home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.997.244 visualizzazioni ]
20/09/2011 17.35.52 - Articolo letto 6297 volte

Assegnazione dei suoli per l’edilizia convenzionata a Matera

Cantiere (foto Martemix) Cantiere (foto Martemix)
Media voti: Assegnazione dei suoli per l’edilizia convenzionata a Matera - Voti: 0
Priorità riconosciuta dal Consiglio di Stato all’Ater
Matera Non si hanno notizie sugli sviluppi della situazione creatasi a seguito della  sentenza del Consiglio di Stato di alcuni mesi or sono, che obbligava il Comune di Matera a rifondere l’Ater di circa € 200.000 (duecentomila) per il mancato accoglimento della sua richiesta di suoli, inoltrata nell’ottobre 2001, per la costruzione di 30 alloggi di edilizia convenzionata nel Peep L’Arco di via Gravina, finanziata con appositi fondi regionali (ca 2 milioni di €).
Quelle aree  erano state assegnate in un primo momento, nell’aprile 2002,  dal Consiglio Comunale alle cooperative.
 L’Ater pertanto ricorse al Tar, che accolse però solo parzialmente le sue legittime ragioni fondate sulla priorità che dovrebbe essere riconosciuta ad un ente pubblico rispetto a soggetti privati quali sono anche le cooperative nell’assegnazione di detti suoli di edilizia sociale.
Tali ragioni, invece, sono state pienamente  riconosciute dal Consiglio di Stato di cui prima, e pertanto il Comune deve sostenere l’onere finanziario di € 200.000 in favore dell’Ater.
Si comprendono allora le fondate motivazioni che hanno spinto l’Amministratore Unico dell’ente Innocenzo Lo Guercio ad adire ancora una volta il TAR per contrastare la mancata assegnazione di suoli da parte del Comune per la costruzione di altri 51 alloggi di edilizia convenzionata nel Peep di via Gravina.
Si tenga presente a tal riguardo che in data 29 settembre 2006 il Consiglio Comunale  aveva già deliberato l’assegnazione di suoli nel Peep di via Gravina, mentre nello scorso giugno l’attuale amministrazione comunale procedeva all’emanazione di un apposto bando, i cui soggetti interessati venivano identificati nelle sole cooperative.
 
Si preannunciano allora nuovi oneri a carico del Comune se, come tutto lascia presagire, la giustizia amministrativa confermerà il suo orientamento manifestato per i 30 alloggi del Peep L’Arco.
 
Certamente non si è in presenza di una buona notizia per l’Amministrazione Comunale e per tutti i materani contribuenti.
 
Da parte dell’Amministrazione Comunale si è continuato a persistere nell’esclusione di un ente pubblico quale l’Ater  dalla costruzione di alloggi di edilizia convenzionata, scelta che le nostre associazioni da tempo stanno contrastando, in quanto, a differenza dei costruttori privati, anche per l’edilizia convenzionata (oltre che per la sovvenzionata) quell’ente procede per l’assegnazione degli alloggi mediante bando pubblico e formazione di graduatorie in base a criteri socio-economici.
 
Alcune delle nostre associazioni avevano ribadito ancora una volta il loro punto di vista in una nota allegata, riassuntiva della situazione della edilizia sociale - convenzionata e sovvenzionata - a Matera e  resa pubblica il  26/6/2011. Vi si invitava in particolare l’Amministrazione Comunale a soddisfare finalmente la ripetuta richiesta dell’Ater di venire in possesso dei suoli per la costruzione di alloggi, per i quali dispone da tempo dei necessari fondi per poter far fronte alle pressanti richieste di case economiche e popolari di centinaia di famiglie materane.
 
In quella nota in particolare si rivolgeva altresì un forte appello alle forze politiche presenti in Consiglio Comunale, affinché, al di là delle forti riserve avanzate per le scelte urbanistiche del cosiddetto “piano casa”, anche per l’assegnazione degli alloggi di edilizia convenzionata costruiti dalle imprese private in tale contesto si dovesse ricorrere, come avviene per l’Ater, al bando pubblico, alla graduatoria formata in base a criteri socio-economici e all’individuazione degli aventi diritto a mezzo di una commissione appositamente costituita operante sotto la vigilanza degli uffici comunali, ciò che dovrebbe costituire una discriminante per la definitiva approvazione dei progetti candidati all’attuazione di detto “piano”.
Si assicurerebbe così - veniva sottolineato – almeno maggiore trasparenza in una operazione che è stata presentata da quanti l’hanno sostenuta quale occasione straordinaria per far fronte alla domanda di casa per le famiglie non abbienti.
 
Le scriventi associazioni ribadiscono con forza questo orientamento.
 
Come pure segnalano nuovamente  il mancato avvio da parte dell’Amministrazione Comunale dell’Osservatorio Casa, pure tanto a suo tempo pubblicizzato, che dovrebbe costituire un importante momento di partecipazione democratica per monitorare continuamente la fortissima domanda e l’offerta dell’edilizia popolare.



Resta ancora un miraggio una casa economica e popolare per migliaia di famiglie materane
Ancora tantissime sono le richieste di  case economiche e popolari delle famiglie materane con bassi redditi   che continuano a non ricevere risposta plausibile dall’Amministrazione Comunale, nonostante i ripetuti comunicati stampa che annunciano periodicamente decisioni di cui non si hanno riscontri.
Per non parlare del  famigerato Piano Casa, che, oltre a favorire ulteriormente consumo e cementificazione di territorio, non si vede come possa venire incontro a quanti non sono in grado di pagare fitti consistenti per una abitazione o non possono sostenere gli ingenti oneri per la contrazione di mutui bancari.
 
Per mostrare che le nostre non sono generiche affermazioni allarmistiche o propagandistiche, sarà il caso di riportare innanzitutto i dati  che fotografano la situazione attuale in cui si trova impegnata l’Ater in Città relativamente alla costruzione di alloggi, alla richiesta al Comune di suoli per nuovi alloggi e  al numero di domande prodotte a seguito di appositi bandi,  sia per quanto riguarda l’edilizia sovvenzionata che quella convenzionata.
 
     Edilizia Sovvenzionata
 
La costruzione di alloggi di edilizia sovvenzionata ad opera dell’Ater è l’unica veramente in grado di soddisfare le esigenze abitative dei ceti popolari, in quanto i canoni sono determinati in base al reddito familiare e pertanto sono molto contenuti.
 
A Matera si potrebbe disporre di ben 126 alloggi  di edilizia sovvenzionata in tempi ravvicinati, se l’Ater, oltre ai 76 in corso di realizzazione, potesse costruirne altri 50 ove il Comune assegnasse i suoli richiesti.
 
Questo il quadro riassuntivo della situazione dell’edilizia sovvenzionata:
 
--  Costruzioni in corso di realizzazione
 
  • L’Ater attualmente sta realizzando in Città n. 44 alloggi nelle aree PEEP “L’Arco”, in via Gravina: la consegna delle opere è fissata al termine dell’anno in corso.
  • Altri 32 alloggi verranno completati nel borgo La Martella entro il 2012.
 
Per i complessivi 76 alloggi in costruzione le domande pervenute sono circa 650.
 
 
 
 
 
--  Richiesta di suoli al Comune inevasa
 
L’Ater ha chiesto da tempo al Comune, avendo la disponibilità di fondi, l’assegnazione di suoli per la costruzione:
  • di altri 14 alloggi di edilizia sovvenzionata nel borgo La Martella (Programma di Quartiere 1999);
  • di altri 36 alloggi di edilizia sovvenzionata in altre zone.
 
Ad oggi non risulta che la richiesta di suoli per 50 alloggi di edilizia sovvenzionata sia stata evasa.
 
         Edilizia convenzionata
 
L’Ater è impegnata anche nella costruzione di alloggi di edilizia sociale convenzionata, con la quale rispondere alle necessità abitative delle famiglie che possono pagare canoni mensili compresi tra 250 e 450 € (a cui aggiungere l’Iva) per almeno 8 anni in vista di eventuale riscatto dell’alloggio mediante contrazione di mutuo.
Come si vede, si tratta di canoni che, per quanto contenuti, non sono molto accessibili per le famiglie bisognose.
A differenza però  dei costruttori privati, anche per l’edilizia convenzionata l’Ater procede per l’assegnazione degli alloggi mediante bando pubblico e formazione di graduatorie in base a criteri socio-economici.
 
A Matera si potrebbe disporre di ben 129 alloggi  di edilizia convenzionata in tempi ravvicinati, se l’Ater, oltre ai 30 in corso di realizzazione, potesse costruirne altri 99 ove il Comune assegnasse i suoli richiesti.
 
 
Questo il quadro riassuntivo della situazione dell’edilizia convenzionata:
 
--  Costruzioni in corso di realizzazione
 
  • L’Ater sta costruendo 30 alloggi nelle aree PEEP “L’Arco”, in via Gravina, con termine dei lavori stabilito a fine 2012. Il termine fissato dal bando per la presentazione delle domande è scaduto lo scorso 17 giugno.
 
Sono state presentate circa 700 domande.
 
 --  Richiesta di suoli al Comune inevasa
 
L’Ater ha chiesto da tempo al Comune, avendo la disponibilità di fondi, l’assegnazione di suoli per:
  • n. 6 alloggi nel borgo La Martella;
  • n.30 alloggi nell’ambito del PRU di S. Giacomo;
  • n.51 alloggi in via Gravina;
  • n.12 alloggi nell’area Peep “L’arco” (delibera di assegnazione del 20/9/2006, non ancora attuata).
 
Ad oggi non risulta che la richiesta di suoli per 99 alloggi di edilizia convenzionata  sia stata
evasa.
 
      
      Edilizia convenzionata e Piano Casa
 
La Federazione Provinciale del Sunia, l’Associazione “Diritti di Cittadinanza” e l’Associazione Proprietari e Utenti (Apu) di Matera, nonostante il giudizio negativo espresso sul Piano Casa, chiedono alle forze politiche presenti in Consiglio Comunale che anche per l’assegnazione degli alloggi di edilizia convenzionata costruiti dalle imprese private nell’ambito di detto Piano si debba ricorrere al bando pubblico, alla graduatoria formata in base a criteri socio-economici e all’individuazione degli aventi diritto sotto la vigilanza degli uffici comunali, ciò che dovrebbe costituire una discriminante per la definitiva approvazione dei progetti candidati.
 
Si assicurerebbe così almeno maggiore trasparenza in una operazione che è stata presentata da quanti l’hanno sostenuta quale occasione straordinaria per far fronte alla domanda di casa per le famiglie non abbienti.
 
 
        Osservatorio Casa
 
Si coglie l’occasione per ricordare ancora una volta il mancato avvio da parte dell’Amministrazione Comunale dell’Osservatorio Casa, pure tanto a suo tempo pubblicizzato, che dovrebbe costituire un importante momento di partecipazione democratica per monitorare continuamente la fortissima domanda e l’offerta dell’edilizia popolare in Città.
 
Matera, 26/6/2011
 
per il Sunia                                 per “Diritti di Cittadinanza”            per Assoc. Proprietari e Utenti 
 
    Franco Casertano                                Angelo Bianchi                              Domenica Rienzi




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi