umano. Una capitale europea multiculturale, terra di nuovi incontri tra nord e sud e tra oriente ed occidente. Una terra capace di investire di nuovo il suo grande capitale sociale a favore dell’umanità.  Nel 2007 non pensavamo ancora alla candidatura, ma, ricordo che quando Franco mi presentò il progetto della sua opera  Matera Italia e ritorno, lo trovai semplicemente geniale. L’idea era far parlare non già l’autore del libro, ma, alcuni studiosi che, nel tempo, hanno conosciuto Matera e la sua lunga e ricca storia.  E’ un racconto alla portata di tutti, ma, mai banale.  Questa era la scommessa del libro catalogo.  E questa scommessa Franco Di Pede l’ha vinta”.
A spiegare questo lavoro editoriale ci ha pensato l’autore.  “Ritornare al passato – ha detto Di Pede - ha significato recuperare vecchie immagini realizzate con una macchina fotografica fabbricata nel 1968, la Kodak Instamatic 133 a fuoco fisso, con cui nel corso degli anni 70 ho cercato di “fissare” nella memoria visiva questa sorta di “architettura senza architetti” che si è andata creando e stratificando nei secoli in Matera, nei suoi Sassi, nel suo habitat rupestre. Un viaggio ritorno-andata, si diceva, dove l’andata, la meta da raggiungere non è solo il presente inteso come riproposizione all’attenzione dell’opinione pubblica di oggi, alle nuove generazioni della vita e delle immagini di Matera e dei suoi Sassi, ma è soprattutto il futuro, il futuro dei mesi e degli anni che ci separano e separano Matera dal fatidico 2019, il futuro che vedrà me e lo Studio Arti Visive impegnati nel nostro piccolo nel contribuire a sostenere la candidatura di Matera a capitale europea della cultura”.
Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore comunale alla Cultura, Elio Bergantino.
“La presentazione di un libro – ha detto Bergantino - è molte volte l'occasione per parlare anche del suo autore, ripercorrerne l'itinerario culturale, tratteggiarne la biografia intellettuale. Quella di Di Pede si delinea lungo tre strati: il fotografo, l’artista, il divulgatore. Tre azioni di fondamentale importanza per il percorso di Matera 2019. La città dei Sassi può diventare la capitale europea della cultura al Sud valorizzando il Mezzogiorno non come problema, ma come opportunità per l’Italia e l’Europa. Occorre allora rifuggire da ogni ricostruzione semplicistica. Il Sud non è una uniforme area depressa. I tanti esempi di eccellenza ci dimostrano che non esiste un solo Sud, ma diverse realtà locali dove non mancano i germogli di un percorso di sviluppo civile ed economico possibile ed essenziale per il destino dell'intero Paese. L’industria culturale gioca un ruolo nell’atteso «piano Sud» ed è importante per noi saperlo. Questo volume ci conferma che il Sud ha nel suoi beni culturali e nello sviluppo di una industria che li valorizzi una speranza per le nuove generazioni.
Dopo l’intervento di Raffello De Ruggieri che, attraverso l’ausilio di alcune diapositive, ha illustrato la storia di Matera e le sue principali caratteristiche è intervenuto il sindaco, Salvatore Adduce.
“Questo volume – ha detto Adduce – si muove esattamente sul solco della sfida che abbiamo lanciato di candidare Matera a capitale europea della Cultura 2019. Soprattutto perché l’autore è stato in grado di raccontare la nostra città attraverso lo sguardo degli altri, dei nostri ospiti. E’ questo lo spirito che anima il percorso della candidatura: allontanarci il più possibile dalla autoreferenzialità e affidare agli altri la lettura della nostra storia perché con il loro sguardo possano aiutarci crescere ancora di più in un contesto veramente europeo”.
 




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi